IL PERICOLO E' (PURTROPPO) IL NOSTRO MESTIERE

LETTERA APERTA | 13/08/2019 | 07:55
di Fiorenzo Alessi

Caro Direttore,
non so tu, ma tra i pochi capelli che mi restano io ne ho parecchi di bianchi. E' un segno dell'età, del tempo che passa. Di una delle poche cose giuste, ormai, che la vita riserva indistintamente a tutti. Forse anche per questo, oltre al fatto che le rotelle girino ancora alla perfezione (almeno m'illudo che sia così) e che la memoria sia... di ferro, ricordo una frase ad effetto che, a cavallo degli anni '60, profferiva un attore che era un nostrano Humphrey Bogart . Nei panni del Tenente Sheridan, come fosse una corazza metaforica rispetto alle avversità ed i pericoli del mestiere d'investigatore, Ubaldo Lay se ne usciva con quel mitico... "Il pericolo è il mio mestiere!" .

Alla notizia dell'ennesimo... "abbattimento" stradale di un ciclista, nell'occasione il professionista lucano Pozzovivo, credo sia il caso di riproporre, a pieno titolo, quest'emblematica espressione: per chi va in bici, magari facendone una professione ed il lavoro della vita, va tenuto proprio in conto che il pericolo, oltre che sgradito compagno di viaggio, diventa esso stesso mestiere.

A volte un pensiero o una riflessione, apparentemente di una semplicità estrema, faticano ad aprire una breccia nelle menti illuminate di chi, più male che bene, regge le sorti della comune e civile convivenza: è di una sconvolgente ovvietà il fatto, sotto gli occhi di tutti coloro che vogliano vedere e non solo guardare, che la rete stradale non sia nè riesca più, per la gran parte, a sostenere adeguatamente il traffico... dei tempi moderni.  Aggiungiamoci: 1) quella gran trovata delle rotatorie, dalle dimensioni micro di una ruota di camion a quelle macro di un'astronave marziana, che danno quel tocco di "funambolico carosello" pistaiolo; 2) le famigerate "ciclo-pedonali", la cui stessa denominazione ha l'implicita gradevolezza di... un calcio nei denti; 3) la fretta, ansiogena e terrificante, che è un potentissimo doping per la specie dominante degli umani-automotorizzati; e giungiamo con... un filo di gas alla conclusione che, comunque la si voglia mettere, non c’è spazio né sicurezza né tanto meno toleranza per quei poveri cristi dei ciclisti. Che siano dei Professionisti-Campioni o dei brocchi domenicali, meglio per tutti che... cambino strada se vogliono campare a lungo!

La professione che esercito vorrebbe che, a parziale attenuazione di quanto sopra ho drasticamente esposto, facessi almeno menzione della apprezzabile circostanza che le norme ci sono (sia datate che di nuovo conio) perché tutti i fruitori della strada siano garantiti e tutelati: precetti di (apparentemente) agevole applicazione, e sanzioni altresì di estrema severità per chi non rispetta le leggi. Ma l'esperienza, sia nei cosiddetti Palazzi di Giustizia che proprio sul "campo stradale", m'induce a ritenere illusorio il concetto di sicurezza almeno fino a quando il buon senso, oltre ad essere strettamente connesso con il cervello, non sarà anche un tutt'uno con il rispetto sia delle Legge che del prossimo. Anche se in sella ad una bici.

Insomma, dobbiamo ancora confidare... che Dio ce la mandi buona! E, alla fin fine, può non essere una grande consolazione.
Cordialmente, anche se sconsolatamente.

Copyright © TBW
COMMENTI
Forse nell'ordine
13 agosto 2019 17:27 bove
No no non è un errore ortografico. Intendevo proprio scrivere "forse nell'ordine". Le norme giustamente ci sono ma purtroppo troppo spesso non vengono fatte rispettare e chi dovrebbe vigilare o non c'è oppure non ha evidentemente gli strumenti per farlo. Per lavoro e per diletto frequento le strade tutto il giorno e di forze dell'ordine "tutte" se ne vedono in giro ben poche. O meglio se ne vedono quando le casse dei comuni piangono e allora via di postazioni autovelox.

dispiacere tanto
13 agosto 2019 19:43 geom54
i migliori auguri sempre

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

È stata a presentata a Tel Aviv la nuova Israel Cycling Academy, che in vista dello sbarco nel WorldTour si rifarà il look e pure il nome. Sarà infatti Israel Start Up Nation la nuova denominazione del team, mentre la...


«Di una cosa sono certo: peggio di quest’anno non faremo». A Bruno Reverberi non ha mai fatto difetto l’ironia e la franchezza è la sua cifra distintiva. Quello che ha da dire, lo dice. A maggior ragione adesso, alla soglia...


Un modo diverso, un modo nuovo di raccontare lo sport e i suoi campioni. E un racconto affidato ai social network, nuovo punto di incontro e di confronto, di sviliuppo e di discussione.Segafredo Zanetti crede fortemente nei valori positivi e...


Matteo Cervellin, medico chirurgo specialista in ortopedia e traumatologia, ci spiega come ridurre il rischio di infortunio. L’attività fisica è considerata uno dei maggiori fattori di protezione da patologie cardio-circolatorie e degenerative, per questo viene fortemente sostenuta la pratica come...


"Qui Laigueglia Slow Holydays" vuole tornare a pedalare e si rivolge alle squadre ciclistiche con un progetto tutto nuovo per l'anno 2020: riportare nella città ligure il ritiro collegiale dei gruppi sportivi ciclistici che parteciperanno al Trofeo Laigueglia tradizionale classica di...


Ad un anno dal terribile incidente di cui è stato protagonista in allenamento, Samuele Manfredi continua la sua lunga risalita e, soprattutto, continua a sentirsi un corridore. Lo ha spiegato molto bene in una intervista concessa a Francesco Pancani di...


«L’obiettivo principale per noi è continuare a vincere - spiega il direttore tecnico Matt White -, come sempre avremo i grandi giri nel mirino e abbiamo la squadra giusta per puntare ai massimi risultati». Ben 24 (sui 25 del 2019)...


L'Unione Ciclistica Internazionale ha diramato la lista delle squadre che sono ammesse alla massima categoria ottenendo la licenza World Tour fino al 2023: Alé - BTC Ljubljana sarà l'unico team che avrà l'onore di rappresentare l'Italia nel gotha del ciclismo mondiale....


La Wanty Gobert cambierà nome nel 2020 e diventerà Circus - Wanty Gobert dal 1° gennaio. Circus, consociata del gruppo belga Gaming1, è attiva in casinò, sale da gioco e nel settore delle scommesse sportive: già partner del team dal...


  La Tropicale Amissa Bongo sarà una delle prime gare del 2020: in programma dal 20 al 26 gennaio, la competizione africana impegnerà gli atleti in sette frazioni attraverso cinque provincie del Gabon - con uno sconfinamento anche in Camerun....


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy