SAN JUAN. GAVIRIA: «NON ALZO LE BRACCIA PER RISPETTO DEI MIEI EX COMPAGNI»

PROFESSIONISTI | 31/01/2019 | 17:00
di Giulia De Maio

Avete presente quando un calciatore non festeggia un goal messo in porta alla sua ex squadra? Ecco, Fernando Gaviria in Argentina sta facendo lo stesso, per rispetto ai suoi ex compagni della Deceuninck Quick Step. Il colombiano della UAE Team Emirates ha avuto questa particolare attenzione nei confronti dei suoi ex compagni quando si è imposto nella prima e quarta tappa della Vuelta a San Juan: non ha alzato le braccia al cielo.

Alle sue spalle il connazionale Alvaro Hodeg ha chiuso 5° a Pocito e 3° ieri a Villa San Agustin, per il legame che ancora lo lega a lui e ad amici come Max Richeze non ha esultato come ci si sarebbe aspettati. «Ho cambiato team e sono felicissimo di essere già andato a segno con la nuova maglia, ma resto legato al gruppo con cui ho condiviso tante esperienze. Non è una questione di appartenenza ad un team ma di rispetto verso colleghi grazie ai quali ho raggiunto traguardi importanti» ci spiega nel giorno di riposo della corsa argentina.

Il giorno che batterà il campione d'Italia Elia Viviani esulterà? «Stimo Elia, siamo avversari dai tempi della pista e ci ritroveremo a correre contro in tante occasioni quest'anno, dall'UAE Tour alla Milano-Sanremo. Anche se abbiamo militato un anno nella stessa squadra non abbiamo praticamente mai corso insieme, a lui non sono legato come a Max, che è stato il mio ultimo uomo e vorrei tanto avere ancora al mio fanco, Alvaro, Julian e Iljo, non è un segreto. Li sento ancora come componenti della mia famiglia quindi in questa corsa non festeggerò. Quando invece precederò Elia o chiunque altro allo sprint alzerò le braccia. Dalla prossima corsa, eccome se lo farò».

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Quella che avrebbe dovuto essere una grande festa per la ripartenza in Belgio, si è trasformata in una giornata di tragica tristezza. È accaduto a Wortegem-Petegem, dove la madre del campone del Belgio Tim Merlier ha organizzato una corsa amatoriale...


Il campione del Sudarica Ryan Gibbons ha vinto la prima tappa del Tour de France virtuale precedendo il canadese Pier-André Coté della rally Cycling e l'australiano Nick Schultz della Mitchelton-Scott, mentre Mathieu van der Poelè rimasto ai piedi del podio....


La neoprofessionista britannica April Tacey, portacolori della Drops, ha vinto la prima tappa del Tour de France virtuale precedendo in una ppassionante testa a testa la statunitense Kristen Faulkner (Tibco-SVB) e l'olandese Chantal van den Broek-Blaak (Boels-Dolmans). Tra le grandi...


Un filo di voce, ferma. Come una vita spezzata. «Sono a pezzi, non ho parole - spiega a tuttobiciweb Marco Velo -. Eravamo in mezzo alla campagna, dove il traffico in pratica non c'è. Avevamo proprio scelto la campagna per...


E' una di quelle decisioni che un organizzatore non vorrebbe mai trovarsi costretto ad assumere. Una scelta che diventa ancor più difficile e triste quando quell'organizzatore risponde al nome dell'appassionatissimo Giampietro Bonin e la corsa in questione è il 45° Gp Sportivi...


Il giovane talento belga Mauri Vansevenant ha firmato ufficialmente un contratto con la Deceuninck Quick Step fino alla fine del 2023 e dal 15 luglio sarà a tutti gli effetti un professionista. «Volevo concludere la scuola prima di questo salto,...


"Abbiamo appreso con sorpresa da fonti parlamentari del ritiro dell'emendamento al Decreto rilancio, depositato dall'On. Nobili in fase di conversione e finalizzato a introdurre alcune importanti modifiche al codice della strada: è una decisione che prende in contropiede il mondo delle...


Una tragedia, l'ennesima, che scuote il mondo del ciclismo tutto e va a toccare una delle figure più conosciute del nostro movimento, Marco Velo, braccio destro di Davide Cassani. Questa mattina ha perso la vita la compagna dell'ex professionista bresciano,...


Per il protocollo sicurezza varato dall’Uci e dal Direttore sanitario dell’organizzazione mondiale del ciclismo il Professor Xavier Bigard ai primi di maggio vale solo un punto: «il protocollo rimane dipendente dalle leggi e dalle misure locali e nazionali in vigore...


Nairo Quintana dovrà osservare due settimane di riposo assoluto dopo l'incidente di cui è stato vittima ieri, quando è stato investito da una vettura mentre si allenava insieme al fratello Dayer e a Cayetano Sarmiento. Colpito dallo specchietto retrovisore di...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155