Rapporti&Relazioni

Svecchiamoci

di Gian Paolo Ormezzano

Dopo la saga primaverile delle corse dette “monumento”, chissà se è sacrosanto o blasfemo chiederci se il ciclismo, per difendersi dalla concorrenza di altri sport con la loro spettacolarità autentica o fasulla, e però innegabile secondo i pa­rametri atttuali di questo (s)porco mondo, deve puntare sul suo antiquariato o decisamente farsi nuovo.
Secondo chi scrive ci si de­ve/può porre la domanda, a costo di apparire iconoclasti. Magari approfittando del Ghi­ro d’Italia in corso e in corsa, propizio a coltivazione di buoni sicuri cari antichi sentimenti di affetto per il ciclismo, roba vecchia ma tenera e almeno in certi giorni non sdatata. E andare avanti con un quesito d’avvio, magari imbarazzante ma sicuramente do­ve­roso: siamo certi che la definizione di corsa monumento sia a) capita da tutti, b) un buon affare anche soltanto presso chi la capisce? Dire monumento ormai suggerisce anche tarli, screpolature, sgretolamenti, se non crolli. E vecchiume, comunque.

Questo sul piano di considerazione diciamo ma­teriale, con però col­lusioni e diramazioni eccome sul piano morale: la storia ha innalzato ma poi abbattuto e sbriciolato tanti monumenti, altri sono sì stati lasciati in pie­di ma soltanto per meglio convogliare esecrazione o almeno revisione e critica. Quasi tutti i monumenti poi hanno patito l’erosione morale del tempo, o quanto meno la pesantezza di una datazione sempre più gre­ve e polverosa.

Se poi addiveniamo ai pa­rametri moderni di successo, popolarità, dif­fusione e automatico conseguimento di interesse anche se non soprattutto soltanto materiale, rischiamo di scoprire che l’uso della parola “monumento” viene sconsigliato da qualsiasi pubblicitario rampante, da qualsiasi esperto di pubbliche relazioni (denominazioni di specialisti vecchie, ormai, sta nascendo un nuovo lessico legato al web, all’influencer, al follower e via inglesizzando).

Ora una domanda doverosa deontologicamente, almeno per gli adepti residui del giornalismo antiquo, anche di costruzione e non mai di sadica comoda di­struzione: che fare o meglio co­sa dire, come definire le cor­se monumento? Ma attenzione: non parliamo qui, come invece abbiamo fatto altre vol­te, di revisione lessicale del ci­clismo, nella poetica e nella pratica, alla luce dei tempi nuo­vi, di sua pubblicizzazione moderna dicendolo e spiegandolo come sport diffusissimo nel mondo - coinvolti cinque continenti su cinque per dodici mesi su dodici di attività - e pazienza se uscito dal nostro glorioso ma diroccato villaggio italo-franco-belga (quello delle corse monumento, toh), delle sue valenze ecologiche e salutistiche, delle sue invitanti e di­sinquinanti innovazioni tecnologiche... Parliamo invece più sommessamente di piccolo cabotaggio lessicale, di slogan per l’uso di ogni giorno, di pa­role e frasi del genere chiamato tormentone, onde stare ai tem­pi nuovi del dire e dello scri­vere. Ha senso ancora parlare di inferno del nord, di cor­sa al sole, di corsa delle fo­glie morte, di percorso (olandese) a tutta birra, di battaglia delle Ardenne, di collinette chiamate muri, di tortura del pavé?

Dicono che a suo tem­po venne scomodato Gabriele D’Annunzio per stabilire se automobile era parola maschile o femminile, e il vate la fece donna (almeno per l’idioma di Dante). Magari adesso sarebbe il caso di trovare termini più moderni di mo­numento per una corsa vec­chia che però propone te­mi eterni come la fatica e temi nuovi come il mezzo meccanico speciale, tecnologicamente assai avanzato, o anche la nuo­va meccanica speciale del corpo umano. Scomodando i D’Annunzio che troviamo.

E così, tanto per dire e scrivere, scherzando proponiamo solennità e dissacrazioni e irriverenze e allegrie nuove anche se non so­prattutto per monumentali corse vecchie: Parigi-Roubaix sagra del Parkinson per via dei tremiti comandati ai pedalatori dai cubetti di porfido di Na­poleone III, Milano-Sanremo con il suo archimedico punto di apPoggio, Liegi-Bastogne-Liegi col suo mal di panzer (il monumento bellico al giro di boa), Giro di Lombardia così bello quando fa brutto, Giro delle Fiandre quando il gioco si fa muro…
(continua; o no?)

Copyright © TBW

Secondo successo personale per l'eritreo Biniam Girmay Hailu che si aggiudica la sesta tappa della Tropicale Amissa Bongo. Il portacolori della Nippo Delko Provence ha regolato l'algerino Hamza e Attilio Vivaini. In classifica generale resta al comando l'eritreo Tesfazion quando...


Pare che il Team Ineos abbia ridato buonumore a Rohan Dennis che ieri, mentre era nella coda del gruppo tra le ammiraglie del Tour Down Under, si è cimentato in una perfetta imitazione di Chriss Froome con un'autentica frullata. Un...


Obiettivo centrato. Il quartetto azzurro - rinnovatissimo, con Giordani, Boscaro, Masotto e Umbri - ha conquistato la medaglia d'argento nella sesta e ultima prova della Coppa del Mondo cedendo contro la Francia nella finale. Il risultato però è significativo perché...


È un Giacomo Nizzolo al settimo cielo, quello che scende sorridente dal podio del Tour Down Under: «Non finirò mai di ringraziare abbastanza il team perché oggi hanno fatto un ottimo lavoro. Il piano era chiaro: se avessi ceduto un...


Sarà come avere un papà in corsa o un direttore sportivo a casa? Una cosa è certa: Davide Martinelli non ha problemi a sentirsi figlio di, ma dopo quattro anni trascorsi nel team più vincente al mondo, sa anche che...


Remco Evenepoel quest'oggi soffia 20 candeline su una buona torta in Argentina. Abbiamo incontrato il fenomeno belga della Deceuninck Quick Step nel giorno del suo compleanno, alla vigilia della prima tappa della Vuelta a San Juan, la corsa che un...


Tutto è pronto per una nuova entusiasmante stagione, e per questo debutto 2020 il team AMORE e VITA – Prodir è volato in Argentina, dove da domenica 26 Gennaio fino al 2 Febbraio si svolgerà la Vuelta a San Juan...


Notte di festa in casa Baffi: poco prima dell'alba, a Treviglio, è nata Giada, primogenita di Marta e di papà Cristian. I nonni (Mirella e Adriano) e lo zio Piero sono chiaramente al settimo cielo. Dalla nostra redazione, auguri di...


Ogni anno che comincia si trascina subito dietro il suo vagone di cu­riosità, di dubbi, di interrogativi. Il 2020 fa cifra tonda e si presenta implicitamente ar­monico, ma per quanto ci ri­guarda sarà pieno di spigoli e di zone oscure....


Prendete la massima efficienza dell’ingegneria teutonica e accoppatela alla precisione svizzera et voilà, ecco a voi l’edizione limitata della nuova Canyon Lux SLX  9.0 DT LTD. Tanta roba ragazzi, infatti, ne esistono solo 32 esemplari e celebrano una partnership di...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155