HAINAN. COLPO DI MASNADA: TAPPA E MAGLIA GIALLA

PROFESSIONISTI | 30/10/2018 | 07:45
di Diego Barbera

Colpaccio di Fausto Masnada (Androni Giocattoli Sidermec) che nell'ottava e decisiva tappa del Tour of Hainan 2018 arriva tutto solo in cima all'erta di Changjiang raggiungendo in un colpo solo tre traguardi come la sua prima vittoria da professionista, il successo di tappa e anche la maglia di leader della classifica generale. Seconda posizione per il talento svizzero Gino Mader (Swiss) con il quale l'italiano ha duellato e terzo l'altro elvetico Matteo Badilatti (Israel) che ha battuto al fotofinish un ottimo Lyu (Hengxiang)


Era l’ottava e più difficile tappa del Tour of Hainan 2018 con partenza da Ledong e arrivo a Changjiang al termine di una salita di 7,5 chilometri con una pendenza media del 7,2% per un totale di ben 189,2 km. Il gruppo, con in maglia gialla sempre Raymond Kreder (Team Ukyo) ha lasciato la sede di partenza alle ore 10.

La prima fuga si è formata quasi subito con Roy Goldstein (Israel Cycling Academy), Joey Van Rhee e Peter Schulting (Monkey Town), Oleksandr Polivoda (Ningxia Sports Lottery Livall) e Kohei Uchima (Nippo-Vini Fantini). Schulting e Polivoda erano quelli messi meglio in classifica con 2’05’’ e 2’09’’ rispettivamente.

Dopo 35 km avevano già 6'30'' di vantaggio. E il gap si è espanso in fretta superando anche i 10 minuti (10’15’’ dopo 50 km). Al primo sprint intermedio al km 60.8, i passaggi: 1. Roy Goldstein (Israel Cycling Academy) 2. Joey Van Rhee (Monkey Town) 3. Peter Schulting (Monkey Town).

Il gruppo pilotato dalla squadra leader del Team Ukyo passava al km 85 con 8’54’’ di ritardo, in rimonta. Ai meno 75 km dal traguardo, il gap si assottigliava a 6’20’’ e ancora a 5’50’’ ai -62 km dietro propulsione di Delko Marseille Provence KTM e Swiss Cycling. Allo sprint al km 136.4: 1. Joey Van Rhee (Monkey Town) 2. Oleksandr Polivoda (Ningxia Livall) 3. Peter Schulting (Monkey Town).

Perdeva contatto Kohei Uchima (Nippo-Vini Fantini) dai fuggitivi e ai -58 km il ritardo era cronometrato in 5’32’’. Le squadre italiane passavano a dettare il ritmo ai -50 km con Bardiani-CSF e Willer Triestina-Selle Italia. Non perdevano molto davanti nel tratto finale con un gap ancora di 5’07’’ ai -25km. Ai -20 km lo svantaggio precipitava a 3’50’’ dietro il passo deciso sempre di Delko e Bardiani.

I fuggitivi prendevano la salita finale con solo due minuti da amministrare, ma la velocità del gruppo era troppo elevata per pensare che ce la potessero fare. Il primo a cedere è stato Polivoda, di certo non a suo agio sulle pendenze. Dal peloton, ci provava anche Mosca mentre davanti rimaneva soltanto Schulting.

A riportarsi sul fuggitivo era Fausto Masnada (Androni Giocattoli Sidermec) con a ruota Gino Mader (Swiss), di sicuro i due più forti in salita, con a sorpresa il cinese Lyu Xiangjing (Henxiang). A poca distanza, Julien El Fares (Delko Marseille) e Matteo Badilatti (Israel Cycling Academy).

Mentre Badilatti rientrava in testa, Mader accelerava una prima volta, ma il ritmo calava e risaliva, con lo svizzero e Masnada a controllarsi. I due si avvantaggiavano definitivamente ai -1500 metri circa. Il capitano dello Swiss perdeva però contatto ai -600 metri e il 24enne azzurro scavava il gap sufficiente per vincere non soltanto la tappa ma anche per prendere la maglia gialla.


in aggiornamento

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
DAVIDE REBELLIN ENNESIMA VITTIMA DI OMICIDIO STRADALE Art. 589 Bis Cod. Pen.   Il tragico evento che ha visto vittima il nostro amico Davide ha scosso tutto il mondo del ciclismo, ma non solo, poiché il fatto è stato talmente...


Il programma antidoping dell'UCI, uno dei più completi al mondo, è una priorità per l'UCI e per tutti gli stakeholder del ciclismo. Per aumentare l'indipendenza e la professionalizzazione del suo programma, l'UCI ha delegato tutti gli aspetti operativi antidoping all'ITA...


La carriera dei neoprofessionisti italiani parte dai banchi di scuola, nel ricordo di Davide Rebellin e di Ercole Baldini, presidente ACCPI per due stagioni. Un folto numero di ragazze e ragazzi hanno partecipato all'incontro formativo rivolto ai ciclisti neoprofessionisti e...


È stato individuato il camionista responsabile dell'investimento mortale dell'ex campione di ciclismo Davide Rebellin. Si tratterebbe di un cittadino tedesco di 62 anni, identificato grazie alla collaborazione tra carabinieri e polizia tedesca. Dopo l'incidente, avvenuto l'altro ieri, l'uomo aveva...


Gianni Savio, manager di lungo corso del ciclismo italiano, dedica parole colme di emozione al ricordo di Davide Rebellin: «Provo una tristezza infinita pensando a quanto è successo a Davide Rebellin. Di Davide ricordo il sorriso buono e i modi...


Da oggi è ufficialmente in vigore il nuovo statuto del CPA – Cyclistes Professionnels Associés e per tutti i ciclisti e le cicliste della massima categoria si prospettano novità importanti. Lo scorso 21 novembre l'associazione mondiale dei corridori ha...


Caro Direttore, per chi ama il Ciclismo non possono certo questi definirsi giorni felici. Prima l'omicidio stradale in danno di Davide Rebellin e, dopo poche ore, il Padreterno che si porta via Ercole Baldini. Ce n'è ben a sufficienza per...


48 ore dopo la tragica morte di Davide Rebellin, è ancora complicato farsene una ragione. E lo è ancora di più per chi, come Davide Formolo, ne era amico, collega e compagno di allenamenti. I due vivevano nei pressi di...


Lo staff tecnico azzurro del ciclismo ha reso omaggio alla memoria di Franco Ballerini al cimitero di Casalguidi in provincia di Pistoia, e quindi a casa di Alfredo Martini a Sesto Fiorentino presenti le figlie di Alfredo, Silvia e Milvia....


«Ridurre il numero di vittime della strada si può». Davide Cassani, già ciclista e ct della Nazionale, ha corso con Rebellin. Anche lui fa parte della categoria "mai senza bici": da ex, pedala regolarmente. Curiosamente, deve il suo ritiro dalle...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach