WNT ROTOR CERATIZIT, UN TEAM EMERGENTE. GALLERY

DONNE | 25/03/2019 | 11:27
di Stefano Arosio

Il rinascimento dello sport al femminile, la primavera del pedale in rosa. Le iperboli hanno il pregio di riassumere quello che è difficile sintetizzare a livello di emozioni. La presentazione della Wnt Rotor Ceratizit è l’occasione per togliere il tappo all’effervescenza di una squadra che è già settima nel ranking internazionale e punta, un po’ come tutto il movimento ciclistico femminile, “a crescere ancora di più”, come dice Michele Gamba, vicepresidente federale del ciclismo tricolore. “Perché arriviamo da un anno importante, con il record di 80 medaglie, 41 delle quali dal settore femminile. E ci aspettiamo che quest’anno sarà un anno ancora più ricco di soddisfazioni”.


C’è il numero uno del ciclismo lombardo, Cordiano Dagnoni, lì ad ascoltare. C’è Beppe Rivolta, papà del Giro d’Italia femminile, la più importante corsa a tappe per il pedale in rosa. E gli organizzatori del Giro della Bretagna, rinato dopo il binario morto del 2016 che aveva momentaneamente interrotto una storia lunga 27 anni, a testimoniare una volta di più l’attesa per questa presentazione nella sede di Cinisello Balsamo, ingresso nord di Milano, della Ceratizit. Un colosso da 1,2 miliardi di fatturato nel 2018, che con la società figlia Wnt caratterizza davvero un plus nel mondo del ciclismo. “Abbiamo investito nel ciclismo perché i nostri valori aziendali sono molto affini a quello della bicicletta”, spiega l’ad Alessandro Paderi. “E saremo anche sponsor quest’anno del Giro Rosa. Da più di 15 anni, i nostri valori d’azienda sono quello dello spirito di squadra, rispetto e la voglia di migliorarsi. Proprio come nel ciclismo. Investire nel ciclismo oggi significa anche investire in un mondo con sempre maggior seguito e noi saremo sponsor, oltre che al Giro rosa, anche in eventi in Germania, Spagna e Francia”.


Un concetto ribadito da Claude Sun, direttore generale di WNT Group: «Il ciclismo è una grande passione, io da buon bretone l'ho praticato in gioventù e ora, di notte, per rilassarmi mi occupo della squadra. Sono bretone, è vero, ma ho sempre amato l'Italia e ho sempre fatto il tifo per un vostro campione, Felice Gimondi».

Una squadra che sulla carta di identità porta il 2014 come data di nascita, i primi colpi di pedale con un un team esclusivamente britannico e un’evoluzione continua, forte anche dei 98 anni di storia aziendali. Quelli da cui parte l’ambizione Ceratizit per diventare sempre più punto di riferimento del ciclismo femminile. L’ex professionista Dirk Baldinger, team manager della squadra con passaporto tedesco, correrà la stagione con Kirsten Wild, Lisa Brennauer e Ane Santesteban Gonzales che spiega di trovarsi “benissimo in questa squadra”. Ma anche Erica Magnaldi, fresca protagonista del trofeo Binda, Clara Marie Koppenburg, Aafke Soet e Kathrin Hammes, che strizza l’occhio al prossimo Giro d’Italia. Poi Lara Vieceli, Claudia Koster, Sarah Anna Rijkes, Gabrielle Pilote Fortin, Lea Lin Teutenberg, Anna Badeguber, Laura Asencio. Nomi, oltre che numeri, per puntare in alto con ambizione e qualità. Nello spirito di squadra esaltato dal team e scritto nel libro dei propositi per questo 2019.

per guardare la presentazione vai sulla pagina Facebook di tuttoBICI

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Si è concluso oggi a Selve di Teolo, nel Padovano, il Giro del Veneto categoria juniores. La frazione conclusiva è stata conquistata allo sprint dall'azzurro Alessio Magagnotti, della Autozai Contri, che ha regolato Riccardo Fabbro (Industrial Forniture Moro C&G Capital)...


Un brindisi al Muro, che l’ha accolto trionfalmente il 25 maggio, nella penultima tappa dell’edizione numero 107 del Giro d’Italia. E, soprattutto, un brindisi a lui, che ha scelto Ca’ del Poggio per festeggiare – ieri, sabato 20 luglio -...


L’imbattibile Tadej Pogacar in fondo alla classifica di una corsa? Sembrerebbe impossibile, eppure c’è stato un tempo in cui le prendeva... e come se le prendeva. Una cosa che sembrerebbe incredibile, soprattutto oggi che si appresta a vincere il suo...


Un Tour storico come quello del 2024 si chiude con un'altra pagina di storia: per la prima volta in 111 edizioni, infatti, la Grande Boucle non si concluderà a Parigi. La capitale, che da giovedì ha cominciato ad accogliere gli...


Raffica di statistiche sulla ventesima tappa del Tour de France, redatte da Michele Merlino e dall'NTT Daily Stat. 6+5: POGACAR INFRANGE UNA NUOVA BARRIERA Con una 5a vittoria di tappa al Tour de France, dopo averne vinte 6 al Giro...


Una normale giornata di allenamento in quota - la Soudal Quick Step è in ritiro al Passo San Pellegrino con Julian Alaphilippe, Ayco Bastiaens, Gil Gelders, Antoine Huby, William Junior Lecerf, Paul Magnier, Tim Merlier, Pepijn Reinderink, Pieter Serry, Martin...


Ancora un piazzamento per Jonas Vingegaard, che ieri nella tappa numero 20 da Nizza al Col de la Couillole è arrivato secondo alle spalle di Tadej Pogacar. Il danese non ha vinto questo Tour, ma ha lottato in ogni modo...


Il Tour del 1903? “Quella prima frazione durò circa 18 ore. E dopo averla vinta, Garin si saziò con due polli, quattro bistecche, una frittata con 12 uova e 12 banane”, “Nella seconda tappa verso Marsiglia, alla stazione di Montélimar...


Primo successo in stagione per Simone Gardani. Il parmense del Team F.lli Giorgi si è imposto a Osio Sotto (Bg) nella gara per juniores valida come Gran Premio Map-Memorial Giacomo e Carlo Sciola. Gardani ha preceduto Cristian Cornali (Romanese), che...


Acuto vincente di Efrem Zamboni nel Trofei città di Asola per allievi svoltosi a Castelnuovo nel Mantovano. Il corridore veronese del team Luc Bovolone, al secondo successo stagionale, ha superato Matteo Serini della Scuola Ciclismo Mincio Chiese, mentre la terza...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi