Il calcio e le sue morti strane

| 30/12/2007 | 00:00
Le morti disuguali... Se Phil O'Donnell, lo sfortunato capitano del Motherwell, decedutoin campo l'altro giorno, fosse stato un ciclista, oggi sarebbero stati in molti, qui, a scrivere di altre cose. Ma l'inaccettabile escalation del rischio cardiovascolare a quantopare insito nel calcio - non solo di eccellenza - in questi ultimi anni,da Foe a Da Silva, da Abdelwahab a Puerta, impone all'osservatore ed al medico corretto di stabilire dei criteri di inflessibile inequivocabilità. E' doveroso che tanto la Fifa, quanto le Federazioni nazionali, ben prima delle Leghe professionistiche, approntino universalmente percorsi diagnostici obbligatori per i criteri di idoneità dei calciatori alla attività sportiva agonistica, come meritoriamente è attuato in Italia, con l'esigenza di praticare nei tesserati ecocardiografia M/B,test cicloergometrico da sforzo ed elettrocardiografia dinamica sec. Holter (ecg delle 24 ore)... Ed è parimenti indifferibile che in ogni stadio di calcio sia disponibile, con il personale medico-infermieristico qualificato, quel supporto potenzialmente determinante che è il defibrillatore. Ma a nostro avviso, per rimuovere quel margine intollerabile di sospetto che è naturalmente sospeso nel nostro habitat sociale e sportivo così devoto alle scorciatoie farmacologiche, è assolutamente inderogabile che anche il calcio sia disponibile - senza concessioni o deroghe dicomodo - alla verifica antidoping più avanzata.E così chiediamo, per la plausibilità di uno sport che non diventi solo teatro di falsi valori ed esasperati dinamismi, che pure le istituzioni del calcio sottoscrivano quel Passaporto Biologico, voluto dalla UCI, che dal 1 gennaio 2008 sarà obbligatorio per il ciclismo, almeno per quello di elite. Una cartella clinica-ematica-ormonale completa, periodicamente aggiornata nel corso dell'anno, che consenta di verificare l'idoneità fisica, o l'eventuale anomalia laboratoristica comunque indotta, del tesserato. Quel Passaporto Biologico, che il Cio di Jacques Rogge ha preconizzato possa essere obbligatorio per tutti gli sport. Cominciando, ci viene da ammonire, proprio dal calcio. Per evitare di inflazionare pateticamente, da Puerta a O'Donnell, e solo nel sacro rettangolo verde del football, quel concetto di fatalità della vita e della morte che ci sembra - per lo sport del 2008 - di censurabile ipocrisia. Gian Paolo Porreca
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
È tornato a casa, all’Astana, non certo a Altea, dove in questi giorni Vincenzo Nibali si trova in ritiro con la sua nuova-vecchia squadra. Prima un volo in Kazakistan per la presentazione, poi un altro per raggiungere la penisola iberica...


Sarà per i 214 cm che ne tradiscono il passato cestistico, ma Tomas Van den Spiegel è chiaramente un uomo che vola alto. L’ex pivot di Fortitudo Bologna e Virtus Roma è dal 2018 CEO di Flanders Classics, la società...


L’annunciata perturbazione ha innevato Brinzio nella giornata di oggi, 8 dicembre, tradizionalmente dedicata alla Pedala con i Campioni – Memorial Michele Scarponi. Uno scenario tipicamente invernale che però non ha scoraggiato alcuni appassionati di ciclismo che si sono ritrovati con...


Sono avversarie, ma sono sempre sorelle. Elisa e Arianna Bianchi sono le nuove promesse del ciclismo bresciano e non solo. Spaziano con facilità dal ciclocross alla mountain bike e sono brave anche su strada. Entrambe tricolori con due titoli a...


Chi è la più spericolata in gruppo? La più simpatica? La più brontolona? Meglio un tecnico uomo o donna? Cosa non tolleri nelle persone? Sei fidanzata? Sono solo alcune delle tante domande a cui sono state sottoposte Maria Giulia Confalonieri...


Il nuovo lupetto invernale di SIXS sfrutta l’innovativo materiale BLAZEFIT, un portento che con l’aiuto del Rame va a definire nuovi standard termici per combattere il freddo invernale durante l’attività sportiva. per leggere l'intero articolo vai su tuttobicitech.it


Il 13 dicembre, a Madrid, si alzerà ufficialmente il sipario sulla Drone Hopper-Androni Giocattoli. Nuovo sponsor e nuovi colori, ma a guidare il team ci sarà il caro vecchio entusiasmo di Gianni Savio. 22 corridori, con età media di 24...


Mathieu van der Poel vuole continuare a sorprendere ancora e tra i suoi obiettivi, oltre a un Mondiale su strada e su Mountain bike, adesso ci sarebbe l’idea di conquistare il titolo iridato Gravel. L’olandese negli Stati Uniti a gennaio...


La più reale è W VERDI: significa Viva Vittorio Emanuele Re D’Italia, e comparve sui muri di Milano e Venezia durante il Risorgimento. La più comica è W LA FOCA: il titolo di un film italiano del 1982, con Bombolo,...


Ieri pomeriggio l'annuncio della rescissione del contratto con il Team DSM, poche ore più tardi Tiesj Benoot ha ufficializzato che correrà per il Team Jumbo-Visma nelle prossime due stagioni. Il 27enne corridore fiammingo, già vincitore delle Strade Bianche, spiega:...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI