TOUR. 1996, QUELLA NEVICATA A VAL D'ISERE...

STORIA | 26/07/2019 | 18:56
di Paolo Broggi

Non è la prima volta che Val d’Isère regala sorprese inattese al Tour de France. L’8 luglio del 1996, per esempio, avrebbe dovuto disputarsi la Val d’Isère-Sestriere con le scalate dell’Iseran e del Galibier prima di quelle, più semplici, del Monginevro e del Sestriere. Ma quel mattino il Tour si svegliò sotto la neve, sull’Iseran c’era una temperatura di cinque gradi sottozero e soffiava un vento molto forte che avrebbe messo a repentaglio la sicurezza dei corridori.

Inevitabile la decisione di cancellare due montagne e spostare la partenza a Monêtier-les-Bains per una tappa di soli 46 km. Grande andirivieni per caricare in ammiraglia bici e corridori, poi finalmente il via subito in salita per affrontare il Monginevro.

Nell’ultimo chilometro di ascesa, il terzo attacco del danese della Telekom va a segno, la maglia gialla Berzin si difende in discesa ma a 3500 metri dal traguardo china il capo e cede. Il ruso finisce a 1’23” da Riis, che indossa la maglia gialla e la porterà fino a Parigi. Salvo poi confessare, più di dieci anni dopo, che il suo successo era figlio del doping e che quella maglia giallagiaceva ormai dimenticata in un’anonima scatola nel garage di casa.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Più che una riflessione, un atto d'amore. Più che un'analisi, un grido disperato. Più che una proposta, una speranza da regalare a tutti i ragazzi e le ragazze che hanno la passione per la bicicletta e stanno vivendo giornate difficili....


Velocista su strada e pista e ora uomo di clausura. Nella storia recente del ciclismo Mario Traversoni (domenica avrà 48 anni) è il più famoso tra i corridori del Basso Lodigiano. Atleta etichettato “genio e sregolatezza”, abitava a Codogno e...


Mai come in questo periodo l’allenamento tra le quattro mura di casa è stato così centrale nelle chiacchierate via chat o nei post sui social: squat, flessioni, stretching e corse sul tapis roulant. Tuttavia, per ciclisti, biker e triatleti, l’allenamento...


Un progetto che si fa concreto giorno dopo giorno, pur con tutti i punti di domanda che la situazione legata al coronavirus lascia ancora senza risposta: Flanders Classics sta lavorando per organizzare il Giro delle Fiandre sabato 19 settembre. In...


Ci risiamo, fermato da Carabinieri. Tutto filmato. Succede sempre in Trentino dove l'ormai noto Marco Brazzo, in sella alla sua bici, viene invitato ad accostare da una pattuglia. Lui riparte con la solita arringa documentata con smarthphone.  Abbiamo parlato con...


Ai tempi della guerra fredda c’era la linea rossa rovente, ora i tempi si sono evoluti ed è la banda larga ad essere rovente... Si stanno intrecciando, infatti, le conference call tra l’Uci e gli stakeholders del ciclismo, tra le...


La notizia poteva per noi europei anche passare inosservata, perchè postata sui social in polacco, in pratica ad uso della sua nazione Michał Kwiatkowski si conferma ragazzo sensibile e mette a disposizione dei medici e degli infermieri della sua nazione...


Se ne parla ormai da giorni ma l'ipotesi sta prendendo via via maggiore concretezza: il Tour de France sta lavorando ad un rinvio di quattro settimane della corsa. Da sabato 25 luglio a domenica 16 agosto: ecco le nuove date...


Che passioni si coltivano ai tempi del coronavirus? Giacomo Nizzolo ne ha tre: la moda, i motori e... la barba. «A dire la verita - ha spiegato il ciclista della NTT nel corso dell'intervista realizzata per la nuova puntata di...


Tatiana Guderzo è salita in bicicletta anche quest’anno perché aveva un obiettivo da conquistare a tutti i costi: la sua quinta Olimpiade. La campionessa marosticense è fra i pochissimi atleti italiani in attività che possono vantare la partecipazione a quattro...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155