L'ORA DEL PASTO. TUTTI A CASA DI BRUNO

NEWS | 05/05/2019 | 07:42
di Marco Pastonesi

 

“Smetto sennò li mando tutti a casa”. Non era vero, ma con la forza di questa battuta nascondeva la debolezza – un misto di commozione, dispiacere e già nostalgia - della sua decisione, quella di mollare il ciclismo per il lavoro. Ma la verità è che lui, il ciclismo, non lo ha mai mollato.

Bruno Carraro è l’artefice del Giro d’Italia a Santa Maria di Sala, il paese di Toni Bevilacqua, i fratelli Alfredo e Arturo Sabbadin, Mario Vallotto, Attilio Benfatto e Chiara Pierobon. Ha cominciato con un passaggio, ha continuato con un traguardo volante, stavolta si è superato oltre qualsiasi più rosea (trattandosi del Giro) speranza con l’arrivo della diciottesima tappa, la Valdaora/Olang-Santa Maria di Sala, 222 chilometri, giovedì 30 maggio, finale piatto per velocisti. “Ci ha martellato – ha confessato Stefano Allocchio, direttore della Corsa Rosa – fino a sfinirci”.

Dodici vittorie da allievo, Carraro smaniava per il ciclismo: dal Veneto alla Lombardia (per il Cittadella di Como), una passione trasformatasi in innamoramento e solidificatasi in amore. Ha pedalato con Fausto Coppi: “Prima del Giro di Lombardia 1956. Davanti i professionisti: Coppi, Magni, Piazza, Aureggi… Dietro un dilettante: Peppino Dante. Poi gli allievi: Pifferi, Fornoni, Cappelletti, io… Pusiano, il cimitero, e una visione: un albero di fichi neri, gli ultimi a maturare. Piedi a terra, giù dalle bici, tutti fermi: rifornimento”. Ha salvato Gino Bartali: “Tre anni prima, il 18 ottobre 1953, a Cermenate, nel Comasco. Le dieci e un quarto. Uscivo dal dentista, che era un medico di famiglia spiccio: la sua teoria, e anche la sua pratica, era ‘via il dente via il dolore’, senza antibiotici e senza anestesia. Un incidente all’incrocio tra la statale dei Giovi e la strada da Saronno. Una Fiat 1100 che non rispettò lo stop, e una Lancia Aurelia finita nel fosso. Mi precipitai. Tre persone imprigionate: dietro, il corridore Erminio Leoni, il massaggiatore Natalino Fossati e Dino Ravazzini, e davanti, al posto di guida, a destra, l’ingegnere Giuseppe Fenaroli, fratello di Giovanni, quello del caso – il delitto di sua moglie - Fenaroli. Proiettato fuori dall’auto, disteso sul prato. Fu Augusto Introzzi, un ex corridore, che proprio lì gestiva un distributore di benzina Esso, a esclamare: ‘E’ Bartali’. Lo caricammo su una Giardinetta, destinazione l’ospedale di Cantù. Poi fu trasferito al San Camillo a Milano”. Bartali, “fratture delle apofisi trasverse della prima e seconda vertebra lombare”, non perse mai conoscenza: “Ci è andata male – gracchiò – ma poteva andar peggio”.

Ottantuno anni, industriale nella distribuzione di bevande e acque minerali, presidente onorario del Gruppo sportivo Madonna del Ghisallo e componente dell’Associazione nazionale atleti olimpici azzurri d’Italia, sempre pronto e presente nel territorio (la foto lo ritrae alla mostra di bici antiche organizzata da Ivano Renosto per la corsa per juniores alla Rotonda di Badoere), il sismico Carraro è in eterna fibrillazione. In attesa dei corridori, ha organizzato un concerto lirico, il 25 maggio, a Villa Farsetti, con il mezzo soprano Chiara Angella e il baritono Silvio Zanon.

Morale: smesso di correre sennò li avrebbe mandati tutti a casa, adesso Carraro ha convinto tutti – tutti quelli del Giro d’Italia, cioè una mondovisione - ad andare a casa sua.

 

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

È un Alessandro Covi stremato e un po' rassegnato quello all'arrivo del Passo del Maniva. Il corridore del Team Colpack si è confermato il corridore azzurro più pimpante in salita, ma questo non è bastato a mettere il bastone tra...


È davvero rinato, Elia Viviani! Il velocista della Deceuninck Quick Step ha firmato il secondo capolavoro consecutivo imponendosi sul traguardo di Einsiedeln battendo come ieri Peter Sagan. Pilotato alla perfezione da Asgreen e Richeze, Viviani ha affrontato l'ultima curva con...


Pascal Ackermann vince allo sprint la prima tappa del Giro di Slovenia, superando nettamente Giacomo Nizzolo e Simone Consonni. Il campione di Germania ha sfruttao in maniera perfetta il lavoro dei suoi compagni che hanno lavorato per chiudere su un...


Uno show tutto rosa, quello del colombiano Andres Camilo Ardila (Seleccion Colombia)che bissa il successo ottenuto sul Monte Amiata, conquista il Passo Maniva e aumenta il suo vantaggio in classifica generale, ponendo una autorevole candidatura per il successo finale nel...


La Bardiani-CSF è arrivata in Francia per affrontare una nuova corsa a tappe, la Route d’Occitanie. Da domani, giovedì 20 giugno, fino a domenica, il #GreenTeam correrà sugli esigenti percorsi che si snoderanno a ridosso dei Pirenei: due tappe di...


La Wanty-Gobert ufficializza i nomi dei primi convocati per il Tour de France e tra loro c’è anche quello di Andrea Pasqualon. Con l’italiano, già certa la partecipazione dello scalatore francese Guillaume Martin, del norvegese Odd Eiking (24) che farà...


«Non trovo che il ciclismo di oggi, seppur molto più tecnologico, sia poi troppo diverso da quello dei miei tempi. Conta sempre l’uomo e soprattutto la testa dei corridori, intesa come volontà di fare un lavoro di sacrificio e di...


Geraint Thomas sarà regolarmente al via del prossimo Tour de France di ciclismo, che scatterà il 6 luglio da Bruxelles. Lo ha assicurato lo stesso gallese, vincitore dell'ultima Grande Boucle, con un tweet. «Grazie per tutti i vostri messaggi ma,...


Non è ripetente, però in qualche modo anche Cristiano Gatti è tornato questa mattina sui banchi di scuola. Non è una battuta, ma una notizia degna di nota e per noi, consentitecelo, è anche motivo di orgoglio. Per noi di...


Sono mille gli imprevisti, in una gara di ciclismo... Sabato sera, durante il Memorial Denis Zanette e Daniele Del Ben, dopo il passaggio sotto il traguardo all'inizio dell'ultimo giro, il corridore che chiudeva le fila del gruppo ha perso il...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy