UN CASO AL TOUR. COSA È SUCCESSO A ROHAN DENNIS?

PROFESSIONISTI | 18/07/2019 | 15:35
di Guido La Marca

Scoppia il caso Rohan Dennis al Tour de France. L'australiano della Bahrain Merida, che in avvio di tappa è stato tra i più pimpanti nel cercare di inserirsi nella fuga, si è improvvisamente ritirato. Nessuna spiegazione al riguardo da parte di radiocorsa, ma soprattutto grande sorpresa in seno alla Bahrain Merida. Il team ha twittato alle 15.23: «La nostra priorità è la salute di tutti i nostri corridori, quindi avvieremo un'indagine immediata ma non commenteremo ulteriormente finché non avremo stabilito cosa è successo a Rohan Dennis».

Aggiornamento ore 16. Rohan Dennis ha raggiunto il pullman della squadra al traguardo a bordo di un'ammiraglia guidata dai massaggiatori, si è cambiato e senza parlare con nessuno se n'è andato.

Aggiornamento ore 16.20. Un Dennis dallo sguardo corrucciato si è allontanato con il suo manager Andrew McQuaid rifiutando di rispondere alle domande dei cronisti.

Aggiornamento ore 17.20. L'addetto stampa del team Geoffrey Pizzorni ai microfoni del collega di Raisport Ettore Giovanelli aggiunge: «Si è fermato al primo rifornimento. Per noi è stata una doccia fredda, è stata una sua decisione, è sceso di bici ed è salito in macchina. Non ha dato spiegazioni, in quel momento non era molto comunicativo. Non sembra avesse problemi fisici, ma dobbiamo parlarci per capire le sue motivazioni. Prima o poi tornerà al bus perchè ci sono su le sue cose. Aggiungere altro al momento non avrebbe senso».

Aggiornamento ore 17.40. Poche le parole di Gorazd Stangelj, tecnico dell'ammiraglia numero 1 della Bahrain Merida: «Anche noi siamo confusi e soprattutto delusi da quello che è successo, perché ci aspettavamo una grande prestazione da lui domani nella crono. Per questo gli avevamo chiesto di risparmiare energia ieri e oggi. Quando abbiamo saputo che si era fermato nella zona del rifornimento, noi lo avevamo già superato e non potevamo più tornare indietro. Abbiamo chiamato la vettura del fisioterapista per parlare con Rohan, ma lui non ha voluto rispondere, ha solo detto che voleva ritirarsi. Sappiamo solo che il ritiro non ha nulla a che fare con le sue condizioni fisiche. Insoddisfatto dei materiali? Dennis vuole che tutto sia al 100%, ma non è sempre facile ottenere questo risultato».

Aggiornamento ore 18.02. Il Team Bahrain Merida diffonde un comunicato stampa nel quale ripete parola per parola quanto era stato twittato nel pomeriggio - «La nostra priorità è la salute di tutti i nostri corridori, quindi avvieremo un'indagine immediata ma non commenteremo ulteriormente finché non avremo stabilito cosa è successo a Rohan Dennis - senza aggiungere ulteriori commenti. Intanto il pullman della squadra è partito in direzione dell'hotel di Pau dove il team alloggerà senza avere a bordo il corridore australiano.

Seguono aggiornamenti

Copyright © TBW
COMMENTI
Disastro
18 luglio 2019 17:21 Berna71
Qualcosa di grosso e’ successo certo squadra allo sbando tra mercato , casi doping e altre faccende molto molto nebulose dove non si capisce chi comanda col clan Nibali e resto separati formazioni x le gare da capire se si vuole vincere o partecipare, nel senso che al giro squadra era ridicola in supporto a Nibali, al contrario del tour e in ogni caso un casino anche se il potenziale mi pare grande ma mal sfruttato forse un bene che il siciliano vada alla Trek x chiarire un po’ le cose e gerarchie

australiani
18 luglio 2019 19:15 limatore
l'ultimo mese prima dello svizzera è stato sempre con il suo mental-coach e il suo allenatore per preparare il TdF facendo benissimo allo Svizzera. Il mental-coach ci vuole più bravo, sicuro!

Mannaggia..
18 luglio 2019 20:31 gravel
Io l'avevo in squadra nel fantaciclismo e non vedevo l'ora della crono.. Mannaggia

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

È chiaro che ci sarà da rimboccarsi le maniche e da stringere la cinghia, ma come sempre le crisi sono molto più crisi che per altri. Nel World Tour sono in diversi a tremare, ma almeno tre squadre sono sul...


Parlando ai canali ufficiali della sua squadra, la formazione continental Kometa-Xstra (che abbiamo seguito da vicinissimo nella presentazione ufficiale per il 2020 a fine gennaio, nei pressi di Valencia) il classe '96 Giacomo Garavaglia, descrittoci a suo tempo dal d.s....


Michelin Italia ed Euromaster hanno deciso di supportare la Croce Rossa Italiana e le ASL che con la loro attività di soccorso alle vittime contagiate dal Covid 19 svolgono un ruolo importante nella battaglia per curare i cittadini italiani. L’iniziativa...


Un piccolo gesto per arrivare tutti insieme ad un grande traguardo. Una delegazione della Motostaffetta Friulana, organizzazione di volontariato della Protezione Civile, ha consegnato 600 mascherine sanitarie all'assessore alla sanità del Comune di Udine Giovanni Barillari. Le mascherine dono di...


È un momento così, pieno di ansie e di numeri che portano ansia e persino dolore. Momenti di bollettini e decreti ministeriali. Percentuali e curve di contagio. Poi ci sono numeri più lievi che ci dicono che siamo una comunità,...


Era appellato “il Barbarino”, perché nato a Barbara, in provincia di Ancona, su una costola dell’Appennino marchigiano. Era soprannominato “Tetano”, perché si sbucciava sempre le ginocchia. Era detto “il Selvaggio”, perché si arrampicava sugli alberi per rubare la frutta, perché...


Il trail è il suo pane, non ci sono dubbi, quindi se cercate una bici per scatenarvi senza spendere cifre astronomiche, la nuova Canyon Neuron AL fa al caso vostro. Diciamo che tutte le migliorie arrivano direttamente della sorellona con telaio in...


UCI, CPA, AIGCP e AIOCC - ovvero tutte le parti protagoniste del mondo del ciclismo su strada - hanno stabilito ieri la sospensione delle corse fino al 1° giugno. Rimandato quindi il Delfinato, che avrebbe dovuto scattare il 31 maggio,...


Caro Direttore, anche se da qualche tempo non sono più parte attiva nel settore rimango profondamente legato allo sport ciclistico ed all'industria della bicicletta e tuttobiciweb continua ad essere per me un piacevole, costante ed importante riferimento.  Ti scrivo perchè...


  Me ne vergogno, ma di questo incontro non ho memoria, tranne le parole scritte su un vecchio taccuino. Donato Zampini (Saronno 1926-Fagnano Olona 2007) fu professionista dal 1949 (Legnano) al 1957 (Ignis) attraverso una quindicina di vittorie e otto...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155