IL CALVARIO DI MODOLO: «HO PENSATO DI SMETTERE, ORA STO MEGLIO»

PROFESSIONISTI | 29/07/2019 | 10:25
di Carlo Malvestio

Nel silenzio generale, Sacha Modolo stava soffrendo tantissimo. Da diversi mesi, le sue prestazioni in gara erano calate notevolmente e il velocista della EF Education First non riusciva a darsi una spiegazione su cosa stesse succedendo al suo fisico. Dopo un ottimo 2017, con la Top10 al Giro delle Fiandre che poteva dare una nuova direzione alla sua carriera, il trevigiano ha vissuto due anni piuttosto incolore, con il successo alla Vuelta a Andalucia nel febbraio 2018 come ultimo sussulto. 


Lo sconforto lo ha attanagliato negli ultimi mesi, in particolare all'ultimo Giro d'Italia, che ha dovuto abbandonare dopo appena sette tappe, esausto. «Sono stati due anni molto difficli, ho pensato anche di smettere di correre - spiega il 32enne di Conegliano a tuttobiciweb - Non riuscivo a capire cosa non andasse. Recentemente, però, ho finalmente capito il problema: avevo dei funghi sullo stomaco, che non mi permettevano di assimilare nulla».


Individuata la causa dei suoi mali, l'ex Lampre ha ritrovato il sorriso e sta pian piano tornando ai livelli ottimali: «Non riuscivo nemmeno a fare un passeggiata con mia moglie che tornavo a casa sfinito. Ho fatto anche gli esami del sangue perché per un momento ho pensato fosse qualcosa di molto grave. È da due anni che dovevo fare i conti con questo problema e negli ultimi mesi era andato decisamente in peggiorando. Lo abbiamo scoperto dopo il Giro d'Italia, dove ho sofferto veramente tanto, e adesso che mi sto curando a dovere, sento di stare meglio».

All'Adriatica Ionica Race appena conclusasi, Modolo ha portato a casa buoni piazzamenti, a conferma che il percorso intrapreso per tornare quello di un paio di anni fa è quello giusto. «In questa corsa la Deceuninck ha fatto un po' quello che voleva, come sempre d'altronde - ammette con la consueta simpatia - Io ho fatto un paio di buone volate, sono soddisfatto. Adesso andrò al Giro di Polonia dove conto di essere protagonista».

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Com’è possibile??
29 luglio 2019 11:27 Finisseur
Mi chiedo perché il ciclismo rimanga uno sport così spartano, con corridori abbandonati a loro stessi fino al giorno della gara; mentre negli altri sport di squadra calcio, basket, volley, al minimo problema si corre a fare accertamenti e cure. Nel ciclismo invece vedi aru, modolo e altri corridori smettono o rischiano di smettere per problemi fisici non diagnosticati...

X finisseur
29 luglio 2019 12:12 berto
Ma cosa si vuole pretendere da uno sport dove i corridori si cambiano ancora sopra un marciapiede.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Oggi Rigoberto Uran ha fatto qualcosa di veramente incredibile: nei 23 km di cronometro da Sedrun a Andermatt è stato decisamente una spanna sopra a tutti gli altri rifilando ben 40” a Julian Alaphilippe e ben 54” al leader Carapaz....


Mattia Cattaneo si sta ritagliando un bel ruolo da protagonista in questo Tour de Suisse, dimostrando che i lunghi mesi di preparazione stanno dando i loro frutti. Nella crono inaugurale aveva dato spettacolo conquistando un bellissimo terzo posto a soli...


Non c'era modo migliore per salutare la Colpack Ballan. Juan Ayuso chiude in modo trionfale l'esperienza con la formazione italiana, dopo aver vinto nel giro di due mesi Trofeo Piva, Giro del Belvedere, Giro di Romagna e, dulcis in fundo,...


Rigoberto Uran ha vinto la crono valida come settima tappa del Giro di Svizzera e ora si è portato al secondo posto della generale a soli 17 secondi da Richard Carapaz. Prova, difficile, quella odierna, che prevedeva la salita all'OberalpPass...


È lo spagnolo Antonio Pedrero che fa festa sul traguardo della terza tappa della Route d'Occitaine, la Pierrefitte-Nestalas - Le Mourtis (Haute-Garonne). Il portacolore della Movistar ha piazzato il suo attacco vincente nel finale di una tappa davvero esplosiva, resistendo...


L'irlandese Ben Healy mette a segno la stoccata vincente sull'ultimo traguardo del Giro d'Italia Under 23 2021, quello di Castelfranco Veneto. Dopo una tappa velocissima e molto combattuta, con numerosi tentativi di attacco, l'azione decisiva parte dopo 80 km per...


Dominio assoluto della UAE Emirates sulle strade del Giro di Slovenia. La quarta tappa ha visto il successo di Diego Ulissi, che così cancella definitivamente il brutto periodo vissuto quest’inverno a causa di problemi cardiaci, davanti a Tadej Pogacar, all’ottimo...


Caleb Ewan non perdona e dopo 24 ore torna a tagliare per primo il traguardo: decisivo il lavoro di tutti i suoi compagni di squadra della Lotto Soudal che lo hanno "salvato" quando è andato in difficoltà sull'ultima ascesa e...


Samuele Bonetto conferma una volta di più la sua predisposizione per le prove contro il tempo vincendo il Trofeo Giancarlo Ceruti a Reggio Emilia prova di Campionato dell'Emilia Romagna a cronometro per juniores. Il veneto di Montebelluna, 18 anni dell'Uc...


Scalatori in scena stamane nella Lugo-Cerro in provincia di Verona per la cronoscalata valida come Gran Premio Val di Pan-Memorial Maurizio Bombieri, che ha visto in gara quattro categoria. La prova degli juniores ha fatto registrare la vittoria di Manuel Oioli,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155