PELUCCHI: «IN CERCA DI UN CONTRATTO PER IL 2019». AUDIO

PROFESSIONISTI | 13/10/2018 | 11:30
di Diego Barbera

Matteo Pelucchi è l’unico italiano della Bora Hansgrohe presente al Tour of Turkey e sta lavorando duro per il proprio capitano Sam Bennett. Un impegno che si è dimostrato vincente dato che il team ha già portato a casa due vittorie e un secondo posto. Lo sprinter originario di Giussano è in cerca di contratto per il prossimo anno.

Il 29enne non ha corso molto ma quando ha avuto le proprie opportunità le ha sapute cogliere con una vittoria in Slovacchia e numerosi piazzamenti nelle top 3 e top 10 durante l'anno. Ricordiamo che l’anno scorso aveva avuto un ottimo finale di stagione con un quinto e secondo posto proprio in Turchia e tre top ten (due settimi e un quarto posto) nell’impegnativo parterre del Tour of Guangxi in Cina.

Ecco le sue impressioni alla partenza della quinta tappa da Selcuk a Manisa. A fondo pagina il file audio da ascoltare.

Come sta andando questo Tour of Turkey?
«Sta andando bene, abbiamo già vinto due tappe con Sam Bennett. Io sono a disposizione della squadra e ci stiamo sacrificando per lui, ma abbiamo raccolto due vittorie e un secondo posto quindi siamo contenti».

Rispetto all’anno scorso la tua mansione è diversa, dal lavorare nel finale a prima
«La squadra ha deciso di avere soltanto uno sprinter e puntare su di lui. Forse oggi potrei avere un po’ più di spazio e provarci. Vediamo come va e come sarà la situazione in corsa. Quando c’è la possibilità naturalmente le volate le faccio».

Come valuti la tua condizione?
«Sto bene. Già nell’ultima corsa ho ottenuto una vittoria e un secondo posto (alla Okolo Slovenska, con secondo posto nella classifica a punti ndr). Quindi sono in crescita di condizione. Non ho corso tanto quest’anno ma quando ho avuto l’occasione sono andato bene».

Hai raggiunto diversi buoni piazzamenti.
«Non è mai facile, ero un mese a casa senza gare. Ho dimostrato anche di sapermi allenare bene a casa lontano dalle corse per presentarmi pronto all’appuntamento».

Cosa ci puoi dire del tuo futuro prossimo e sulla tua situazione?
«Il mio futuro per adesso è ancora incerto perché sono senza contratto. Sto cercando, ma la situazione non è per niente facile e a essere sincero sono un po’ preoccupato. So che è così per tanti corridori, ma stiamo a vedere».

Una vittoria potrebbe un po’ aiutare in questo senso
«Sì, anche se a essere sincero tanti mi dicono che non cambierebbero le cose. Di sicuro però farebbe molto bene per il morale».



Copyright © TBW
COMMENTI
Direct Energy
13 ottobre 2018 14:00 fix1963
Grave errore lasciare il gruppo Europcar a fine 2012. L'avrebbero tenuto ma chiedeva troppo, peccato..Sicuramente sarebbe ancora con Bernadeau. Ale

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
«Michele Bartoli è stato un campione straordinario, buono come il pane. E con me ha vinto sette classiche, dico sette...». Giancarlo Ferretti, il sergente di ferro, apre il suo cuore nella nuova puntata di BlaBlaBike e racconta i suoi campioni,...


È stata la riunione più veloce della storia di Zoom: non per problemi tecnici, anzi, ma per l'accordo praticamente unanime sulla decisione da prendere: conferma totale delle indicazioni espresse dai lettori di tuttobiciweb, Marco Villa conquista l'Oscar tuttoBICI come miglior...


Il campione kazako Alexey Lutsenko ha rinnovato il suo contratto con l’Astana - Premier Tech per un'altra stagione, mentre il canadese Steve Bauer e il kazako Dmitriy Muravyev entreranno nel team come direttori sportivi. Così l’Astana- Premier Tech ha completato...


Dallo scorso 11 ottobre, dopo la corsa a Montecatini Terme in Toscana, ha attaccato la bici al chiodo e ha già trovato lavoro, ma il suo obiettivo è arruolarsi nell’Esercito. Questa è la storia di Aldo Caiati, nato il 19...


«Mi sentivo come su un Ferrari nel traffico di Milano alle 8 del mattino... magicamente questo test negativo mi ha proiettato direttamente nell’autodromo di Monza ! Finalmente!»: Filippo Ganna esulta e torna finalmente libero. Il quarto tampone ha dato esito...


La data è di quelle da ricordare: il 25 novembre del 1945, a poco più di 13 anni e mezzo, con tanto di documento “aggiustato” per raggiungere l’età consentita, Ernesto Colnago varcava i cancelli della “Gloria” e iniziava ufficialmente il...


I medici in questo periodo fanno, comprensibilmente e giustamente, più notizia degli sportivi. Non è però per questo che Matteo Bellia ha deciso di appendere la bici al chiodo e indossare il camice. Il 23enne di Domodossola, fino a quest’anno...


La loro è una storia d’amore nata sulla bici in Slovenia e oggi vengono considerati la coppia più bella del ciclismo. Stiamo parlando del vincitore del Tour de France Tadej Pogačar e di Urška Žigart, entrambi campioni nazionali, che stanno...


Enrico Battaglin, Bardiani-CSF-Faizanè, Capitolo II. I Reverberi lo avevano lanciato nel mondo dei grandi nel 2012 e ora, cinque anni dopo l’arrivederci, lo riaccolgono, ritrovando un corridore più maturo, consapevole dei propri pregi e difetti, e con ancora tanto da...


Ha portato in Belgio l’orgoglio tipico dei lombardi, è stato un ciclista professionista e negli anni Ottanta a guidarlo c’era Giancarlo Ferretti: da anni però è lui che dall’ammiraglia conduce i corridori verso il successo. Valerio Piva classe 1958, da Ceresara...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155