DECEUNINCK QUICK STEP, TUTTI INSIEME PER UN AMBIENTE MIGLIORE

NEWS | 11/01/2020 | 07:36

La Deceuninck Quick-Step ha annunciato ieri il lancio di un nuovo progetto di sostenibilità, #itsstartswithus, che ne farà la prima squadra ciclistica carbon neutral al mondo. Questo oltre a intraprendere un ambizioso programma di cambiamenti culturali e comportamentali, volto a limitare l’impatto ambientale sul pianeta.

Negli ultimi anni è diventato sempre più evidente come le abitudini della gente, insieme alla costruzione di una cultura usa e getta, abbiano iniziato a mettere a dura prova il pianeta.

Lo sport ha svolto un ruolo importante in questa presa di coscienza, incoraggiando atleti e tifosi ad esplorare nuove opportunità. Deceuninck - Quick-Step ha calcolato il proprio impatto di carbonio in 1288 tonnellate di CO2, valore che equivale a percorrere con un'auto 179 volte il giro del mondo o 539 voli di ritorno tra Bruxelles e New York. La quantità di foresta necessaria per catturare questa quantità di CO2 è l'equivalente di circa 3099 campi da calcio.

Alla luce di questi numeri, il team si è impegnato in un "manifesto dei cambiamenti" che ha lo scopo di ridurre l'impatto ambientale, apportare cambiamenti positivi che possano aiutare a ridurne gli sprechi e aiutare a educare corridori, personale, partner e sostenitori sull'argomento, con la speranza di contribuire all’evoluzione delle abitudini. Gli impegni sono:
• Riduzione dell'utilizzo della plastica nei prossimi due anni e aumento del riciclaggio
• Creare consapevolezza e networking tra i partner / fornitori del team
• Promuovere la vendita di prodotti riciclati attraverso la piattaforma digitale del team
• Incoraggiare i fan e il personale delle aziende partner a viaggiare di più in bicicletta
• Riduzione del consumo di energia nella sede centrale
• Dividere e riciclare i rifiuti e utilizzare il più possibile prodotti biodegradabili
• Promuovere la cultura del riciclaggio e ridurre i rifiuti
• Educare i ciclisti e il personale a rispettare l'ambiente
• Compensare le restanti emissioni di CO2 sostenendo progetti climatici certificati

Deceuninck - Quick-Step è pronta a fare la propria parte ed il responsabile Marketing & Communication Alessandro Tegner spiega: «Quasi quotidianamente riceviamo notizie che parlano del nostro ambiente e di come si sta degradando. Rispetto a molti altri sport, il ciclismo ha un rapporto unico con l'ambiente in quanto è il nostro stadio e, come ogni stadio, deve essere curato. Come team viaggiamo per migliaia di chilometri ogni anno e utilizziamo una grande quantità di energia, quindi dobbiamo assumerci la nostra parte di responsabilità. Lo vediamo come un processo a lungo termine, di educazione e cambiamento delle abitudini, e non si tratta di una cosa semplice. Come tutto ciò che facciamo come squadra, puntiamo al coinvolgimento di tutti: i corridori, lo staff, gli sponsor, i sostenitori e coloro che ci circondano in gare ed eventi. Non succederà dall'oggi al domani, ma se tutti facciamo la nostra parte, i benefici saranno di lunga durata. Siamo lieti che i nostri partner abbiano supportato sin dal primo momento la nostra iniziativa con idee e commenti che entreranno a far parte del progetto nel prossimo futuro».

«Siamo molto soddisfatti dell'impegno e della collaborazione sul clima di Deceuninck-Quickstep. Questo costituirà un esempio per tutti gli sport. Il ciclismo è uno sport bello, e a basse emissioni di carbonio, che riunisce persone in tutto il mondo. Sfortunatamente per esigenze di viaggio nell'atmosfera viene emessa una grande quantità di CO2. Insieme continueremo a calcolare e ridurre l'impatto sul clima dei team attraverso azioni quotidiane e sostenendo progetti climatici certificati» ha affermato Antoine Geerinckx, fondatore e direttore di CO2logic, società che affiancherà la Deceuninck Quick Step in questa iniziativa.

#itsstartswithus vedrà Deceuninck - Quick-Step affrontare il proprio impatto ambientale su più fronti, in particolare attraverso due grandi progetti di compensazione. Il primo è un progetto per fornire e installare un approvvigionamento idrico sicuro nel distretto di Kaliro in Uganda. Oltre ai benefici umanitari, ci saranno anche vantaggi ambientali, specialmente per contrastare la deforestazione nella zona. Una fornitura di acqua sicura cancella anche la necessità di erogare acqua, riducendo così notevolmente la dipendenza da veicoli pesanti o la combustione del legno per far bollire l'acqua, evitando quindi la deforestazione e riducendo le emissioni di CO2.

Il secondo progetto di compensazione, in collaborazione con CO2logic, si svolge in un luogo molto vicino al cuore degli appassionati di ciclismo, vale a dire la regione intorno al Mont Ventoux. La campagna Decituninck - Quick-Step #itstartswithus collaborerà con un progetto sviluppato dal Centre Régional de la Propriété Forestière, che sta realizzando una serie di interventi di conservazione e rimboschimento nell'area. L'area è nota per essere habitat ideale per i lupi, l’animale simbolo della squadra, e la conservazione della foresta offrierà loro una maggiore area forestale in cui vivere.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

“La bicicletta ha scenari di sviluppo molto ampi – fa notare il presidente di Confindustria ANCMA, Paolo Magri, commentando i dati elaborati dall’associazione -  soprattutto se paragoniamo l’uso del mezzo nel nostro paese rispetto a quello di nazioni più avanzate in...


Pochi oggetti nel mondo dello sport vantano un apparato di significati più vasto di quello di cui è dotata la borraccia nel ciclismo. Fondamentale strumento di sopravvivenza fisica dei corridori, la borraccia rappresenta «l’anello di congiunzione tra l’ordinarietà del pedalatore...


La Società Ciclistica Carnaghese ha deciso di annullare il 24esimo Gran Premio dell’Arno – Coppa d’argento Comune di Solbiate Arno, gara internazionale per la categoria juniores in programma domenica 7 giugno. E’ solo l’ultima in ordine di tempo delle gare...


Il Tour de France ad agosto? È un'idea che piace a Tom Dumoulin. Rispondendo alle domande di Sporza, l'olandese della Jumbo-Visma ha detto la sua sul possibile calendario. «Secondo me si può fare, facendo slittare un poco la Vuelta. Penso...


Marta Bastianelli è caduta e si è rialzata così tante volte che ha perso il conto. Lo farà anche questa volta, con il carattere che contraddistingue i campioni. Anche se il suo sogno più grande, quello a forma di cinque...


Aretino di Laterina, Enrico Baglioni è un giovane promettente con licenza di vincere. Come dimostrano i suoi quattro successi nelle due ultime stagioni con gli juniores nel team Stabbia, tra cui quella conquistata a marzo dello scorso anno nel Memorial...


Ne sono certo, abbiamo bisogno di novità, di fiducia nel domani e di una carica positiva probabilmente fuori dal comune. Occorre essere sul pezzo e mi raccomando, non abbassate la guardia, ma possiamo combattere questa situazione negativa anche concentrandoci su...


Una grave emergenza sanitaria ha colpito il nostro Paese. E’ stato un susseguirsi di avvenimenti che hanno portato il governo a prendere decisioni restrittive per il bene del paese: scuole chiuse, attività produttive non essenziali chiuse e la forte raccomandazione di restare...


  La quarantena è una buona occasione per rimediare a omissioni e dimenticanze. Così, finalmente, ecco Luciano Soave, ieri gregario, oggi artista. “Ero un coppiano. Stravedevo per lui. Quando morì, piansi. Avevo 17 anni”. “L’unica cosa in cui avrei potuto...


L'edizione del ventennale del Memorial intitolato ad Alberto Coffani dovrà attendere, nella migliore delle ipotesi, ancora qualche mese. La corsa di Gazoldo degli Ippoliti per donne allieve ed esordienti,  che avrebbe dovuto inaugurare la stagione organizzativa del Pedale Castelnovese deve...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155