LANGKAWI, GUARDINI: «HO AVUTO TROPPA FOGA, MA LA GAMBA C'E'». AUDIO

PROFESSIONISTI | 07/04/2019 | 13:12
di Diego Barbera

Una volata lunghissima, peraltro su un fondo stradale per nulla veloce e Andrea Guardini viene battuto da Harrif Salleh, storico secondo malese a vincere al Langkawi dopo Anuar Manan. Il velocista Bardiani CSF ci ha confermato di essersi lasciato prendere da un po' di foga, tuttavia ha dimostrato che le gambe eccome se ci sono e si prepara a essere l'uomo da battere in tutte le prossime tappe, Genting Highlands escluso naturalmente.

Ecco le sue impressioni a caldo dopo il podio

Raccontaci la volata

«a 300 metri ho avuto troppa foga di partire e iniziare il mio sprint quando c’era ancora Simion che poteva svolgere il proprio lavoro per me. Questo perché ho visto due corridori avvantaggiarsi di un paio di bici, ma effettivamente stavano tirando la volata ad altri velocisti e sarebbero rimbalzati indietro. Partendo ai 300 metri, Hariff era alla mia ruota e praticamente gli ho tirato una volata perfetta. Lui è stato bravissimo a saltarmi. Con un po’ di mestiere ho provato a spostarmi un po’ a destra, ma in ogni caso mi ha passato bene e ha vinto meritatamente.

Peraltro, una vittoria importante per lui

«Sono contento per lui e per la Malesia perché è il secondo malese dopo Manan a vincere al Langkawi. Ha fatto tanti podi dietro di me e oggi è stato il più furbo».

Facciamo un passo indietro alla tappa inaugurale, che è stata assai impegnativa

«Questo Lankgawi è partito in modo molto differente rispetto agli altri anni. Anche oggi ce la siamo dovuti sudare la volata. Ci sono tante salite già dalla partenza e anche oggi la frazione è stata combattuta. Abbiamo piazzato un corridore nella fuga di giornata per risparmiare qualcosa e lasciar tirare gli altri, è andato tutto bene, i miei compagni hanno lavorato benissimo nel finale sistemando i meccanismi. Questa volta sono io che ho sbagliato e ho anticipato. Ma da domani sarà diverso».

Nonostante l'errore, hai potuto constatare che le gambe ci sono

«Sono contento perché a casa ho lavorato bene e sono arrivato qui con sensazioni positive. In questi giorni il fuso orario, il lungo trasferimento e il caldo si sono fatti sentire, ma domani sarà meglio anche un po’ più corta. Non troppo, visto che saranno comunque 190 km: quest’anno hanno scelto una partenza in salita gli organizzatori. Per noi non è semplice, ma non lo è per nessuno. Domani credo sarà un’altra volata e cercheremo di giocarci le nostre chances».

Harrif Salleh (TSG), il vincitore: «Sono venuto al Langkawi dopo essermi allenato in Australia e mi sentivo pronto al 100%. Oggi ho scritto un pezzo di storia del nostro ciclismo, vincendo dopo Anuar e l’ho fatto contro squadre molto forti come Androni, Bardiani e Gazprom con velocisti di livello, che anche se non sono World Tour sono tra le più forti Continental. Emozionante battere Gardini, sento che sto vivendo un sogno e che la mia carriera ora sia più completa. E adesso posso concludere questo Langkawi al meglio. Punterò a un’altra tappa e alla maglia di migliore sprint».


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il mondo è stato costretto a fermarsi a causa della pandemia mondiale causata dal coronavirus, ma l’attività dell’Associazione Internazionale dei Corridori non si è interrotta nemmeno per un istante. Gianni Bugno, Alessandra Cappellotto e i loro collaboratori hanno lavorato strenuamente...


Come tutti sanno il Governo sta incentivando l'acquisto di bici e di mezzi che consentano la mobilità sostenibile. A partire da ieri però,  su tutti i treni del servizio regionale di Trenord è sospesa la possibilità di trasportare di biciclette che non siano pieghevoli....


Il corso di laurea magistrale in Scienze dello sport e della prestazione fisica, erogato dall’ateneo scaligero in sinergia con l’università di Trento, si arricchisce di un’importante collaborazione. È stata infatti siglata una partnership tra l’ateneo di...


Nacer Bouhanni non sarà al via del Tour de France: lo sprinter della Arkea Samsic lo spiega dopo aver preso la decisione insieme al suo team.«Si tratta di una decisione collegiale, ci abbiamo riflettuto a lungo naturalmente. Mi ero già...


Ancora una tappa breve e veloce sulle strade della HTV Cup, la corsa vietnamita che ormai sta avviandosi verso la conclusione. Sul circuito di Da Lat - sviluppo di 5, 1 km da percorrere 10 volte - a firmare la...


Non vi è ancora l'ufficialità ma il Giro d'Italia 2020 dovrebbe partire da Palermo con una prova contro il tempo. Saltata la grande partenza ungherese la corsa rosa sta riprogettando le 3 tappe estere riposizionandole lungo lo stivale in un...


Lo avevamo annunciato proprio all’inizio della pandemia e oggi la Trek Segafredo ufficializza l’ingaggio di Pieter Weening per il resto della stagione 2020. L'esperto olandese di 39 anni, già vincitore di una tappa del Tour de France e di due...


Ieri pomeriggio, in una videoconferenza promossa da Federciclismo e Provincia di Parma, si è dibattuto di mobilità sostenibile e ciclabilità. L’evento dal titolo “Sviluppare gli spostamenti e le attività motorie con la bicicletta ed il turismo sportivo”, ha avuto come...


ASD Pedale Ossolano, società presente nel panorama ciclistico giovanile da quattro decenni, sollecitata dal proprio comitato regionale di appartenenza ad una riflessione in merito al delicato momento che anche il ciclismo giovanile sta attraversando a causa della pandemia in corso...


Giulio Ciccone è uno degli ospiti della dodicesima puntata di BlaBlaBike e nell'intervista che ci ha concesso regala tanti spunti di riflessione, a cominciare dalla cora rosa: «Il Giro d'Italia mi dà una grande motivazione e per me è davvero...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155