Raffaele Illiano: lettera aperta di un ragazzo del Sud

| 29/02/2008 | 00:00
Oggi, 26 febbraio 2008, alle ore 20,20, è nato mio figlio. Infatti, mia moglie Angela mi ha regalato Ivan. È il giorno più bello della mia vita, nella quale il ciclismo rappresenta un ruolo molto importante. Per questo, in omaggio a mio figlio Ivan, vorrei raccontare in breve la mia storia. Sono nato a Napoli l’11-02 -77 ( come il grande Ciro Ferrara, ex del Napoli) e ho iniziato a correre all’età di soli 7 anni spinto da mio nonno paterno che aveva una squadra di giovanissimi. Ho sempre ottenuto buoni risultati e questo mi ha spinto sempre di più a pensare e credere che il ciclismo - iniziato come un gioco - potesse divenire il mio futuro e il mio lavoro portandomi così a realizzare il sogno mio e di tutta la mia famiglia, che ha sempre fatto tanti, anzi troppi sacrifici per me. Cosi all’età di 18 anni ho lasciato la mia famiglia, che vive a Bacoli dove gestisce uno stabilimento balneare, e mi sono trasferito in Toscana per correre nei dilettanti dove, a momenti di gioia e successi, si alternano anche grandi delusioni come la promessa di un passaggio alla Mercatone Uno mai avvenuto. Ciò nonostante ho tenuto duro e dopo sei anni nei dilettanti, ecco la possibilità di passare grazie a Gianni Savio, detto "il Principe", che considero non solo una garanzia ma anche persona onesta e, umanamente parlando, molto disponibile. Credetemi, oggigiorno, non è da tutti. L'incontro avvenne durante la Firenze-Pistoia del 2001 e ricordo, come se fosse oggi, che mi disse «Raffaele oggi è il tuo giorno fortunato: stai tranquillo che in settimana ti faccio firmare». Ovviamente mantenne la parola e cosi iniziai la mia carriera da professionista nella Colombia Selle Italia di Gianni Savio e Marco Bellini, al quale devo molto perchè oltre ad essere il mio Direttore Sportivo è anche un amico. Trascorro 5 anni con Savio ottenendo discreti risultati, vincendo la maglia blu dell'Intergiro durante il Giro d'Italia del 2004, scollinando per primo sul Mortirolo, dedicato a Pantani, facendomi 11 tappe su 20 in fuga. Al termine della stagione 2004 Savio mi parlò chiaro consigliandomi di accettare, qualora si concretizzasse, la proposta da parte di una grande squadra. Purtroppo ciò non accadde. Solo contatti e false promesse da parte di pseudo procuratori. E quindi rimasi alla Selle italia. L'anno scorso ho corso con la Flaminia: sia io che Gianni vorremmo definirlo un anno di riflessione, con la sfortuna che mi ha perseguitato facendomi contrrarre 2 virus che mi hanno debilitato molto, e poi ci si è messo anche un incidente. Al termine della stagione 2007 cominciai a riflettere sul mio futuro in modo pessimistico, in quanto sapevo benissimo quanto fosse crudele il nostro mondo. Basta un anno fermo che ti ritrovi a terra. Si dice che il treno della fortuna passa una volta solo, ma è stato in quel periodo che, parlando con Savio e Bellini, scoprii che in realtà il medesimo treno è ripassato, per mia fortuna, un’altra volta con il nome di Serramenti Diquigiovanni Androni Giocattoli. Quest'anno ci sono i migliori presupposti per una stagione di soddisfazioni e magari riuscire a fare quel salto di qualità che forse mi è sempre mancato. Un altro motivo di soddisfazione e di stimolo e quello di poter correre al fianco di un campione quale è Gilberto Simoni. E poichè mi considero un ciclista sognatore "perchè no’", il nuovo sogno è quello di poter raccontare un giorno a mio figlio Ivan di aver contribuito all'ennesima vittoria di Gilberto Simoni al prossimo Giro d'Italia. Vorrei che questa mia lettera fosse un messaggio per tutti i ragazzi del Sud Italia che, come me, seguono questa strada: è un invito a tenere duro e perseguire i loro sogni. E un messaggio a tutti i napoletani: vorrei dire lo «svegliatevi» perché non esiste solo il calcio ma ci sono anche altri sport come il ciclismo. Grazie per l'attenzione Raffaele Illiano
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Thomas PIDCOCK. 10 e lode. Secondo, terzo, primo: boom! Finalmente il 24enne britannico della Ineos Grenadiers si prende ciò che meritava già di avere e per una ragione o per l’altra gli è sempre sfuggito. Secondo terzo primo: voilà! Ecco...


Impresa solitaria di Florian Samuel Kajamini nell'internazionale Trofeo città di San Vendemiano per la categoria Under 23. Uscito con buone gambe e una grande condizione dal recente Giro d'Abruzzo, il bolognese di Pianoro della MBHBank Colpack Ballan CSB, ha fatto...


Tom Pidcock chiude il cerchio e conquista il successo nella Amstel Gold Race, corsa che gli si addice in modo perfetto e nella quale era già arrivato secondo, battuto in un contestatissimo fotofinish da Van Aert. Il britannico della Ineos...


Lenny Martinez vince ancora e completa il weekend perfetto della Groupama FDJ: il ventenne francese, già a segno venerdì, ha vinto anche il Tour du Doubs disputato sulla distanza di 200, 9 km da Morteau a Pontarlier - Le Larmont....


Anche Paolo Sangalli era presente oggi alla Amstel Gold Race. Poco dopo la conclusione della gara tuttobiciweb ha raccolto le impressioni del Commissario Tecnico azzurro: «La neutralizzazione e la riduzione del chilometraggio hanno condizionato la corsa riducendo di fatto la...


Ancora una volta Elisa Longo Borghini è stata protagonista della corsa e anche nell'Amstel Gold Race è stata la migliore delle italiane. La campionessa tricolore ha chiuso al quinto posto e spiega: «È stata una Amstel Gold Race strana, con...


Un'Amstel Gold Race femminile che resterà nella storia. Per le difficoltà della giornata, per il percorso accorciato, per la vittoria di Marianne Vos e per l'errore clamoroso di Lorena Wiebes in volata. Gara strana, dicevamo, e soprattutto accorciata di oltre...


Ha incamerato un’altra giornata positiva la compagine veneta della Autozai Contri sulle strade del Giro d’Abruzzo Juniores: dopo aver lasciato il segno a Cepagatti, Alessio Magagnotti si è fatto notare per la seconda volta tra i migliori sul traguardo di...


Oltre 250 esordienti sono accorsi per la 27sima edizione del Memorial Luigi Bussacchini classica manifestazione giovanile svoltasi a Nave, nel Bresciano, a cura Dell'US Pedale Bresciano. La competizione, tanto cara a Laura e Mauro Otelli, ogni anno ricorda la figura...


Salgono a tre le vittorie in stagione per Brandon Fedrizzi. Il trentino della Forti e Veloce, già in trionfo a Camignone e la scorsa settimana a Gardolo di Trento, oggi ha conquistato il 24^ Memorial Perico-Isaia Mirri per allievi che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi