POZZOVIVO: «CON CARUSO SAREMO LA GUARDIA DI NIBALI». AUDIO

PROFESSIONISTI | 12/12/2018 | 22:06
di Diego Barbera

Domenico Pozzovivo sarà anche quest’anno al fianco di Vincenzo Nibali come colonna portante dell’organico della Bahrain Merida, pronto a entrare in azione a supporto del capitano e, quando ci sarà la possibilità, da solo. Abbiamo chiacchierato con l’esperto e prezioso scalatore al termine della presentazione della squadra per il 2019.

A fondo pagina il file audio da ascoltare

Le tue sensazioni a caldo con il debutto della nuova Bahrain Merida?
«La squadra è cresciuta a livello di talenti, con innesti importanti che si faranno valere. Ne troverò molti al Tour Down Under dove inizierò la stagione. In questi giorni stiamo lavorando per amalgamarci e lavorare in maniera proficua. Ho sensazioni buone, ho speso il periodo di recupero dedicandomi anche allo studio e cercando di stare a casa, perché con tutte le gare e i ritiri per me è un po’ una vacanza».

Quali esami hai dato e come sono andati?
«Il mio corso è Scienze motorie, ho dato due esami sulla didattica del movimento umano. Altri due step che andati bene con un 24 e un 29, che è un po’ il voto della beffa, sembra quasi uno dei tanti miei secondi posti. Sono poco oltre la metà dei tre anni del percorso»

Quanto è importante l’arrivo di Caruso?
«Saremo un po’ la guardia di Vincenzo nelle tappe importanti e sulle salite più dure. Damiano ha un’esperienza d’appoggio a leder importanti e ha ottenuto risultati personali notevoli. Ha un profilo simile al mio e speriamo di lavorare bene insieme per aiutare Vincenzo al Giro».

Un tuo obiettivo personale per questo inizio stagione?
«Di iniziare bene al Down Under magari con una top 10 come mi chiede la squadra. I programmi dettagliati non ci sono ancora, ma cercherò di ritagliare il mio spazio in una corsa a tappe prima del Giro possibilmente e dopo, se come sembra, dovrei avere la possibilità di essere leader alla Vuelta».

E quando pensi all’ingresso della McLaren?
«Parliamo di tecnologia portate al massimo livello, all’esasperazione della formula 1. Il ciclismo credo sia lontano da quei livelli, ma anche solo portarne una parte sarebbe un vantaggio da sfruttare. Sono sicuro che siano entrati nel nostro mondo per portare il loro know-how».

I dettagli possono fare la differenza
«I famosi marginal gain, il ciclismo è come tutti gli sport di alto livello della nostra epoca si gioca su piccole percentuali che determinano successi e insuccessi. Tutto sta nell’introdurre novità che siano proficue».

La stimolazione transcranica rientra nei marginal gain?
«Certamente è una tecnologia molto interessante, per nulla invasiva, per ottimizzare le nostre capacità, in particolare della corteccia. Mi sono trovato bene, abbiamo agito soprattutto su protocolli che implicavano la capacità di rilassarsi e distendere la muscolatura durante il massaggio. Questo perché nelle corse a tappe è fondamentale il recupero. Io ne ho tratto giovamento e il nostro medico Pollastri e il centro di Torino stanno sviluppando nuovi usi che cercheremo di applicare


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Una cronometro di altissimo livello oggi a Imola, con l’oro conquistato da Filippo Ganna, mentre l’argento è andato ad un deluso Wout van Aert, che sperava di vincere la maglia iridata. «Non potevo andare meglio oggi. Al momento c'è ancora...


Vento forte su Imola, fortissimo, esagerato. E la struttura del traguardo mondiale non regge la violenza degli agenti atmosferici, si abbatte, si accartoccia su se stessa. Per fortuna nessun addetto ai lavori è rimasto ferito nel crollo. Un vero e...


Un oro è per sempre ma quello di Filippo Ganna è un oro speciale, è il primo che l’Italia vince nella cronometro iridata. Lo scorso anno il ragazzo di Verbania aveva conquistato il bronzo nello York Shire e, meglio di...


Dopo la vittoria all’Europeo, lo svizzero Stefan Küng è salito anche sul podio mondiale. Voleva la medaglia più preziosa, ma ha dovuto fare i conti con uno straordinario Filippo Ganna e con un altrettanto forte belga Wout...


Amore Infinito è lo slogan che da alcuni anni accompagna il Giro d'Italia e la Vini Zabù KTM, innamorata della Corsa Rosa, peresenta la selezione per quello che è il suo ritorno a due anni di distanza dall'ultima volta.BEVILACQUA SIMONE...


L'UCI  ha ufficializzato oggi il calendario della stagione su strada 2021. Sulla carta tutte le gare tornano nella loro sede naturale e la speranza è che la pandemia consenta davvero di ritrovare la regolarità della stagione. Una considerazione, mancano alcune...


Sono sei gli appuntamenti internazionali del calendario femminile italiano 2021. Da segnalare che non appare il Giro dell'Emilia mentre c'è il Gran Premio Beghelli, che quest'anno non si è disputato, e la novità della Tre Valli Varesine a fine stagione,...


Filippo Ganna scrive una grande pagina di storia del ciclismo italiano: mai un azzurro era riuscito a conquistare la maglia iridata nella prova a cronometro. Il gigante verbanese c'è riuscito a Imola, sulle strade di casa ha avuto la meglio...


Si dice sempre che i ciclisti siano degli eroi e non sono parole vane. L'ultimo esempio ce l'ha regalato Chloe Dygert che questa mattina ha posato sui social: «Quando sono caduta ho pensato: se recupero la bici posso ancora vincere?...


Una diversità funzionale, qualunque essa sia, non impedisce a nessuno di praticare uno sport meraviglioso come il ciclismo. Da qui nasce Idemticos, il nuovo progetto con cui la Fondazione Contador, grazie alla decisiva collaborazione di Cofidis, vuole promuovere l'attività ciclistica...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155