TURCHIA. ULISSI: «ENTUSIASTA DI ESSERE QUI A DIFENDERE IL TITOLO». AUDIO

PROFESSIONISTI | 09/10/2018 | 11:38
di Diego Barbera

Diego Ulissi si presenta al Tour of Turkey 2018 da vincitore uscente dopo la bellissima prestazione del 2017 con la maglia turchese conquistata in vetta alla salita decisiva di Selcuk e portata fino a Istanbul. Quest’anno il programma è sostanzialmente lo stesso, con la medesima frazione (lunga, oltre 200 km) che decreterà il vincitore. Abbiamo incontrato Diego alla partenza della prima tappa da Konya, ecco le sue impressioni.

A fondo pagina il file audio da ascoltare.

Ritorni qui col numero uno sulle spalle, quali sono le tue sensazioni alla vigilia?
«Sto abbastanza bene, naturale che le fatiche di un’intera stagione si fanno sentire in questo momento. Lo scorso anno è arrivato un gran bel successo e sono entusiasta di riessere qui e di cercare di difendere il titolo».

Il percorso è molto simile al 2017, così come anche la tappa decisiva con arrivo in salita dove hai trionfato
«Sì, più o meno le tappe sono uguali. Addirittura la quarta tappa che deciderà la classifica finale ha la stessa salita, quindi cercherò di presentarmi al 100% pronto».

Come valuti il tuo stato di salute rispetto all’anno scorso?
«Lo scorso anno a fine stagione avevo una grandissima forma e mi ha permesso di vincere sia a Montreal sia in Turchia. Quest’anno mi sento molto bene e spero di ritrovare la solita condizione nel corso dei giorni di corsa».

L’anno prossimo continuerai con l’UAE Emirates, sei felice?
«Sono ormai qui da tanto tempo in questa realtà e sono davvero felice di continuare e dare il mio supporto come successo negli anni passati».

Quali vedi come corridori da tenere sott’occhio particolarmente quest’anno?
«Ci sono tanti corridori motivati e squadre molto forti come la BMC e l’Astana con Lutsenko. Tanti rivali staranno bene e sarà una bella lotta»


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Una cronometro di altissimo livello oggi a Imola, con l’oro conquistato da Filippo Ganna, mentre l’argento è andato ad un deluso Wout van Aert, che sperava di vincere la maglia iridata. «Non potevo andare meglio oggi. Al momento c'è ancora...


Vento forte su Imola, fortissimo, esagerato. E la struttura del traguardo mondiale non regge la violenza degli agenti atmosferici, si abbatte, si accartoccia su se stessa. Per fortuna nessun addetto ai lavori è rimasto ferito nel crollo. Un vero e...


Un oro è per sempre ma quello di Filippo Ganna è un oro speciale, è il primo che l’Italia vince nella cronometro iridata. Lo scorso anno il ragazzo di Verbania aveva conquistato il bronzo nello York Shire e, meglio di...


Dopo la vittoria all’Europeo, lo svizzero Stefan Küng è salito anche sul podio mondiale. Voleva la medaglia più preziosa, ma ha dovuto fare i conti con uno straordinario Filippo Ganna e con un altrettanto forte belga Wout...


Amore Infinito è lo slogan che da alcuni anni accompagna il Giro d'Italia e la Vini Zabù KTM, innamorata della Corsa Rosa, peresenta la selezione per quello che è il suo ritorno a due anni di distanza dall'ultima volta.BEVILACQUA SIMONE...


L'UCI  ha ufficializzato oggi il calendario della stagione su strada 2021. Sulla carta tutte le gare tornano nella loro sede naturale e la speranza è che la pandemia consenta davvero di ritrovare la regolarità della stagione. Una considerazione, mancano alcune...


Sono sei gli appuntamenti internazionali del calendario femminile italiano 2021. Da segnalare che non appare il Giro dell'Emilia mentre c'è il Gran Premio Beghelli, che quest'anno non si è disputato, e la novità della Tre Valli Varesine a fine stagione,...


Filippo Ganna scrive una grande pagina di storia del ciclismo italiano: mai un azzurro era riuscito a conquistare la maglia iridata nella prova a cronometro. Il gigante verbanese c'è riuscito a Imola, sulle strade di casa ha avuto la meglio...


Si dice sempre che i ciclisti siano degli eroi e non sono parole vane. L'ultimo esempio ce l'ha regalato Chloe Dygert che questa mattina ha posato sui social: «Quando sono caduta ho pensato: se recupero la bici posso ancora vincere?...


Una diversità funzionale, qualunque essa sia, non impedisce a nessuno di praticare uno sport meraviglioso come il ciclismo. Da qui nasce Idemticos, il nuovo progetto con cui la Fondazione Contador, grazie alla decisiva collaborazione di Cofidis, vuole promuovere l'attività ciclistica...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155