«SIGNOR SCONCERTI, LE SPIEGO COME MUORE UN CICLISTA». VIDEO

APPROFONDIMENTI | 06/03/2018 | 11:58
Un documento pacato ma forte, anche questi due aggettivi di solito sono antitetici. Un documento pacato, quello di Marco Cavorso, delegato ACCPI per la sicurezza ma soprattutto papà di Tommy, che nel 2010, a 13 anni, è stato ucciso da un'auto mentre si sta allenando in sella alla sua bicicletta: una webcam e un cartello inequivocabile - «Sig. Mario Sconcerti, le spiego come muore un ciclista...» - accompagnati da parole pesanti come macigni, dirette al giornalista che domenica a Novantesimo Minuto ha detto che «Quella di Astori non è una morte da ciclista» e poi ha cercato di rimediare cercando di scusarsi e chiarire.
Un documento da guardare, un documento su cui riflettere.

per guardare il filmato CLICCA QUI
Copyright © TBW
COMMENTI
Sconcerti
6 marzo 2018 13:03 Stefano63
Sig.marco le sono vicino Saroni Stefano ASD ROVESCALESE PAVIA.

Senza parole
6 marzo 2018 13:26 gaspy
Sono senza parole per il dolore subito dal Sig. Marco è per le offese che ha subito con quelle parole vergognose
Sono anche io padre e direttore sportivo di una squadra di giovanissimi e quando qualche bambino vorrebbe avvicinarsi al ciclismo intervengono i genitori a scoraggiare i figli sostenendo che loro non vogliono avere a che fare con il doping.
In un paese civile questo non dovrebbe succedere
R.I.P. TOMMY

allibito
6 marzo 2018 14:47 tanacca
Allibito sentire una cosa del genere detta da un giornalista come Sconcerti. Credevo fosse una persona perbene e intelligente , mi devo ricredere del tutto è proprio vero le persone non si conoscono mai. Inutile chiedere scusa , a di Rocco poi era l\'ultima persona a cui chiedere scusa . Piuttosto dovrebbe chiedere scusa ai 250 ciclisti che tutti gli anni muoiono x la strada e dimettersi dalla trasmissione da cui ha sparato quelle bischerate , per non dire peggio

A mio parere
6 marzo 2018 15:12 pickett
In Italia c'è la mania di parlare troppo,anche e soprattutto in circostanze luttuose.In questi casi in tv si blatera per ore,e ognuno vuole tirare fuori la frase a effetto,vuol dire qualcosa di diverso e di originale.Sarebbe molto + saggio e sensato limitarsi ad un semplice e rituale"condoglianze",e lasciare rispettosamente la famiglia di chi ci ha lasciato al proprio dolore.

Mancanza di umanità e servilismo
6 marzo 2018 15:51 marcodlda
Credo che Mario Sconcerti non sia un grande giornalista. Ho saputo della sua esistanza solo adesso che ho visto la risposta del padre di Tommy. Non mi sono perso nulla. Nel calcio, nel tennis, nell’automobilismo ecc. ci si guarda bene da tirare fuori il problema del doping. Lì si resta schiacciati dai miliardi di dollari che circolano… col ciclismo invece non si rischia nulla… Il fatto che abbia rivolto le sue scuse a Di Rocco è una prova che dentro di sé sentiva l’esigenza di rivolgersi e ossequiare il potente di turno: non si devono disturbare i padroni del vapore, ne va della propria posizione, stipendio e di tutti i benefici di cui si gode … Lo sa il sig. Mario Sconcerti che i malati di SLA fra i calciatori professionisti sono una percentuale che è 30 volte la media? Dovrebbe studiare e leggere un po’ di più, e, se è possibile, imparare a pensare prima di parlare, e avere un po’ di educazione e rispetto. Ma da quello che ho visto penso che sarà impossibile. Che desolazione! Al padre di Tommy e a tutti quelli che sono stati colpiti da questo abisso di servilismo e mancanza di umanità la mia più sincera solidarietà.

La RAI dovrebbe dare un segnale
6 marzo 2018 17:31 Savo
Dopo le parole proferite da questo soggetto mi aspetto che la RAI prenda provvedimenti , Sconcerti non lo devono piu chiamare!!
Un abbraccio sincero e pieno di affetto al Signor Marco Cavorso....

Mario Sconcerti.........senza parole
7 marzo 2018 01:07 Pop78
Caro sig. Marco Cavorso ho visto il suo video documento e lei ha tutta la mia solidarietà e ammirazione.Spero che anche il \"sig.\" Sconcerti abbia trovato il tempo x vedere e ascoltare le sue bellissime parole e che nel profondo dell\'animo si vergogni per le parole che ha usato per lo più durante una trasmissione pubblica e nazionale. Mi auguro che la RAI prenda provvedimenti nei confronti di questa \"persona\"

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Ciao ragazzi, rieccomi puntuale con le notizie dal Nepal. In programma c'era la colazione alle 6 e poi dritti al Campo Base dell'Everest, invece è stato tutto un casino. Giorgio durante la notte è peggioratola febbre è tornata a salire...


A tre mesi di distanza dal bruttissimo incidente occorsogli alla Vuelta a España, Rigoberto Urán ha potuto finalmente risalire in bicicletta. Il colombiano della EF Educational First, ce è stato a lungo ricoverato in ospedale e ha dovuto affrontare numerosi...


Sudore più sacrificio uguale successo. È questo il motto di Andrea Vendrame, che si appresta a fare il grande salto nel World Tour e a vivere una nuova pagina della sua promettente carriera. Il 25enne trevigiano, passato professionista nel 2017...


Lo Schio Bike A.s.d. ha stabilito il percorso di gara dei Campionati Italiani di ciclocross del 10-11-12 gennaio 2020 riservato alle categorie amatoriali (venerdì) ai giovani (sabato) e agli agonisti (domenica) che si terranno presso l’Area Campagnola in via dell’Industria...


  "La grande cultura del ciclismo è quella di far ritrovare tanti amici che hanno come obiettivo la crescita dei ragazzi" e "questa stagione, ricca di risultati, è stata caratterizzata, fino ad ora, da 78 medaglie proprio nell'anno che precede...


  Tra le belle sorprese che ci ha regalato il 2019 c'è Nicola Venchiarutti. Ventuno anni, friulano di Osoppo, 30 chilometri a nord di Udine, Nicola è passista veloce che si difende bene anche in salita. Quest'anno con il Cycling...


La macchina organizzativa del Memorial Efisio Melis è già all’opera per realizzare una manifestazione che possa replicare il successo delle edizioni precedenti in ricordo di un grande dirigente della Polisportiva Capoterra che ha guidato una delle più gloriose società ciclistiche...


Il Velo Club Sovico ha iniziato il cammino verso la nuova stagione. Sabato i sei atleti che il prossimo anno formeranno la squadra Esordienti hanno passato alcune ore assieme ai tecnici Gabriele Buttini e Mattia Redaelli per gettare le basi...


I prodotti utilizzati dai team professionistici di ciclismo fanno sempre gola agli appassionati. Succede così che quando i team decidono di mettere in vendita il materiale utilizzato durante l'anno, ci sia sempre molto interesse da parte dei fan. La regola...


  Partì da Boston il 27 giugno 1894: aveva 24 anni, una bicicletta-cancello (Columbia) di una ventina di chili, la gonna lunga e una pistola. Arrivò a Chicago il 12 settembre 1895: aveva 25 anni, una bicicletta da uomo (Sterling)...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy