SAN JUAN. GAVIRIA: «NON ALZO LE BRACCIA PER RISPETTO DEI MIEI EX COMPAGNI»

PROFESSIONISTI | 31/01/2019 | 17:00
di Giulia De Maio

Avete presente quando un calciatore non festeggia un goal messo in porta alla sua ex squadra? Ecco, Fernando Gaviria in Argentina sta facendo lo stesso, per rispetto ai suoi ex compagni della Deceuninck Quick Step. Il colombiano della UAE Team Emirates ha avuto questa particolare attenzione nei confronti dei suoi ex compagni quando si è imposto nella prima e quarta tappa della Vuelta a San Juan: non ha alzato le braccia al cielo.


Alle sue spalle il connazionale Alvaro Hodeg ha chiuso 5° a Pocito e 3° ieri a Villa San Agustin, per il legame che ancora lo lega a lui e ad amici come Max Richeze non ha esultato come ci si sarebbe aspettati. «Ho cambiato team e sono felicissimo di essere già andato a segno con la nuova maglia, ma resto legato al gruppo con cui ho condiviso tante esperienze. Non è una questione di appartenenza ad un team ma di rispetto verso colleghi grazie ai quali ho raggiunto traguardi importanti» ci spiega nel giorno di riposo della corsa argentina.


Il giorno che batterà il campione d'Italia Elia Viviani esulterà? «Stimo Elia, siamo avversari dai tempi della pista e ci ritroveremo a correre contro in tante occasioni quest'anno, dall'UAE Tour alla Milano-Sanremo. Anche se abbiamo militato un anno nella stessa squadra non abbiamo praticamente mai corso insieme, a lui non sono legato come a Max, che è stato il mio ultimo uomo e vorrei tanto avere ancora al mio fanco, Alvaro, Julian e Iljo, non è un segreto. Li sento ancora come componenti della mia famiglia quindi in questa corsa non festeggerò. Quando invece precederò Elia o chiunque altro allo sprint alzerò le braccia. Dalla prossima corsa, eccome se lo farò».

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Finalmente le gare sono iniziate. Il primo titolo olimpico di Tokyo2020 del ciclismo se l'è aggiudicato Richard Carapaz. Lo scalatore dell'Ecuador che abbiamo conosciuto nel 2019 come re del Giro d'Italia ha tagliato un traguardo storico e fatto impazzire di...


Il Giro della Valle d'Aosta, chiuso in terza posizione, gli ha dato la perfetta condizione di forma e subito Mattia Petrucci l'ha sfruttata a dovere. Colpo vincente del veronese della Colpack Ballan nella Coppa città di Ovada per dilettanti che...


Sul traguardo di Quaregnon, Fabio Jakobsen mette a segno la sua doppietta personale e chiude tra gli applausi il Tour de Wallonie. L'olandese della Deceuninck Quick Step, che aveva vinto a Zolder nella seconda tappa, si è ripetuto nella frazione...


Richard Carapaz è al settimo cielo quando si presenta in sala stampa con l'oro olimpico al collo: «È stata una giornata un po' pazza, una corsa molto dura, io ho avuto pazienza e aspettato il mio momento, poi ho avuto...


Wout van Aert rende onore al suo avversario e nasconde la sua delusione dietro ad una splendida medaglia d'argento: «Corro sempre per vincere ma oggi sono molto più felice che ai mondiali di Imola 2020, ho sempre un argento al...


Tadej Pogacar sorride al traguardo, sorride sul podio e sorride anche incontrando i giornalisti in conferenza stampa: «Sono felicissimo per il terzo posto, ho dato il massimo, sono super super contento di essere riuscito a salire sul podio dei Giochi...


Richard CARAPAZ. 10 e lode. È cambiato il mondo, è cambiato da un po’ e anche questo ragazzo ha contribuito a farlo. Un tempo nazioni come l’Ecuador davano vita alle fughe di giornata: i primi scatti erano i loro. Adesso...


Il CT Davide Cassani analizza la gara dei suoi ragazzi in questa prova olimpica: „Peccato per i crampi di Alberto Bettiol: non sappiamo per quale motivo siano venuti, soprattutto in un tratto di strada facile, era discesa ed è stato...


Con la solita disponibilità Vincenzo Nibali si ferma dopo il traguardo per analizzare la sua prestazione ai Giochi Olimpici: «Ci è mancato il risultato finale ma abbiamo corso davvero bene, abbiamo giocato le nostre carte nel modo giusto. Abbiamo cercato...


Sessantasette atlete per 39 nazioni: sarà questo il quadro della prova in linea femminile che si disputerà domani, con partenza alle ore 6 italiane. Sarà una gara atipica, formazioni ridotte all'osso - le nazionali migliori possono schierare solo 4 atlete...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI