PIEDE A TERRA. CI SARA' MICHELE, CI SARA' FUTURO

SOCIETA' | 05/04/2019 | 07:57
di Marco Scarponi

“April is the cruellest month, breeding
Lilacs out of the dead land,…”

                                 T.S. Eliot

Aprile ritorna ogni anno. Ad aprile, in una mattina di sole mentre tutto intorno rinasceva, Michele è volato via per sempre. 

La violenza stradale, che nel nostro Paese uccide ogni anno oltre 3400 vite (padri, madri, figli, nonni) e conta, nell’indifferenza generale, 17.000 feriti gravi annui (persone che non cammineranno più, che non andranno più al bagno da sole né mangeranno più in autonomia) non si ferma a primavera né va in vacanza in estate. Tutt’altro. Con le belle giornate i ciclisti escono volentieri in strada e il pericolo di una collisione aumenta giorno dopo giorno e bisogna alzare il livello di attenzione di tutti quanti.

Perché non si può morire in un giorno di sole mentre il vento progetta con te l’estate che è alle porte, le ruote della bici girano silenziose e i tuoi bambini ti aspettano a casa. Non è scritto nel destino di nessuno di noi di venire uccisi in questo modo, semplicemente perché conosciamo le cause di questa strage e continuare a rifugiarci nella parola “destino” significa solo giustificare la nostra inerzia.
Siamo tutti coinvolti. E tutti non vuol dire nessuno. Vuol dire tutti.

Dall’anno scorso, per la Fondazione e il Gruppo Ciclistico Michele Scarponi, aprile significa Granfondo, la corsa di Michele, la corsa che Michele stava scrivendo per continuare a pedalare con i suoi tanti amici dopo che avrebbe appeso la bici da professionista al chiodo.

Domenica 14 aprile da Filottrano tanti ciclisti, ex professionisti, amatori, appassionati e improvvisati come me, saliranno in bicicletta per percorrere le strade di Michele ricordando a tutti che il ciclismo è un atto d’amore verso se stessi e gli altri, verso il mondo che stiamo trasformando in una discarica senza fine e verso un presente e un futuro dove nessuno muoia più sulla strada. La Granfondo Michele Scarponi “Strade Imbrecciate” è e sarà sempre molto di più di una gara di amatori, perché ogni centimetro d’asfalto su cui i partecipanti scivoleranno lenti è stato bagnato dal sudore, dai sorrisi, dal sangue e dai sogni di Michele. L’asfalto di aprile non sarà mai soltanto una pista di morte. Non più.

La novità quest’anno si chiama PAT, il festival del Piede A Terra che la Fondazione ha deciso di organizzare nella settimana precedente la Granfondo per dare maggiore risalto e concretezza ai temi che ormai da un anno stiamo portando avanti: la prevenzione stradale, la mobilità sostenibile, la memoria.

Il festival è una rassegna di eventi che coinvolge Filottrano, ma anche Urbino e Ancona. Troverete una mostra di stampe, “L’epoca d’oro del grande ciclismo”, ad accogliervi nella Sala del Consiglio del Palazzo Comunale di Filottrano; incontreremo Marco Pastonesi e i suoi e nostri ciclisti, fra cui Gioia Bartali (la nipote del grande Gino); presenteremo il libro “Chissà che l’utopia non vinca”, di Bidon; avremo modo di parlare di uno dei “nidi dell’Aquila” più celebri, la salita della Castelletta, ormai conosciuta anche in Belgio. Incontreremo l’Università di Urbino e insieme discuteremo di velocità, di comunicazione, di salute e di sport. Saliremo sul palco per cantare e leggere insieme a Pia Tuccitto, cantautrice, e Federica Lisi Bovolenta (la moglie di Vigor Bovolenta, il campione di pallavolo scomparso all’improvviso a causa di un malore durante una partita nel 2012). Saliremo infine in bicicletta per pedalare tutti insieme da Cantalupo (la frazione dove Michele è cresciuto) a Filottrano e ritorno, la nostra piccola Liegi-Bastogne-Liegi. Per i bambini, in attesa che i ciclisti taglino il traguardo della Granfondo, ci sarà la Gimcana in piazza Cavour.

Ci sarà Michele ovunque.

E futuro.

Per maggiori informazioni sulla Granfondo Michele Scarponi e sul Pat Festival potete consultare i siti www.fondazionemichelescarponi.com e www.michelescarponi.it 

Marco Scarponi, fratello di Michele

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Diego Ulissi ha vinto la quarta tappa del Tour de Luxembourg regolando allo sprint sul traguardo di Differdange i tre compagni di fuga: Aimé De Gendt è arrivato secondo, Daniel Hoelgaard terzo e quarto Tim Wellens.Con la sua seconda vittoria...


Dopo l'ultima tappa alpina, vinta dal polacco Michal Kwiatkwoski con il suo compagno Carapaz, 'Supermán' López resta al terzo posto della classifica generale, a 1’27” da Roglic e con un vantaggio di 1’39” dall'australiano Richie Porte, il principale rivale per...


Mancano sette mesi alla 43a edizione del Tour of the Alps, in programma dal 19 al 23 aprile 2021, ma l’attesa è già palpabile nel territorio euro-regionale che aspetta il ritorno del grande ciclismo. In attesa di rivedere...


Thibaut Pinot ha deciso di rinunciare ai Campionati del Mondo di Ciclismo su Strada a Imola. Thomas Voeckler lo aveva scelto per un ruolo di jolly al fianco di Alaphilippe, ma così non sarà. Il corridore dalla Groupama-FDJ, viste le...


La nuova puntata di BlaBlaBike propne una autentica chiccha recuperata negli archivi del collega giornalista Dario Ceccarelli: un'intervista al grande Mario Fossati, giornalista che ha raccontato il ciclismo dei grandi, che in questa occasione ci descrive Fausto Coppi, del quale...


Week end di doppia attività per l’Androni Giocattoli Sidermec. Domani, infatti, i campioni d’Italia saranno di scena al Giro dell’Appennino, mentre un’altra parte della squadra oggi è in viaggio verso la Francia dove domenica e martedì affronterà due classiche del...


Sabato 19 settembre appuntamento con il Giro dell’Appennino. La mitica salita della Bocchetta, la salita di Fraconalto e il passo del Giovi saranno probabilmente come sempre decisivi per la vittoria finale. Il team Bardiani CSF Faizanè sarà al via della...


Si chiama Lora Klinc ed è la compagna di Primoz Roglic, il campione sloveno padrone della maglia gialla. Lora viaggia in camper, con il figlioletto Lev di un anno e il fratello. Viaggiano sulle strade del Tour, indossando una maglia...


La Jumbo-Visma e il direttore sportivo Merijn Zeeman si sono scusati con L’UCI per l’episodio di ieri. Sono gli ultimi giorni del Tour de France, in palio c’è la maglia gialla e la tensione è alta. Il diverbio è nato...


Si corre oggi, ma per i big lo sguardo ed il pensiero sono già proiettati a domani, alla cronometro de La Planche des Belles Filles. Ma attenzione perché la diciannovesima tappa è tutt'altro che semplice: è vero che c'è un...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155