PELLIZOTTI: «LA BICI, FILO CONDUTTORE DI UNA VITA»

PROFESSIONISTI | 18/10/2018 | 10:12
di Antonio Simeoli

La piccola Mia, nata la mattina della tappa di Peschici al Giro d’Italia 2017, proprio dove il papà vinse per la prima volta nella corsa rosa 2006, dorme sul divano. Lui non vede l’ora che si svegli per portarla a spasso con la bici. La bimba è nata tra bici, ruote, caschi, borracce, adesso ha un “driver” che in bici pedalerebbe con lei per ore. Uno spasso.
Lui è Franco Pellizotti, da pochi giorni, sabato Giro di Lombardia per la precisione, ex pro. È magro da far paura. Per la verità in Giappone a inizio novembre correrà ancora un criterium, ma lunedì ha già completato il primo mini-raduno della Bahrain-Merida tra i direttori sportivi, la sua nuova professione

Franco, da dove iniziamo?
«Ho quarant’anni suonati, ma alla fine della carriera mi piace tornare indietro al 1987. Gara tra Giovanissimi in Friuli. La mia prima gara».

Come andò?
«Avevamo ancora i pedali con le gabbiette. Non inserisco bene la scarpa, cado e faccio cadere tutta la prima fila. Poi ripartiamo e arrivo quarto».

Ripensando a quella gara sei soddisfatto della tua carriera?
«Sì. Di una cosa innanzi tutto: ho corso in bicicletta perché era semplicemente la mia passione. Ho sempre amato andare in bici e continuerò ad andarci anche adesso che mi sono tolto il numero dalla schiena. Pedalerò non ogni giorno come adesso, ma ogni volta che potrò farlo».

Adesso corre Giorgia, l’altra tua figlia...
«Sì, ed è bellissimo andare alle corse dei ragazzi. Mi sembra di tornare indietro nel tempo. Li vedo e mi rivedo. Corrono, s’impegnano, s’arrabbiano, nascono amicizie».

Cos’è cambiato?
«Purtroppo, e la cosa mi preoccupa, i telefonini, i social e altro hanno un po’ rovinato il giocattolo. Adesso vai alle corse e ti capita di vedere i bambini che giocano con il telefonino prima della gara invece che scherzare tra di loro. E poi, mi rendo conto, non è facile per un genitore mandare i figli a correre in bici: le strade sono pericolose. Si potrebbe migliorare le cose puntando di più sul ciclocross e la mountain bike, per garantire una crescita in sicurezza e anche evitare che i ragazzi vengano “spremuti” troppo nelle categorie giovanili».

È per questo che mancano talenti nel nostro ciclismo?
«Sì, e poi, mi spiace dirlo, ai nostri giovani manca un po’ di “fame”, di sacrificarsi per un obiettivo».

Franco, nel 2010 eri uno dei corridori più forti al mondo, poi il mondo ti si è rivoltato all’improvviso...
«Sospeso per i valori del anomali nel passaporto biologico. I fatti poi hanno dimostrato che sono stato il capro espiatorio per qualcuno, altro che doping: l’Uci mi accusava e intanto prendeva i soldi da Lance Armstrong... Avevo in mano un contratto col Team Sky da un milione di euro, stavo per correre il Giro da favorito, potevo esaudire il mio sogno rosa, sarei stato protagonista nella tappa dello Zoncolan che Cainero aveva disegnato per me, che passava per Arta e Paularo la casa dei miei genitori»

Invece...
«Il mondo del ciclismo, la maggior parte degli amici, mi hanno voltato le spalle».

Come ne sei uscito?
«C’è sempre un lato positivo. La mia famiglia, mia moglie Claudia in primis, mi hanno aiutato. Il nostro legame si è rafforzato, sono rimasti gli amici veri».

La vittoria più bella della carriera?
«La prima dopo quel periodaccio: il Campionato italiano a Borgo Valsugana nel 2012. È stata la rivincita di una persona onesta a quello che mi era accaduto. Avevo un contratto da 30 mila euro, ma indossavo la maglia tricolore. Pearaltro a Gianni Savio, che mi prese all’Androni, devo solo dire grazie: senza di lui sarei restato a piedi»

C’è una cosa che ricordi di quei due anni di squalifica?
«Giugno, poco prima dell’Italiano. Ero da poco tornato alle corse, ero salito al San Pellegrino per prepararmi in altura. Incontro Peter (Sagan ndr), preparava il Tour: “Pelli cosa ci fai qui? L’Androni a luglio non fa corse importanti”, mi chiede. Io gli dico che stavo preparando il Campionato italiano. Lui mi guarda incredulo... Poi ha capito».

Tenacia, professionalità, tutti te le riconoscono: merito del Dna carnico?
«Sì, me lo dice sempre mia moglie. Anche se la Carnia mi ha dato la delusione più grande».

Giro 2014?
«Sì, quel secondo posto nella tappa dello Zoncolan mi brucia. Avrei voluto dedicare la vittoria alla mia gente. All’arrivo ho pianto. È stata l’unica volta in carriera. Credo, però, che sia stato impagabile poter crescere e allenarmi spesso in una terra meravigliosa come la Carnia».

Farai il ds: se trovassero un tuo corridore dopato...?
«Non voglio pensarci, per fortuna ora ci sono solo casi isolati di chi, a fine carriera o con l’acqua alla gola per un contratto che non arriva, ci prova. Ma le cose sono cambiate».

Il corridore più forte affrontato?
«Valverde per classe e longevità... Sagan è mostruoso, un atleta più che un corridore, ma Vincenzo è Vincenzo».

Dovrai guidarlo dall’ammiraglia...
«Nibali si sa guidare da solo, è un fuoriclasse, dovrò guidare la squadra. Ma sono un novellino, dovrò farmi le ossa. Entro in punta dei piedi per far bene».

Consigli a quattro amici friulani. De Marchi?
«È forte, ha trovato la sua dimensione».

Gasparotto...
«Farà bene con la Dimension Data, nelle sue corse in Belgio è un fenomeno»...

Cimolai...
«Sabato si goda il matrimonio, il giorno più bello della sua vita. Speriamo trovi anche una squadra per regalo».

Il baby pro Fabbro...
«Ha voglia di imparare, continui così».

Nibali...
«Correre in bici per lui è una passione, finché continuerà a correre vincerà».

Mia si è svegliata: «Papà, bici», ha le idee chiare lo splendore di bimba. Si parte.

da Il Messaggero Veneto

Copyright © TBW
COMMENTI
Ci mancherai!
18 ottobre 2018 14:53 Campa23
Ad averne di corridori così!

Mhaaaa
19 ottobre 2018 08:30 The rider
In merito ai due anni di stop, ....è sempre colpa degli altri.
Il ciclismo ora è cambiato? Lo dicono in tanti ma io non ci credo, ai tempi di Armstrong, Hulrich, Basso, ecc. ecc., i nostri cari giornalisti e commentatotri televisivi (la stessa persona che ora fa il CT) dicevano che il ciclismo fosse ormai pulito, i fatti hanno dimostrato l'esatto contrario.
Riparliamone fra dieci anni!!!!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Sabato scorso un acquazzone ha impedito al Team Colpack Ballan di debuttare a Roveredo di Guà (VR), dove la gara in programma è stata annullata. Questo week end dovrebbe essere invece la volta buona con una serie di prove (cronometro, pista, strada, mtb)...


Adesso è ufficiale, adesso il Giro di Sardegna ha una data: l'Uci ha inserito la rinata corsa italiana (l'ultima volta si è disputata nel 2011 e la vinse Sagan con l'aggiunta di tre tappe) nel calendario internazionale, si correrà...


Dopo aver realizzato il primo raduno in altura, a lockdown concluso, la Nazionale U23 non perde tempo e con una rappresentativa azzurra parteciperà all’appuntamento, all’insegna della multidisciplinarietà, in programma dal 17 al 26 luglio in Emilia...


Dopo essersi immerso nella cultura italiana alla Pinacoteca di Brera, cimentato ai fornelli come “Chef Sagan” e inventato sarto nell’Atelier di Ermenegildo Zegna con il Sindaco di Milano Giuseppe Sala a fargli da modello, il fuoriclasse slovacco della BORA –...


La decisione era nell'aria ed è arrivata puntuale: la Alecin Fenix rinuncia alla trasferta rumena e non sarà al via del Sibiu Tour. Di conseguenza, slitta l'esordio di Mathieu Van der Pel che a questo punto potrebbe riaprire la sua...


La Federazione, con delibera presidenziale n. 60 del 14 luglio, ha consentito, in via transitoria fino al 30 settembre 2020, il superamento del numero dei partenti nelle gare regionali e nazionali nella misura massima del 25% del...


Gli organizzatori dei Grands Prix Cyclistes de Québec et de Montréal - in programma rispettivamente l'11 e il 13 settembre - hanno fatto il punto della situazione sulle loro gare, entrambe di WorldTour. A otto settimane dall'evento, le restrizioni adottate...


Tutto è pronto per l’arrivo dei primi corridori sudamericani in Europa, con Richard Carapaz e Jhonatan Narváez, che sarebbero già su un aereo in volo verso la Spagna. Mentre, i corridori colombiani Egan Bernal, Nairo Quintana, Rigoberto Uran e molti...


L'attesa è finita. Domani, la Delio Gallina Colosio Eurofeed torna alle competizioni ufficiali. E lo fa in pista, nel velodromo di Forlì: Emanuele Boselli e Matteo Pongiluppi disputeranno infatti una serie di prove fra cui la Corsa a Punti, il...


  La serie dei rinvii delle gare ciclistiche in Toscana prosegue incessante. E’ di oggi la notizia che non ci sarà il 75° Gran Premio Industria del Cuoio e delle Pelli, classica nazionale per élite under 23, prevista in un...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155