CASO RUSSIA, LA WADA COSTRETTA ALLA RESA

DOPING | 13/09/2017 | 18:20
A prima vista la notizia ha del clamoroso: 95 dei primi 96 casi di doping di stato russo sono stati archiviati. Ma bisogna andare oltre il semplice titolo per capire che si tratta di una sconfitta globale, dello sport e della lotta al doping.

È il New York Times a riportare un report interno alla Wada, inviato ai dirigenti del massimo ente mondiale di lotta al doping. Il report è firmato da Olivier Niggli, direttore generale dell'agenzia, e non riporta alcun nome di atleti coinvolti.

In un'intervista concessa appena lunedì scorso, Niggli dichiarava che: «Il sistema di doping russo è stato molto ben organizzato, lo dimostra il fatto che il numero di prove è spesso molto limitato».

Richard McLaren, il ricercatore che ha trascorso gli ultimi due anni a scoperchiare il sistema e ad individuare gli oltre 1.000 atleti coinvolti, aveva spiegato nel suo report che molti casi sarebbero stati difficili da perseguire a causa della mancanza di cooperazione della Russia nel fornire dati di laboratorio e della sua pratica di distruzione di campioni di urina contaminati.

Altro problema che ha finito per insabbiare i singoli casi, tra i quali anche quelli di almeno tre ciclisti, è stata la burocrazia: ogni singola federazione internazionale ha i suoi metodi di indagine, i suoi criteri e tempi di giudizio, le sue condanne.

«Dobbiamo accettare il fatto che lo scopo del lavoro di McLaren fosse quello di dimostrare un sistema, non di smascherare le violazioni individuali - ha spiegato ancora Niggli nell'intervista telefonica -. In Russia potrebbero esserci più prove, ma c'era un limite a quello che siamo riusciti ad ottenere».

Dei 96 casi chiusi fino ad ora, è stato possibile perseguire un solo atleta perché i funzionari hanno recuperato un suo campione di urina dal laboratorio del Dr. Rodchenkov a Mosca. Migliaia di altri campioni sono stati distrutti, ha detto il dottor Rodchenkov - che da un anno vive sotto copertura negli Stati Uniti - e il governo russo ha vietato agli investigatori di accedere all’area di stoccaggio del laboratorio di Mosca che contiene altri campioni.

a cura della redazione di tuttobiciweb

per saperne di più CLICCA QUI

Copyright © TBW
COMMENTI
Complimenti RCS e Mauro Vegni.
14 settembre 2017 12:11 Bastiano
Continuate ad inviare i russi al Giro ed a lasciare a casa gli italiani, farete casa grazie al sistema doping ed anche il Sig. Cairo sarà orgoglioso di come state uccidendo il futuro del suo prodotto per un risultato economico immediato.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Prima della trasferta per i Campionati Italiani Giovanili, ultima riunione per esordienti e allievi, sia maschi che femmine, sulla pista in località San Carlo dove si è svolta la prima edizione del Trofeo Team Eco Project organizzata dal Cycling Team...


Tredici tappe e un viaggio lunghissimo in quella che è la prima corsa cinese presente nel nostro calendario. Il Tour of Qinghai Lake accoglie la Wilier Triestina - Selle Italia per l'ottava volta e la squadra diretta da Luca Amoriello...


È in programma oggi e domani la 23a edizione del GP Fabbi Imola, la due giorni ciclistica giovanile che la Ciclistica Santerno Fabbi Imola organizza, come ogni anno, all’interno dell’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola. Una manifestazione sportiva...


Il menù di giornata propone al tour l'attraversamento del Massiccio Centrale, con una tappa dal tracciato molto nervoso, terreno ideale per chi ama attaccare. Quattro le salite in programma con il Col de la Croix de berthel che promette di...


Castelnuovo di Asola è pronta ad accogliere il ciclismo giovanile degli allievi per la prima edizione del Trofeo Città di Asola allestita dal Pedale Castelnovese di patron Renato Moreni. La corsa mantovana si svilupperà su 77 chilometri distribuiti su un...


Vi proponiamo le immagini della seconda tappa della 3giornorobica. Buona visione!


Peter SAGAN. 10. Non è certo un momento felicissimo questo per il fuoriclasse slovacco, la separazione dalla moglie non è cosa né di poco conto né tantomeno marginale. Sono cose che pesano, alle quali uno come Peter dà peso. Dicono...


Al termine dell'odierna tappa del Tour de France, Chris Froome ha risposto alle domande dei cronisti tornando sull'incidente di ieri che ha tagliato fuori dai giochi Vincenzo Nibali, forse il rivale più temibile per Sky in chiave maglia gialla. «Penso...


Sonny Colbrelli ha chiuso nella top ten di giornata, ma non può dirsi soddisfatto: «All'ultima curva un corridore della Dimension Data ha fatto il buco. Potevo far meglio, ma non giocarmi la vittoria, sinceramente non avevo gambe. Il Tour è...


Andrea Pasqualon centra un'altra top ten in volata al Tour de France, sul traguardo di Valence è 8°. «Quella di oggi è stata una volata difficile, è stato complicato soprattutto prendere posizioni. Dopo tre tappe alpine le gambe sono quelle...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy