PATXI VILA RACCONTA PETER SAGAN: «NON SI RENDE CONTO DI QUANTO È FORTE»

PROFESSIONISTI | 30/11/2018 | 07:33
di Giulia De Maio

Con il coach personale di Peter Sagan, Patxi Vila, siamo andati alla scoperta dei traguardi che il fuoriclasse slovacco ha messo nel mirino per la prossima stagione. L’ex pro basco, ds della Bora Hansgrohe dal 2017, di cui il tre volte campione del mondo nella sua biografia My World parla un gran bene, abbiamo scoperto come lavora il campione più amato del ciclismo moderno.

Com'è lavorare con Peter? «Ascoltare le sue sensazioni è fondamentale. Il divertimento è importante. Si lavora sodo, ma lo scherzo e la battuta non mancano mai. Nel "Team Peter" siamo tutti consapevoli che siamo fortunatissimi a svolgere questo lavoro, quindi dobbiamo godercelo. Ai miei corridori dico sempre che questa professione va svolta con passione e al 100%, ogni giorno, ma alla fine si tratta solo di una gara di bici. Fondamentalmente è un gioco e va preso così. Peter è una persona speciale, un atleta unico, non è comune. Quando vai a una gara sotto il bus ci sono migliia di persone ad attenderlo, il che è bellissimo ma tutto fuorchè normale».

Quanti margini di crescita ha ancora? «È difficile da dire perchè come lui non c'è mai stato nessuno. Tutti gli atleti professionisti sono unici, sono eccezioni. Io ho frequentato l'università e ho studiato qualche libro, ma non ci sono delle regole valide per tutti. Di sicuro posso dire che non ha finito di crescere e stiamo lavorando in questa direzione. Quando uno è un talento “fuoriregola” è difficile trovare una strada per migliore ulteriormente perchè nessuno l'ha percorsa prima di lui, ma siamo qui apposta».

Se dovessi definirlo con tre parole? «Onesto, autentico, forte».

Un pregio? «È trasparente. Quello che vedete è quello che è».

Un difetto? «Non si rende conto di quanto è forte. A volte si arrabbia con gli altri durante le corse, ma non capisce che non tutto il mondo può fare quello che fa lui».

Per il 2019 che obiettivi vi siete posti? «Sanremo, Fiandre e Roubaix sono quelli a cinque stelle. La seconda parte sarà impostate sul Tour de France. Personalmente io sono felice quando aiuto un mio corridore a non commettere gli sbagli che ho fatto io in passato e raggiunge i suoi limiti. Mi sono emozionato quando Bodnar ha vinto la crono della Grande Boucle così come quando Peter ha vinto la Roubaix perchè so quanto lavoro c'è dietro quei traguardi. Nel 2018 abbiamo chiuso al terzo posto al mondo tra le squadre più vincenti dopo soli due anni dalla nostra nascita, con 33 vittorie, ma si può sempre migliorare».

La prossima maglia iridata sarà in palio nello Yorkshire. «Finchè Peter correrà tutti penseranno a lui per il titolo mondiale. Le vittorie degli anni scorsi lo hanno fatto diventare il campione che è oggi. Il Mondiale in Inghilterra è un'altra grande opportunità per lui, sicuramente lavoreremo per arrivarci al massimo della condizione».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Più che una riflessione, un atto d'amore. Più che un'analisi, un grido disperato. Più che una proposta, una speranza da regalare a tutti i ragazzi e le ragazze che hanno la passione per la bicicletta e stanno vivendo giornate difficili....


Velocista su strada e pista e ora uomo di clausura. Nella storia recente del ciclismo Mario Traversoni (domenica avrà 48 anni) è il più famoso tra i corridori del Basso Lodigiano. Atleta etichettato “genio e sregolatezza”, abitava a Codogno e...


Mai come in questo periodo l’allenamento tra le quattro mura di casa è stato così centrale nelle chiacchierate via chat o nei post sui social: squat, flessioni, stretching e corse sul tapis roulant. Tuttavia, per ciclisti, biker e triatleti, l’allenamento...


Un progetto che si fa concreto giorno dopo giorno, pur con tutti i punti di domanda che la situazione legata al coronavirus lascia ancora senza risposta: Flanders Classics sta lavorando per organizzare il Giro delle Fiandre sabato 19 settembre. In...


Ci risiamo, fermato da Carabinieri. Tutto filmato. Succede sempre in Trentino dove l'ormai noto Marco Brazzo, in sella alla sua bici, viene invitato ad accostare da una pattuglia. Lui riparte con la solita arringa documentata con smarthphone.  Abbiamo parlato con...


Ai tempi della guerra fredda c’era la linea rossa rovente, ora i tempi si sono evoluti ed è la banda larga ad essere rovente... Si stanno intrecciando, infatti, le conference call tra l’Uci e gli stakeholders del ciclismo, tra le...


La notizia poteva per noi europei anche passare inosservata, perchè postata sui social in polacco, in pratica ad uso della sua nazione Michał Kwiatkowski si conferma ragazzo sensibile e mette a disposizione dei medici e degli infermieri della sua nazione...


Se ne parla ormai da giorni ma l'ipotesi sta prendendo via via maggiore concretezza: il Tour de France sta lavorando ad un rinvio di quattro settimane della corsa. Da sabato 25 luglio a domenica 16 agosto: ecco le nuove date...


Che passioni si coltivano ai tempi del coronavirus? Giacomo Nizzolo ne ha tre: la moda, i motori e... la barba. «A dire la verita - ha spiegato il ciclista della NTT nel corso dell'intervista realizzata per la nuova puntata di...


Tatiana Guderzo è salita in bicicletta anche quest’anno perché aveva un obiettivo da conquistare a tutti i costi: la sua quinta Olimpiade. La campionessa marosticense è fra i pochissimi atleti italiani in attività che possono vantare la partecipazione a quattro...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155