FISCO, COSÌ PER SPORT. IL MODELLO EAS 2018

SOCIETA' | 28/02/2018 | 07:06
Annualmente tra il 1 gennaio ed il 31 marzo occorre inviare un nuovo Modello EAS nel caso in cui sia necessario comunicare delle variazioni rispetto al Modello trasmesso gli anni precedenti.
Partiamo da un presupposto, chi deve trasmettere il Modello EAS?
La normativa del 2009 prevede che tutte le associazioni devono inviarlo a determinate condizioni, le ASD possono compilarlo in modo semplificato solo se sono già iscritte al CONI.

L’unica circostanza in cui le associazioni non devono trasmettere EAS è se incassano unicamente quote di iscrizione all’associazione. Nel caso in cui l’ente percepisca somme per la partecipazione a corsi o lezioni (cosa ovviamente frequente) sono obbligate a trasmettere il Modello.

La norma era stata scritta in maniera fuorviante in quanto le istruzioni indicano che le associazioni trasmettono il Modello EAS solo se effettuano attività commerciale, elemento che ha fatto presumere erroneamente al 99% delle associazioni di non essere tenute all’invio.

Però, come precisato dall’Agenzia delle Entrate con la Circolare 45 del 2009 al punto 1.2Sono tenute alla trasmissione del modello tutte le associazioni che, a fronte delle prestazioni rese nell’ambito di attività strutturalmente commerciali, percepiscano corrispettivi specifici, a nulla rilevando la circostanza che detti corrispettivi vengano eventualmente qualificati come contributo o quota associativa.”

Ciò significa, come abbiamo evidenziato in precedenza, che qualsiasi importo che l’ente incassa ad eccezione della singola quota associativa, obbliga o obbligava l’associazione all’invio del Modello EAS.

Le associazioni devono inviare il Modello entro 60 giorni dalla loro costituzione, se non lo hanno fatto possono trasmetterlo entro il 30 ottobre dell’anno successivo alla loro costituzione versando la sanzione di 250€. Se anche questo termine è superato il Modello si può trasmettere in qualsiasi momento senza versare sanzioni, ma i suoi effetti hanno efficacia solo dal giorno di presentazione.

Ricordiamo che la mancata trasmissione del Modello EAS impedisce alle associazioni di usufruire della normativa fiscale di vantaggio prevista per le associazioni sportive.

Quali variazioni sono soggette a comunicazione tramite un nuovo invio?
Se varia il presidente, la sede o il nome dell’associazione non si usa l’EAS ma si comunica la variazione all’Agenzia delle Entrate entro 30 giorni usando il Modello AA5/6 o AA7/10.
Con il nuovo EAS dovete comunicare variazioni “qualitative e non quantitative.”
Ciò significa che se avete dichiarato che i vostri soci sono fino a 20 ma nel 20017 sono diventati 100 non dovete comunicare nulla, lo stesso vale se avete dichiarato che le erogazioni liberali ammontavano a 2.000€ ma nel 2017 ne avete percepiti 10.000€ non si deve rinviare nulla. Occorre invece comunicare ad esempio se prima non incassavate erogazioni liberali ed ora invece ne avete, oppure se non avevate la P.IVA ed ora l’avete aperta oppure ancora se ora avete un immobile in locazione mentre precedentemente era in comodato e così via.

In allegato trovate un documento che con semplicità indica tutte le domande soggette a variazione e quali invece non lo sono.
Data la complessità della materia rivolgetevi ad un commercialista esperto di Terzo Settore per valutare se siete tenuti ad assolvere tale obbligo oppure no.

dottor Umberto Ceriani

www.consulenza-associazioni.com


Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Julian Alaphilippe ha conquistato ieri il suo sesto successo stagionale, il secondo alla Tirreno-Adriatico, e in ammiraglia ha festeggiato in una maniera decisamente inconsueta. A proposito, il talento della Deceuninck Quick Step, si candida quale possibile erede di Tony Manero...


E’ dal 1946, anno di ripresa della corsa rosa, che la Scorta della Polizia Stradale tutela – sul piano viabilistico - la nostra maggiore corsa a tappe, il Giro d’Italia, così come tutte le gare del calendario professionistico e di...


L’UAE Team Emirates sarà di scena sulle strade del Belgio il 20 marzo per la Danilith Nokere Koerse e il 22 marzo per la Bredene Koksijde Classic. Il ds Allan Peiper (Aus) guiderà due formazioni che composte dai seguenti corridori:Danilith...


Ogni evento, qualsiasi manifestazione, il più piccolo o il più grande appuntamento, ha un regista. Quella persona, cioé, che vive con il sogno di rendere ogni volta, ogni anno, più grande, più curata e più partecipata l’iniziativa alla quale dà...


Finalmente è tempo di grande mtb su Red Bull Tv. Questa settimana i migliori biker del pianeta tornano a sfidarsi e a regalarci uno show mozzafiato, a partire dal Crankworx Rotorua. Il Crankworx World Tour, circuito globale di festival dedicati...


Eccoci dunque all’appuntamento clou della prima parte della stagione agonistica femminile. Domenica 24 marzo da Taino a Cittiglio, in provincia di Varese, sono in programma, infatti, il  “21° Trofeo Alfredo Binda – Comune di Cittiglio”, gara inserita nel calendario UCI...


Arriva dal Portogallo la prima vittoria tra i professionisti di Jonathan Lastra, che èregala anche il primo  successo della stagione alla Caja Rural-Seguros RGA. Lastra ha vinto grazie ad un attacco solitario attacco la Classica da Arrabida. «Sapevamo che sarebbe...


Anche il sindaco di Pisa Michele Conti ospite alla cerimonia di presentazione, ha voluto esprimere l’ammirazione e la riconoscenza per l’U.C. Coltano, per l’impegno e la passione della famiglia Stefanucci a favore di tanti giovani che hanno scelto il ciclismo....


Ha solo undici anni ed è già una star del ciclismo su web. Lei è Ruby Isaac, una ragazzina tutto pepe di Kettering nel cuore dell’Inghilterra, che ha una grande passione: la bicicletta da corsa. I social sono pieni di...


  Dieci anni fa tre società della Valdinievole (Circolo Cintolese, Pol.Anchione e Ponte Buggianese) decisero di dar vita unendo le forze al Team Valdinievole. L’anno scorso arrivo anche il Pozzarello e questa sinergia sta dando copiosi frutti, come ha sottolineato...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy