L'ORA DEL PASTO. LA FUGA ESTREMA DEL FIAMA

LUTTO | 11/02/2019 | 07:47
di Marco Pastonesi

Mai andato in bicicletta. Eppure, per chi va in bicicletta, ha fatto tutto e di tutto. Uno di quelli che, lontano dalle luci della ribalta, dietro le quinte e le transenne, dietro i podi e palchi, ma dentro i magazzini e le cucine, dentro le corse e i corridori, reggono il mondo rotondo.

E’ morto il Fiama. Renato Fiameni, cremonese di Genivolta, 73 anni: il Fiama. Professione: muratore. E poi tuttofare della Società ciclistica Imbalplast di Soncino, 47 anni di storia, colori blu e arancione, la vocazione di allevare e allenare bambini e ragazzi, togliendoli dai divani, dai telefonini, dalla strada e rimettendoli in strada ma su una bici. Come una scuola, però a pedali.

Il Fiama era burbero e buono, un po’ orso fuori e un po’ agnello dentro, il suo forte era la disponibilità: quando c’era bisogno, necessità, urgenza, bastava uno sguardo, una chiamata, una telefonata perché lui scattasse e risolvesse il problema. Era il braccio destro di Sergio Alzani, “la Locomotiva soncinese”, due anni da professionista con Gazzola e Salvarani, poi patron della Imbalplast. Ed era stato lo scopritore di Amilcare Sgalbazzi, otto anni da professionista e una vittoria al Giro d’Italia.

Giovedì scorso era prevista una riunione societaria della Imbalplast: organizzazione, calendari, varie ed eventuali. Invece, prima, un malessere, un malore. La richiesta, anomala per uno come lui, di essere accompagnato in ospedale in auto dal figlio. Non ci è arrivato vivo. Succede quando si è abituati a pensare più agli altri che a se stessi.

Il ciclismo italiano – ma verrebbe da dire: lo sport italiano – si fonda su volontari, volonterosi, uomini di buona volontà. Il guaio è che ce ne sono sempre meno. E il ricambio, a tutti i livelli, è faticoso. La fuga estrema del Fiama, e di quelli come lui, generosi e impagabili gregari giù dalle biciclette, è un brutto colpo per tutti.

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

C'è la firma di Jasper De Buyst sulla quarta tappa del Giro di Danimarca. Il belga della Lotto Soudal ha battuto, grazie ad un colpo di classe nel finale, il connazionale Capiot - all'ennesimo piazzamento in questa corsa - e...


La squadra di Bradley Wiggins, il Team Wiggins Le Col, chiuderà la sua avventura agonistica a fine stagione e precisamente con il Giro di Gran Bretagna. "Il team Wiggins Le Col annuncia oggi che non sarà operativo nel 2020. Dopo...


Volata vincente di Tomas Trainini nel 23simo Trofeo Comune di Vertova internazionale per la categoria JUniores che stamane ha inaugurato la Due Giorni di Vertova che domani si concluderà con il Trofeo Paganessi. Il bresciano del Team Lvf (dodicesima affermazione)...


Buon momento per Veljko Stojnic. Il serbo del Team Ballerini Due C, vincitore a Ferragosto della Firenze-Viareggio, ha vinto per distacco il 59simo Circuito Castelnovese per dilettanti che si è corso a Castelnuovo Scrivia in provincia di Alessandria. Stojnic è...


Tappa breve e spettacolare, la penultima del Tour de l'Avenir: a Tignes - laddove il Tour de France è stato respinto per via di grandine e frane - si è imposto l'ungherese Attila Valter, 21enne di Cosmor della Continental CCC...


L’UCI annuncia in un comunicato ufficiale che Alessandro Petacchi è stato sanzionato con un periodo di inagibilità di due anni per violazioni del regolamento antidoping (VRAD) commesse nel 2012 e nel 2013 (utilizzo di metodo/sostanze proibiti) sulla base delle informazioni...


Il problema c’è da tempo, ma non si vede. Nel senso che si fa finta di non vedere e quel che è peggio si fa finta di non sentire. Non è il caso di demonizzare nessuno, ma è anche bene...


Lutto in casa Astoria. Si è spenta Mina Simonetto, vedova di Vittorino e madre di Antonella, Paolo e Giorgio Polegato. Aveva festeggiato da poco i suoi 90 anni. Originaria di Valdobbiadene, dopo il matrimonio ha sempre vissuto a Crocetta ed...


Nove arrivi in salita, un paio di cronometro, tappe mediamente brevi: anche quest’anno la Vuelta non si discosta dal cliché che nelle ultime stagioni l’ha resa intrigante e divertente. Assenti gli ultimi due vincitori (per scelta Simon Yates, per infortunio...


Una vita fa. Sono passati due anni, un mese e diciannove giorni da quando Fabio Aru attaccò a più di due chilometri dall’arrivo in salita sulla Planche des Belles Filles e andò a prendersi una splendida vittoria in solitaria al...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy