FISCO, COSI' PER SPORT. DISCONOSCIMENTO SPONSORIZZAZIONI E MISURE PREVENTIVE

SOCIETA' | 02/05/2019 | 07:30
di Umberto Ceriani

Spesso nel corso delle verifiche sulle aziende che hanno dedotto spese di pubblicità o sponsorizzazione vi sono contestazioni da parte dell’Agenzia delle Entrate in merito a inerenza, congruità ed anti economicità.

Cerchiamo quindi di individuare le misure da adottare per confermare l’effettiva natura di spesa pubblicitaria delle sponsorizzazioni in particolare in ambito sportivo.

Premettiamo che l’art 90 della Legge 289/2002 prevede una presunzione assoluta di legittimità per il soggetto che eroga una sponsorizzazione fino a 200.000€ annui, volta alla promozione dell’immagine o dei prodotti del soggetto erogante. La Circolare 18/2018 ha precisato che i corrispettivi pagati devono necessariamente essere destinati alla promozione dell’immagine o dei prodotti dello sponsor e che deve essere riscontrata una specifica attività dell’ASD/SSD beneficiaria della sponsorizzazione.

L’Agenzia delle Entrate però, in virtù del principio di inerenza congruità ed anti economicità eccepisce spesso la deducibilità ignorando la previsione dell’art. 90. I verificatori disconoscono la deducibilità dei costi in tutti i casi in cui le ragioni per l’erogazione della sponsorizzazione appaiono non necessari o non rispondenti a criteri di congruità. Il primo punto che viene verificato è l’utile di esercizio dell’azienda che viene confrontato con il fatturato e rapportato ai costi di sponsorizzazione. Secondariamente confrontano la possibile divergenza di costi sostenuti a parità di prestazioni (ad esempio due ASD che praticano lo stesso sport, nello stesso campionato con costi di sponsorizzazione palesemente differenti a parità di prestazioni pubblicitarie). Inoltre l’entità della sponsorizzazione può apparire sproporzionata anche in base alle dimensioni dell’ASD/SSD.

Cosa può fare l’ente per tutelarsi? Prima di tutto occorre provare il concetto di inerenza predisponendo un contratto di sponsorizzazione nel quale si evinca con chiarezza quali sono le prestazioni promo-pubblicitarie svolte dal sodalizio sportivo facendo attenzione a non creare manifeste differenze a parità di prestazioni (ad esempio uno sponsor eroga un contributo di 10.000€ per un manifesto ed un altro ente eroga un importo di 1.000€ per la stessa prestazione). Inoltre si consiglia o la registrazione del contratto di sponsorizzazione se di importo elevato oppure almeno data certa. Da ultimo è fortemente consigliato raccogliere materiale fotografico per dimostrare l’apposizione di loghi e marchi e poter dimostrare l’incremento commerciale conseguito con la sponsorizzazione.

www.consulenza-associazioni.com

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Grazie alla tappa di ieri, oggi avrà il numero rosso, ma dal prossimo anno vestirà l’arancione della CCC. Matteo Trentin è chiaramente uno dei pezzi pregiati del ciclomercato, e il buon Jim Ochowicz pare non essersi fatto sfuggire il trentino,...


Arriva nel cuore della notte, alle 2.21 per la precisione, il comunicato della Bahrain Merida su Rohan Dennis: «Durante la tappa odierna del Tour de France, il corridore del Team Bahrain Merida, Rohan Dennis, si è ritirato a malincuore dalla...


Dopo le prime salite, che ieri invero non hanno regalato grandi emozioni, e prima di una due giorni in alta montagna il Tour de France propone l'unica crono individuale del suo percorso 2019. Una scelta decisamente anomala, quella degli organizzatori,...


  “Da quando ho cominciato a lavorare prima con la Vittoria per il cambio-ruote e adesso per la Dimension Data come direttore sportivo, riesco finalmente a vedere i primi in salita”. Potrebbe aggiungere che, solo da quando le fa in...


Giorni di grande fermento per il mercato e corridori in partenza dalla Astana: il 29enne spagnolo Pello Bilbao López de Armentia, molto tentato, per non dire ormai accasato (ma è solo questione di giorni: 1° agosto) al Team Bahrain, dove...


Impegno italiano per l’UAE Team Emirates, con la partecipazione alla seconda edizione dell’Adriatica Ionica Race, in programma dal 24 al 28 luglio. Per la formazione diretta dai tecnici Marco Marzano (Ita) e Paolo Tiralongo (Ita) saranno presenti Roberto Ferrari (Ita),...


Dopo le velociste a Parigi e le scalatrici sull’Izoard e a Le Grand-Bornand, La Course by Tour de France strizza l’occhio alle attacacnti. Sono loro le attese protagoniste oggi a Pau, sui cinque giri del circuito da affrontare per un...


Il primo successo da dilettante dell'aretino Riccardo Marchesini di domenica nel 64.o Giro del Montalbano riecheggia ancora negli ambienti ciclistici. A 25 anni, dopo cinque stagioni da dilettante è finalmente andato a segno, dopo anni mitigati da tanta amarezza ed...


Domani torna a casa. Sì, Lorenzo Gobbo lascerà l'ospedale di Gand per ritornare in Italia. Il ragazzo ha avuto il via libera dai sanitari belgi e papà Gianni, che proprio domani compie 55 anni, non poteva desiderare regalo migliore. «È...


Simon YATES. 10. Si mette nella posizione più difficile. Prima della volata e dopo. Prima della volata, sull’ultima salita, va a riprendere Matteo Trentin con a ruota con Gregor Mühlberger. Ha l’obbligo di vincere. Prima di partire, affronta la curva...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy