ITALIA, BICCHIERE MEZZO PIENO O MEZZO VUOTO?

PROFESSIONISTI | 05/12/2017 | 07:27
E' complicato assegnare un voto al 2017 del ciclismo professionistico italiano. Le ultime settimane della stagione agonistica da poco conclusa hanno infatti consentito un significativo recupero in materia di risultati, dopo che la primavera e l'estate erano trascorse, abbastanza tristemente, tra una sconfitta e l'altra. L'ottima Vuelta di Spagna di Matteo Trentin e di Vincenzo Nibali, ancora il trionfo di Nibali al Lombardia e quello di Trentin nella Parigi-Tours hanno invece procurato un'opportuna boccata di ossigeno al movimento ciclistico italiano che rischiava di annegare nell'oceano della delusione.

In effetti lo si era visto fin dalla Tirreno-Adriatico, con il crollo verticale di Fabio Aru dovuto a problemi bronchiali, che forse il 2017 non sarebbe stata un'annata ricca di soddisfazioni. Dopo le grandi Classiche primaverili, nelle quali si è registrata la prestazione maiuscola del “baby” Gianni Moscon alla Parigi-Roubaix, il Giro d'Italia è stato assai avaro di soddisfazioni per i nostri colori ed a meritare una sufficienza ampia è stato soltanto il “solito” Nibali, terzo assoluto e vincitore della tappa più bella e combattuta della Corsa Rosa 2017. Su ottimi livelli anche il coriaceo e combattivo Pozzovivo, sesto, mentre Davide Formolo con il decimo posto ha dimostrato grinta e tenacia ma il pessimo rendimento nelle crono non gli consente, almeno per ora, di puntare a risultati importanti nelle grandi corse a tappe.

Così, per quanto riguarda le gare a tappe più prestigiose, bisogna consolarsi con il secondo posto di Nibali alla Vuelta, con il quinto posto - corredato da una vittoria di tappa da incorniciare - di Fabio Aru al Tour de France, del secondo posto di Damiano Caruso e del quarto di Pozzovivo al Tour de Suisse. A capo di una tribolata e sfortunata primavera, Aru ha ben figurato al Giro del Delfinato dove è giunto quinto assoluto, ma ha poi reso abbondantemente sotto le attese, poiché era considerato uno dei favoriti per il successo finale insieme a Chris Froome, alla Vuelta di Spagna.

Gli italiani vincitori della classifica finale di una gara a tappe (per questa, come per tutte le statistiche abbiamo considerato le corse del calendario internazionale UCI, ndr) sono stati Liam Bertazzo (Tour of China I), Francesco Manuel Bongiorno (Giro d'Albania), Jakub Mareczko (Taihu Lake Tour), Jacopo Mosca (Tour de Hainan), Vincenzo Nibali (Giro di Croazia), Alessandro Pessot (Under 23, Tour dei Carpazi), Davide Rebellin (Tour Banjuwangi Ijen), Manuel Senni (Colorado Classic) e Diego Ulissi (Giro di Turchia), nove in tutto.

Per le gare in linea, oltre al Lombardia e alla Parigi-Tours già citate, vanno evidenziate le vittorie “pesanti” nella Freccia del Brabante di Sonny Colbrelli, nel GP Cantone d'Argovia di Sacha Modolo, nel GP di Montreal di Ulissi, nel 100° Giro dell'Emilia di Giovanni Visconti, nella Cyclassic di Amburgo e nel GP di Plouay di Elia Viviani.

Il plurivittorioso in Italia è risultato il giovane talento del Team Wilier Triestina-Selle Italia, Jakub Mareczko, che con i suoi 14 successi totalizzati principalmente sulle strade della Cina si è laureato come il ciclista più vincente nella classifica mondiale assoluta, appaiando a quota 14 il tedesco Marcel Kittel e il colombiano Fernando Gaviria.

Una curiosità: delle 133 vittorie totali ottenute dai ciclisti italiani la maggior parte – 23 – sono state colte in competizioni svoltesi in Cina. Seguono l'Italia con 17, la Francia con 15 e la Spagna con 7. I due campioni italiani, Aru in linea e Moscon a cronometro, hanno onorato le loro maglie tricolori, mentre i giovani hanno faticato parecchio a farsi strada e i più brillanti sono stati Danilo Celano, primo al Giro dell'Appennino, Simone Consonni e il “reuccio” della pista Filippo Ganna.

Nel 2018 approderanno al professionismo appena in 14: Simone Bevilacqua, Michael Bresciani, Giovanni Carboni, Damiano e Imerio Cima, Nicola Conci, Matteo Fabbro, Umberto Orsini, Mark Padun, Luca Raggio, Massimo Rosa, Daniel Savini, Marco Tizza e Filippo Zaccanti.

Un ricordo doveroso riguarda “L'Aquila di Filottrano” Michele Scarponi, che ci ha lasciato il 22 aprile scorso dopo essere rimasto vittima di un tragico incidente stradale per il quale ancora nessuno ha pagato. Il suo sorriso, il suo stile di vita, la sua serietà di atleta, resteranno per sempre un'eredità preziosa per il ciclismo italiano.

ITALIA 2017 VITTORIE CICLISTI PROFESSIONISTI

ARU Fabio (Team Astana) 2
Campionato Italiano Strada Professionisti-Ivrea 84°CF Giro del Delfinato (F), 5a T. Tour de France/Planche des Belles Filles (5°CF Delfinato, 5°CF Tour de France, 13°CF Vuelta Espana)

BARBIN Enrico (Bardiani CSF) 1
6a T. Tour de Langkawi (Mal)

BENFATTO Marco (Androni-Sidermec) 3
5a T. Tour of China I, 3a, 4a T. Tour of China II

BERTAZZO Liam (Wilier Triestina-Selle Italia)2
2a T. Tour of China I, CF Tour of China I

BONGIORNO Francesco Manuel (Sangemini-MG.Kvis-Olmo) 2
4a T. Giro d'Albania, CF Giro d'Albania

BONUSI Raffaello (Androni Giocattoli-Sidermec) 1
1a tappa Vuelta al Tachira (VZ)

CANOLA Marco (Nippo-Vini Fantini) 7
Volta Limburg Classic (NL), 1a, 2a, 4a T. Tour of Japan, 7a T. Tour of Utah (USA), Criterium di Utsunomiya (Jap), Japan Cup a Utsunomiya (Jap)

CARUSO Damiano (BMC) 2
1a t. cronosquadre Tirreno-Adriatico/leader, 1a T.cronosquadre Vuelta a Espana/Nimes(F)

CATTANEO Mattia (Androni Giocattoli-Sidermec) 1
3a T. Tour de la Provence (F)

CELANO Danilo (Amore & Vita-Selle SMP-Fondriest) 1
Giro dell'Appennino-Chiavari, (8°CF Tour of the Alps-azzurro)

CICCONE Giulio (Bardiani-CSF) 1

6a T. Tour of Utah (USA)

CIGALA Matteo (Aqua Blue Sport Academy) 2
Dublino (EI), 4a T. Tour of Munster (EI)

CIMOLAI Davide (FDJ) 1
1a T. Volta a Catalunya (E)

COLBRELLI Sonny (Bahrain-Merida) 3
2a T. Paris-Nice (F), Freccia del Brabante-Overijse (B), Coppa Bernocchi a Legnano

CUNEGO Damiano (Nippo-Vini Fantini) 1
6a T. Tour of Qinghai Lake (Cina)

DAL CIN Matteo (I/CDN)(Rally Cycling Team) 2
1a T. Tour of the Gila (USA), 2a T. Tour de Beauce (CDN)

DE MARCHI Alessandro (BMC Racing Team) 1

1a T. cronosquadre Vuelta a Espana

FELLINE Fabio (Trek-Segafredo) 2
Trofeo Laigueglia, prologo crono ind. Tour de Romandie(CH)

FICARA Pierpaolo (Amore & Vita-Selle SMP-Fondriest) 3
Fenkil Nothern Red Sea Challenge (Eritrea), 1a T. Giro d'Albania(2°CF), 2aT. Tour du Jura (F)

FILOSI Iuri (Nippo-Vini Fantini) 1
GP Città di Lugano (CH)

FINETTO Mauro (Delko-Marseille) 1
Classic d'Ardeche (F)

FORTIN Filippo (Tirol Cycling Team) 5
GP Izola (Slov), 1a T. CCC Tour-Grody (Pol), Berner Rundfahrt (CH), 1a T.Fleche du Sud (Lux), 2a T. Oberosterreich Rundfahrt (D)

GAFFURINI Nicola (Sangemini-MG KVis-Olmo) 2
1°Belgrado-Banja Luka (Bosnia), Coppa della Pace a Sant'Ermete (RN)

GATTO Oscar (Team Astana) 1
Prologo cr.ind Giro d'Austria

MALUCELLI Matteo (Androni-Sidermec) 3
1a e 4a T. Tour of Bihor (Rom), 2a T. Giro di Slovacchia

MARECZKO Jakub (Wilier Triestina-Selle Italia) 14
3a e 7a T. Tour de Langkawi (Mal), 3a T. Tour de Bretagne (F), 2a, 3a, 4a, 6a e 7a T. e Classifica Finale Taihu Lake Tour (Cina), 2a, 3a, 4a, 5a, 6a T. Tour de Hainan (Cina)

MARENGO Umberto (Elite) 1

1°Challenge du Prince-Trophée de l'Anniversaire (Marocco)

MARINI Nicolas (Nippo-Vini Fantini) 2
12a T. Tour of Qinghai Lake (Cina), 1a T. Tour of Taihu Lake (Cina)

MODOLO Sacha (UAE-Fly Emirates) 4
1a e 6a T. Giro di Croazia, GP Cantone d'Argovia-Gippingen (CH), 2a T.Giro di Polonia

MONTAGUTI Matteo (AG2R La Mondiale) 1
4a T. Tour of the Alps (I)

MOSCA Jacopo (Team Wilier Triestina-Selle Italia) 2
7a T. Tour de Hainan (Cina), Cl.Finale Tour de Hainan (Cina)

MOSCON Gianni (Team Sky) 1

Campionato Italiano Crono Individuale-Caluso (TO)(5°in linea)

NIBALI Vincenzo (Bahrain Merida Team) 6

CF Giro di Croazia (2°3a T.), 16a T. Giro d'Italia (3°CF), Criterium di Montebelluna (TV), 3a T. Vuelta a Espana/Andorra La Viella (2°CF), Giro di Lombardia a Como, Taiwan KOM Challenge a HeHuan Mountain/WuLing (Taiw)(arrivo in salita a 3275 slm)

NIZZOLO Giacomo (Trek Segafredo) 1
2a prova Hammer Series Limburg-Sprint/Squadre (NL)

NOCENTINI Rinaldo (Sporting Tavira) 1

1a T. Volta ao Alentejo (Port) (3°Camp.Italiano Strada)

OSS Daniel (BMC) 2

1a T. cronosquadre Tirreno-Adriatico, 1a T. cronosquadre Vuelta a Espana/Nimes (F)

PACCHIARDO Davide (GM Europa Ovini) 1
5a T. Giro d'Albania

PACIONI Luca (Androni-Sidermec) 1
1a T. Tour of China I

PALINI Andrea (Androni-Sidermec) 1
Prologo cr.ind. Sibiu Tour (Rom)

PARRINELLO Antonino Casimiro GM Europa Ovini)(1
GP Adria Mobil (Slov)

PASQUALON Andrea (Wanty Groupe-Gobert) 1
Coppa Sabatini a Peccioli

PESSOT Alessandro (Under 23-Cycling Team Friuli) 2
1a T. Carpathian Couriers Tour (Pol), CF Carpathian Couriers Tour (Pol)

POZZOVIVO Domenico (AG2R-La Mondiale) 1
5a T. Tour de Suisse (4°CF)

REBELLIN Davide (46 anni)(team Kuwait-Cartucho) 5

Skandis GP a Uppsala (SW), Derny criterium di S'Gravenwezel (B), 1a T. Tour de Banjuwangi Ijen (Indonesia)(+ 1'35”) e CF Tour Banjuwangi Ijen (Ind), 5a T. Tour of Iran-Azerbaijan

RUFFONI Nicola (Bardiani CSF) 2
3a, 4a T. Giro di Croazia (CRO)

SCARPONI Michele (Team Astana) 1
1a T.Tour of the Alps (Aut)

SENNI Manuel (BMC Racing Team) 2
1a tappa cronosquadre Volta Comunitat Valenciana (E) (leader CG, 1°CF Giovani); CF Colorado Classic (USA)Denver(4 tappe)

TONIATTI Andrea (Elite) 1
GP Laguna-Porec (Croatia)

TOTO' Paolo (Sangemini-MG.Kvis-Olmo) 1
2a T. Giro d'Albania

TRENTIN Matteo (Quick Step) 7
2a T. Vuelta a Burgos (E), 4a, 10a, 13a, 21a T. Vuelta a Espana, Primus Classic-Boortmeerbeek (B), Paris-Tours (F)

ULISSI Diego (UAE-Abu Dhabi) 5
1°GP Costa degli Etruschi-Donoratico (3°Camp.Italiano Strada), GP di Montreal (Cdn)-World Tour, CF Ciclismo Cup (ex Coppa Italia a punti), 4a T. Tour of Turkey (Tur), Cl.Fin. Tour of Turkey

VENDRAME Andrea (Androni-Sidermec) 1
7a T. Tour de Bretagne (F)

VIEL Mattia (Unieuro-Trevigiani) 1
4a T. Tour of Mersin (TUR)

VILLELLA Davide (Cannondale-Drapac) 1
CF GPM Vuelta Espana

VISCONTI Giovanni (Bahrain-Merida) 1
100°Giro dell'Emilia-Bologna/San Luca santuario

VIVIANI Elia (Team Sky) 10
3a T. Tour de Romandie (CH), CF HAMMER SERIES LIMBURG-a squadre (NL), 2a T. Route du Sud (F), 1a e 3a T. Giro d'Austria, Cyclassics Hamburg (D), 1a T, 1A smt 3a T. Tour du Poitou-Charentes (F), Bretagne Classic-Plouay (F), 2a T.Tour of Britain (GB)

ZAMPARELLA Marco (Amore & Vita-Selle SMP-Fondriest) 1
Memorial Pantani a Cesenatico (FC)

ZANOTTI Marco (Monkey Town team) 1
8a T. Tour de Hainan (Cina)

Vittorie per Nazione
Albania (5) Andorra (1) Austria (5) Belgio (3) Bosnia (1) Canada (2) Cina (23) Croazia (6) Eire (2) Eritrea (1) Francia (15) Giappone (5) Gran Bretagna (1) Indonesia (2) Iran (1) Italia (17) Luxembourg (1) Malesia (3)  Marocco (1) Olanda (3) Polonia (4)  Portogallo (1) Romania (3) Slovacchia (1) Slovenia (2) Spagna (7) Svezia (1) Svizzera (6) Taiwan (1) Turchia (3) USA (4) Venezuela (1)

Classifica Ciclisti Italiani Professionisti Plurivittoriosi nel 2017:
14: Mareczko
10: Viviani
  7: Canola, Trentin
  6: Nibali
  5: Fortin, Rebellin, Ulissi
  4: Modolo
  3: Benfatto, Colbrelli, Ficara, Malucelli
  2: Aru, Bertazzo, Bongiorno, Caruso, Cigala, Dal Cin, Felline, Gaffurini, Marini, Mosca, Oss, Pessot,  Ruffoni, Senni
  1: Barbin, Bonusi, Cattaneo, Celano, Ciccone, Cimolai, Cunego, De Marchi, Filosi, Finetto, Gatto, Marengo, Montaguti, Moscon, Nizzolo, Nocentini, Pacchiardo, Pacioni, Palini, Parrinello, Pasqualon, Pozzovivo, Scarponi, Toniatti, Totò, Vendrame, Viel, Visconti, Zamparella, Zanotti
(in totale 133 vittorie = Italia 17 / Estero 116)

Stefano Fiori
Copyright © TBW
COMMENTI
risultati
5 dicembre 2017 10:32 siluro1946
Se si rapporta i risultati del ciclismo professionistico agli altri sport italici in ambito internazionale si può affermare con assoluta tranquillità che il bicchiere non solo è mezzo pieno ma addirittura esonda. Anche se si può fare di più e faremo di più nonostante le dirigenze varie.

2018
5 dicembre 2017 11:35 max73
Io penso che il 2018 possa regalarci risultati ancora migliori. Se Moscon rimane umile può già vincere corse importanti. Nel nuovo team Trentin può fare ancora meglio. Mi aspetto qualche bel successo da Bettiol Colbrelli e Viviani. Speriamo di rivedere Nizzolo al top. Aru deve scegliere bene gli obiettivi e fare un podio in un GT. Poi il solito Nibali....


max73
6 dicembre 2017 17:03 siluro1946
Visto che si fanno i nomi aggiungerei Ulissi, Consonni ed il sempre verde Visconti il quale se trovasse una squadra in sintonia con le sue "fragilità" potrebbe essere una sorpresa.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Fin dai primi sussidiari ho sempre visto il Belgio come un Paese piccolino, diciamo come una grande regione italiana, o giù di lì. Improvvisamente, guardando il Mondiale australiano, ho compreso una volta di più che i concetti di piccolo e...


Remco EVENEPOEL. 10 e lode. Gioca con gli avversari e si diverte anche. Ci diverte, eccome. Ci tiene svegli e ci riempie il cuore. Vince un mondiale alla sua maniera (parte a due giri dalla fine e arriva con più...


Un autentico capolavoro, una gara straordinaria, l'ennesima impresa di un corridore giovanissimo che non ha certo finito di stupire. Remco Evenepoel è il ritratto della felicità: «È la mia seconda maglia iridata, ma non si può paragonare questa vittoria al...


Daniele Bennati commenta il suo primo mondiale da commissario tecnico: «E' un bilancio sicuramente positivo per l'atteggiamento dimostrato. Purtroppo c'è il rammarico per il poco che abbiamo raccolto in rapporto a quanto seminato. Abbiamo avuto due volte la possibilità di...


Tadej Pogačar era considerato uno dei favoriti assoluti per vincere il Mondiale australiano ma qualcosa non ha funzionato e lo sloveno, con l’amaro in bocca, ha chiuso in diciannovesima posizione. Tadej in questa corsa cercava il riscatto dopo un Tour...


Soddisfazione e un pizzico di rimpianto: sono questi i sentimenti che albergano nel cuore degli azzurri al termine del campionato mondiale 2022. A caldo, queste le considerazioni dei nostri rappresentanti. Lorenzo Rota è stato protagonista di una bellissima corsa: «Nell’ultimo...


Van Aert oggi poteva conquistare una medaglia e salire sul podio con il suo connazionale Remco Evenepoel, che ha conquistato la maglia iridata, ma qualcosa non ha funzionato e il fiammingo si è dovuto accontentare del quarto posto. Poteva essere...


Julian Alaphilippe non ha vinto il suo terzo Mondiale consecutivo ma non c’è nessun rimpianto da parte sua. La vittoria è andata al suo compagno di squadra Remco Evenepoel, con il quale ha un forte legame: «Ha vinto il più...


La Francia ha animato la corsa in linea maschile dei Mondiali di Wollongong 2022. Alla fine Evenepoel è stato troppo forte, ma un argento in volata con Christophe Laporte è arrivato. Questo il commento a Eurosport di Romain Bardet: «Volevamo...


Alexey Lutsenko è stato il corridore che è andato più vicino a rimanere alla ruota di Remco Evenepoel nella corsa in linea maschile dei Mondiali di Wollongong. Alla fine però il kazako, vincitore iridato Under 23 dieci anni fa, è...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach