LE STORIE DEL FIGIO. AZZURRO MAFFEIS

STORIA | 07/06/2018 | 07:38
E’ una famiglia d’appassionati sportivi quella dei Maffeis di Cene, in Val Seriana, a una quindicina di chilometri a nord del capoluogo Bergamo e centro, dove il ciclismo è sempre in auge grazie anche all’impegno di questa famiglia con la bicicletta nel DNA.

Ed è appunto pure il ciclismo, la bicicletta, il trait-d’union che ha accomunato, allora come ora, i tre fratelli Maffeis con, in particolare evidenza, Giuseppe, il primogenito, e l’ultimogenita della famiglia, Elisabetta. In mezzo a loro c’era la sorella Tina, pure lei appassionata, che però non ha corso e si è “sacrificata”, perché la mamma, Maria, minacciava – bonariamente – di cacciarli tutti da casa.

E, per dovere di cavalleria dovuto a una signora, non teniamo conto della cronologia di nascita e dei diritti d’anzianità – termine non molto applicabile alla famiglia Maffeis - e iniziamo con il presentare la signora Elisabetta, una delle “pioniere” del ciclismo femminile in Italia. E’, come si diceva, l’ultima dei tre fratelli Maffeis e non ha nessuna difficoltà, né ritrosia, nel ricordare la sua data di nascita: il 27 luglio 1947.

Fin da giovanissima dimostra grande propensione per la bicicletta, seguendo le orme del fratello Giuseppe, ottimo dilettante, frutto anche della passione per la bici di papà Giovanni. Ricorda che da quindicenne desiderava già gareggiare in bici ma la strada per tesserarsi era difficile, irta di difficoltà e di diffidenze, per le rappresentanti del gentil sesso in bicicletta all’epoca. E a proposito ricorda le parole, in schietto orobico, del cav. Giuseppe Moneta, a lungo popolarissimo fiduciario provinciale della F.C.I. a Bergamo, per cercare di dissuaderla dal suo intento espressogli nel 1962, l’anno dei campionati del mondo di Salò.

Elisabetta riesce, però nel suo intento, non demorde, e nel 1964 veste la maglia della Granfort Bergamo, formazione nella quale gareggiava già il fratello Giuseppe e Ivan Ruggeri, poi diventato presidente dell’Atalanta Calcio, con un giovanissimo Gianni Sommariva – altro big poi del ciclismo bergamasco e nazionale - quale tecnico.  L’anno seguente, il 1965, passa alla Trevigliese e poi, dal 1966 al 1968, è con l’Eliplast mentre dal 1969 al 1971 è la “capitana” del G.S. Tre Risotti, forte formazione della provincia di Varese che ha notevolmente contribuito allo sviluppo delle due ruote al femminile e nel 1972 pone termine alla carriera agonistica nella C.B.M., altra squadra del varesotto che, alla fine degli anni 1970,  ha costituito una formazione professionistica, la C.B.M Fast Gaggia capitanata da Roberto Visentini, diretta da Italo Zilioli.

Con bella continuità Elisabetta Maffeis ha sempre rivestito la maglia azzurra dal 1966 al 1972 con Giovanni Gioia ed Eugenio Rimoldi, dirigenti lombardi F.C.I., che si applicavano a seguire e gestire un movimento ancora in fasce, ben diversamente organizzato e strutturato rispetto a quello di oggi.

Ancora adesso, sulle strade della Brianza, zona nella quale risiede la Maffeis, precisamente a Besana Brianza con il “mitico” Monticello lì vicino, con frequenza, compie ancora delle lunghe uscite in bici e tiene testa anche a molti maschietti pedalatori, pure con carta d’identità con data di nascita più recente. E fra questi sovente s’incontra con il gruppo del Kammi Calzature di Bollate con il presidente Daniele Azzalin e i suoi “boys”, boys di un tempo che fu. Uscite che armonizza con il suo impegno di nonna “impegnata”, rafforzativo, anzi impegnatissima precisa, con tre nipoti da seguire ma trova sempre un po’ di tempo per seguire le vicende del ciclismo e praticarlo.

E parliamo ora del fratello di Elisabetta, Giuseppe, nato pure lui a Cene, nel 1944. Per tracciarne, in estrema sintesi, le valenze e le qualità di corridore basta riferire che ha rivestito la maglia azzurra fra i dilettanti (non è mai approdato alla categoria professionisti) in ben novantanove giornate di gara. E’ dilettante con l’U.S. Sedrinese dal 1966 – è la squadra nella quale ha corso anche il grande Felice Gimondi, nato proprio a Sedrina – e qui rimane fino al 1968. Dal 1969 al 1972 passa al G.S. Fiat di Torino, una “corazzata” di quei tempi per la categoria dilettanti, condotta dall’ammiraglia da Giuseppe Graglia, famoso direttore sportivo e interprete di uno stile.

Nel 1970 Giuseppe Maffeis s’impone nel Piccolo Giro di Lombardia e, in maglia azzurra, nella corsa a tappe Vuelta Uruguay. L’anno successivo, era il 1971, mette in carniere la gara a tappe francese Tour de la Vaucluse, la Montecarlo-Alassio e, soprattutto, il G.P. della Liberazione, una sorta di mondiale di primavera con partecipazione d’altissimo livello internazionale.

Ancora oggi Giuseppe Maffeis è sulla breccia ed è sempre lo storico presidente della Scuola Ciclismo Cene, un vivaio sempre prolifico, curato con passione, in varie categorie giovanili.

Proprio di recente è stato presentato un libro sulla figura di Giuseppe “Beppe” Maffeis, nella sua Cene, scritto dall’amico Osvaldo Barbetta, alla cui presentazione, condotta da Giorgio Torre ed Elena Bonzi di BiciTv, hanno partecipato ex compagni del G.S. Fiat accompagnati dal giornalista torinese Franco Bocca, ed esponenti delle due ruote orobiche. Alla presentazione ufficiale della stagione 2018 della Scuola Ciclismo Cene ha proposto un organico numeroso e qualificato di giovani corridori che si possono avvalere della collaborazione di molti ex che restano nella società in vari ruoli e funzioni d’appoggio, mossi sempre da viva passione per le due ruote.

E anche qui il cognome Maffeis ricorre sovente. E i fratelli Maffeis rivedono un po’ la loro vicenda sportiva, attualizzata, in quella dei fratelli Persico, Silvia, in forza alla Valcar e del fratello Davide che, al suo primo anno quale juniores, ha optato per il ritorno a casa, letteralmente, in quanto è di Cene e pensa di trovare nei valori della Scuola Ciclismo Cene, dove ha esordito giovanissimo, la mediazione e la strada maggiormente proficua e formativa per lo sviluppo armonico della promettentissima carriera.

I Maffeis, Elisabetta e Giuseppe, sono stati i primi fratelli a gareggiare nella medesima edizione di un campionato del Mondo su strada. E’ accaduto nel 1970, ai mondiali inglesi di Leicester. I primi nella storia e di una bella storia a pedali.

Giuseppe Figini
Fotogallery BICIBG


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Caleb EWAN. 10. Esemplare. Esplosivo come pochi. Trafigge tutti danzando sui pedali, con agilità, potenza e colpo d’occhio. C’è poco da dire. Il folletto australiano porta a due le sue vittorie di tappa (vittoria stagionale numero 8): è chiaramente e...


Caleb Ewan firma il suo secondo successo di tappa al Tour de France, unico velocista ad eserci riuscito fino ad ora, e raggiunge quota otto in stagione: «Ad essere sinceri, oggi mi sono sentito male per tutto il giorno,...


Ancora un piazzamento per Peter Sagan, oggi quarto a Nimes. La maglia verde è sempre più saldamente sulle sue spalle ma nelle volate a ranghi compatti il campione slovacco non riesce a a trovare lo spunto vincente: «La tappa era...


Inizia bene la spedizione azzurra all'European Youth Olympic Festival di Baku, in Azerbajan. L'allievo Dario Igor Belletta, 15 anni milanese di Arluno della società Busto Garolfo, ha conquistato la medaglia d'argento nella cronometro individuale sulla distanza di 10 km che...


Scatta domani con la inusuale e brevissima cronosquadre di Mestre la seconda edizone della Adriatica Ionica Race. Ventitré squadre al via, otto delle quali appartententi al WordlTour, con un campo partenti di grande valore. Che unito ad un percorso che...


Caleb Ewan è il primo velocista che in questo Tour de France mette a segno una doppietta. Il piccolo sprinter australiano è partito come una palla di cannone sul rettilineo di Nimes e ha letteralmente impallinato Elia Viviani che, dopo...


La Adriatica Ionica Race si prepara a conquistare un posto al sole fra gli eventi della stagione ciclistica. La seconda edizione domani, mercoledì 24 luglio, scatterà con una sorpresa dell’ultimo minuto: Mark Cavendish (Dimension Data), Campione del Mondo 2011, si...


Disattenzione? Ma ne siamo sicuri? Poco dopo il 30esimo chilometro di gara, Geraint Thomas affronta una curva ma finisce pesantemente per terra. Abrasioni al gomito e al ginocchio - medicati con lo spray dai medici delal corsa - e una...


"Lorenzo Gobbo sta molto bene, è in ottime condizioni e sicuramente tornerà a gareggiare". A parlare così è Marco Scarci, primario del reparto di Chirurgia Toracica dell'Ospedale San Gerardo di Monza. "Le condizioni attuali del ragazzo sono più che buone...


C’era anche l’Androni Giocattoli Sidermec, che parteciperà all’Adriatica Ionica Race, ieri mattina alla presentazione Collezione 2020 "Stand Out" di Bottecchia. La casa di biciclette di Cavarzere nell’importante appuntamento annuale per presentare le novità della prossima stagione ai propri rivenditori italiani...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy