Rapporti&Relazioni
BiciRiscatto

di Gian Paolo Ormezzano

Questo diciamo capitolo del mio romanzo che la rivista tuttoBICI (sempre sia lo­da­ta) ospita pressoché mensilmente - ricordi, paragoni, ricorsi, no­stalgie, sospiri, versi d’amore, in­somma cazzeggio sincero ed onesto, sempre ispirato al ciclismo -, oggi è in pratica scritto da altri. Gli altri sono tutti quelli che in qualche modo mi stanano, mi snidano, mi raggiungono, quasi sempre via e-mail, con i loro scritti, anche se io non twitto, non feisbukko, non instangrammo, non linkedinko, non bloggo, insomma sono asociale, antitecnologico, eremitico, bunkerizzato. Mi raggiungono e mi promettono/minacciano l’invio, la visione, la lettura in an­teprima, via internet, di un loro lavoro ovviamente speciale: un li­bro, un articolo, un raccontone, un raccontino. Mi rannicchio, mi nascondo, dico che ho testa e oc­chi stanchi ergo non riesco ad aprire e leggere gli allegati dei mes­saggi al computer, chiedo al­meno i testi dattiloscritti sui vecchi cari fogli di carta con stampate le “cose” sopra, me li fanno pervenire, penso anche spendendo assai, e infatti dopo tre giorni ho fra le ma­ni le bozze del libro, recuperate in qualche ufficio postale o corriere lontanissimo da casa, dove sono finite dopo che il postino o chi per esso aveva suonato invano al mio citofono ma io non ero in casa.

Altri due giorni e la telefonata, perché intanto il mittente si è diabolicamente procurato il mio numero di fisso o di cellulare. Ricevuto il mio libro? Sì. Cosa gliene pare? Non saprei, per ora. Non l’ha ancora letto? Sa, sono in ritardo su Proust e Tolstoi, mi dia tempo.
Di solito lo scrittore, esimio ancorché ignoto, si arrabbia. Eggià, lei è un giornalista arrivato (ma do­veeee?), io sono uno qualunque. Ma c’è anche chi mi capisce e ge­nerosamente mi dice che richiamerà tra altri due giorni.

In Italia escono ogni giorno 167 (centosessantasetteeeee ogni giornooooo) nuovi libri, secondo una ricerca di due anni fa. Siamo al mondo una delle nazioni i cui bipedi abitatori leggono me­no, un terzo di loro non apre man­co un libro l’anno. Per i compleanni di certe persone peraltro a me vicine regalo fiori o bottiglie o sciarpe o anche dischi con un bi­gliettino: “Volevo regalarti un libro, ma ho saputo che ne hai già uno”. Alcuni si offendono, altri, quelli permalosi e vanitosi, mi fanno sa­pere che di libri ne hanno già tan­ti, anche dieci. Ci sono in effetti nella bell’Italia più scrittori che lettori. Ma io riesco a sentirmi colpevole verso quel milite ignoto del­la tastiera, quello che in qualche modo mi ha fatto pervenire la sua sicuramente grande opera. Mi scuso, se penso che sia offeso. E magari leggerò anche le prime pa­gine del suo libro: se mi conquisterà andrò avanti, sennò lo chiuderò e amen, ma non glielo dirò mai, mi spaccerò per moribondo malatissimo cieco.

Lunga premessa per far ma­gari gaglioffamente sapere che ho letto e goduto, sforando rispetto alle mie abitudini, un foglio arrivatomi per la vecchia cara posta, una busta e dentro, fotocopiato su una sola pagina, un articolo apparso su "A Gardiöra du Matüssian", che non so cosa voglia dire e comunque è una pubblicazione di San­re­mo, città ligure di varie risorse e iniziative, dal festival della canzone in giù o in su. Si racconta di co­me nacque la Milano-Sanremo, gara di ciclisti che sta per riproporsi nel calendarione 2018, e che magari è proprio la più bella corsa ciclistica del mondo. L’articolo di Andrea Gandolfo fa sapere che una Milano-Acqui-Sanremo nacque nell’aprile 1906, come gara automobilistica organizzata a San­remo e però intitolata al giornale milanese La Gazzetta dello Sport, e fu un disastro: due vetture arrivate su trenta partite.

I sanremesi organizzatori, che si erano appoggiati al giornale di Milano nella persona del suo direttore Eugenio Costama­gna, chiesero scusa per l’inesperienza, domandando di potersi ri­scattare con l’organizzazione di una gara ciclistica sponsorizzata sempre da quella pubblicazione. Ed ecco allora, dal 1907, La Mila­no-Sanremo ciclistica, primo vincitore Lucien Mazan, francese, me­glio noto come Petit Breton, aiutato dall’italiano di Asti Giovanni Gerbi detto Diavolo Rosso, che stoppò nella volata avversari assortiti ed ottenne per questo servizietto dal primo arrivato una ricca compartecipazione agli utili, premi e rimborsi. Costamagna chiese ed ottenne, per autorizzare la prima Milano-Samremo ciclistica intitolata appunto a La Gazzetta dello Sport e per pubblicizzarla sul giornale, un impegno dei sanremesi ciclofili a spendere almeno 700 lire onde concorrere all’organizzazione. La bella cifra fu messa insieme con una sorta di pubblica colletta pro ciclismo, pro bicicletta (la petite reine, piccola regina, dei francesi con Sanremo quasi confinanti).

Ecco, la più bella corsa italiana dice per le sue origini di una valida prova di for­za, sia pure indiretta, della bici contro l’auto. Da qui si possono argomentare tante cose, fra l’altro sospirando sul rovesciamento dei rapporti in corso da anni e anche attualmente, cioè tante auto che si prendono le strade intanto facendole pericolose per le bici, ma an­che una non vaga ipotesi di rovesciamento prossimo venturo dei rapporti stessi, la bicicletta cioè che si re-impone all’insegna stavolta dell’ecologia, cominciando magari a mettere in atto la restaurazione nelle provvide piste ciclabili dentro la città asfissiata dai gas combusti dei motori a scoppio. Argomento concreto, forte e addirittura vitale, e però quasi poetico, sì da far paura a chi ha il terrore della poesia facile, o frequenta il santo pudore di usarla. Amen, e così (non) sia.
Copyright © TBW

Grande giornata per i colori della Trek Segafredo sulle strade di Francia: il danese Mads Pedersen ha infatti vinto per distacco il Gp Isbergues mentre al secondo posto è giunto, con un distacco di 38 secondi, il suo compagno di...


Doppietta per i colori della Delio Gallina Colosio Eurofeed in Puglia. Luca Rastelli si è imposto per distacco nella Targa Crocifisso di Polignano a Mare (Ba) dopo una bella azione solitaria di 12 chilometri. Alle sue spalle Edoardo Sali, secondo...


Davide Cassani ha fatto la sua prima scelta riguardo le riserve per il campionato mondiale: Kristian Sbaragli sarà una delle due riserve azzurre. «Una scelta l'ho fatta - ha detto il ct azzurro in diretta a RaiSport - e riguarda...


Comincia con un risultato pronosticato - trionfo dell'Olanda - e conla sfortuna azzurra il Mondiale dello Yorkshire. La staffetta mista ha visto infatti il successo della nazionale olandese che ha avuto la meglio sulla Germania e sulla Gran Bretagna. Maglia...


La 50^ edizione del Trofeo Gianfranco Bianchin, messa in cantiere dal Velo Club Gianfranco Bianchin, ha premiato il 22enne pescarese Francesco Di Felice (General Store) bravo ad imporsi allo sprint sul traguardo di Ponzano Veneto (Tv) al termine di una prova spettacolare ed...


Nuova vittoria per il tedesco Pascal Ackermann che si è imposto allo sprint nella Gooikse Pijl, classica autunnale che si disputa in Belgio. IL portacolori della Bora Hansgrohe ha preceduto l'azzurro Alberto Dainese della Seg Racing e il belga Timothy...


Matteo Trentin è pronto per guidare la squadra azzurra al Campionato del mondo nello Yorkshire. Il capitano azzurro oggi si è imposto nella 72a edizione del Trofeo Matteotti. Il 30enne trentino della Mitchelton Scott, oggi nella selezione azzurra schierata dal...


“Finalmente abbiamo interrotto quella che sembrava una maledizione…” E’ sollevato e contento Mirko Celestino dopo la conquista della medaglia di bronzo di Samule Porro ai Mondiali Marathon che si sono svolti a Grenchen, in Svizzera, e che hanno visto vincere Paez Leon, tra gli uomini, e Ferrand Prevot tra le donne....


Trionfo sulle strade del Milanese per la squadra Allievi della Ausonia Csi Pescantina. Vittoria di Matteo Consolini che allo sprint si aggiudica la 44sima edizione della Coppa città di Dairago svoltasi sulla distanza di chilometri 79. Terzo posto a...


Il vincitore della terza edizione dell'Ironman Italia, disputatosi ieri sulle strade di Cervia e della Romagna, è un volto noto nel mondo del ciclismo. Si tratta dell'australiano Cameron Wurf, buon passista e cronoman, che ha militato nella massima categoria per 11 stagioni dal...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy