Editoriale

CHI OFFRE DI PIÙ? Il capolavoro si sta compiendo, in tutto il suo fulgido splendore. Il nostro Titanic viaggia sereno con la sua orchestrina sonante e sognante contro il suo iceberg. Nel linguaggio iconografico ciclistico il Titanic è il nostro movimento, la montagna di ghiaccio è la riforma, con la categoria Continental che per molte formazioni Professional può rivelarsi un comodo quanto provvidenziale piano B da seguire, prima di andare però a sbattere.
Già dal prossimo anno qualche formazione under 23 in più, come la Colpack e la Beltrami Hopplà, farà il suo ingresso nella famiglia Continental, ma già adesso se ne intuiscono gli effetti e le conseguenze: aumento dei costi.
In linea di massima ci sono due modi di svolgere un’attività Continental, nient’altro che un team dilettantistico con la possibilità di disputare qualche corsa di livello con i professionisti. C’è chi continuerà a svolgere la propria attività di under 23, con qualche piccolissima puntata in corse pro. Già quest’anno, è bene dirlo, molte formazioni Continental, oltre a pagarsi spese di viaggio e alberghi, hanno dovuto anche contribuire con il versamento di qualche soldo agli organizzatori. Insomma, si paga per correre ad ogni latitudine, altro che storie! Altre formazioni, come la Polartec di Basso e Contador per intenderci, svolgeranno invece per davvero un’attività formativa internazionale che costerà non meno di un milione di euro a stagione. La stragrande maggioranza dei nostri team probabilmente sceglierà la strada del contenimento dei costi (attorno ai 600 mila euro), con un’attività che però sarà pochissimo internazionale, molto under 23, con un’unica vera conseguenza: l’aumento dei costi.
Se poi dal 2020 prenderà forma e vita la riforma pensata dall’Uci, le nostre quattro formazioni Professional con ogni probabilità sceglieranno anche loro la strada del riposizionamento verso il basso (Continental, appunto), e l’affollamento sarà completo e totale. I costi lieviteranno, gli organizzatori si troveranno ad avere troppe richieste, e la selezione non si farà più in base agli organici, al prestigio e alle vittorie ottenute, ma in base a chi offrirà di più. Bene, no? 

ACQUA ALLA GOLA. Mi sono sentito esattamente come in quei giorni in cui piove e c’è il sole. Un misto di gioia e magone. Estasi e tormento. Pace e rimpianto. Mi sono sentito esattamente così, la sera del 23 ottobre scorso, quando sono entrato nel velodromo olimpico di Londra - il Velopark -, per assistere alla serata inaugurale della Sei Giorni, nella quale è tornata a pedalare in gruppo la maglia Molteni, una delle maglie più importanti della storia del nostro sport.
Perché la gioia? Perché sono volato indietro nel tempo, quando pedalavo con poca forza e tanta passione al Palasport di San Siro, dove la Sei giorni era evento sportivo e mondano, ma anche culturale. Palasport gremito, più di quindicimila spettatori ogni sera: uno spettacolo. Perché magone? Perché non abbiamo più nulla di tutto questo, noi che abbiamo insegnato al mondo. Non sappiamo neanche più cosa sia una Sei Giorni. E vedere a Londra tantissimi ragazzi seguire con passione campioni che a noi direbbero poco più di nulla, mi lascia ancor più con l’amaro in bocca. Eravamo la centralità del mondo: i maestri, il movimento e la ruota. Eravamo tutto. Ora, forse, siamo i mozzi. Non quelli che compongono la ruota, e che danno stabilità e forza, ma quelli che vanno per mare: tanta fatica e acqua alla gola.

MAGIA MOLTENI. Mario Molteni si muove come un Harry Potter semplicemente un po’ più attempato. Ha gli occhi che luccicano, e il sorriso dolce di chi ha quasi pudore a manifestare tutta la sua gioia. Ha riportato il marchio Molteni in gruppo, alla Sei Giorni di Londra, vestendo i campioni del mondo Roger Kluge e Theo Reinhardt, oltre ai britannici Adam Blythe e Jon Dibben. In più Mario Molteni, che non sarà un maghetto, ma molto ci assomiglia, dal cilindro - che è poi il suo cuore - ha tirato fuori una Fondazione che avrà come compito quello di aiutare e assistere corridori indigenti. Dare una mano - non un vitalizio - a quei corridori che sono stati per mille e più ragioni sfortunati. L’idea è nobile e bellissima, e a tale riguardo invito gli amici Cristian Salvato e Gianni Bugno - presidente nazionale e mondiale delle rispettive associazioni di categoria - a mettersi in contatto con la famiglia Molteni. Sono una famiglia fantastica, riservata e dal cuore grande. È giusto che la grande famiglia del ciclismo li accolga come si conviene. La Fondazione Molteni è un valore aggiunto per tutti. È un discorso di maglie, di nonni e di padri, ma è soprattutto una storia di cuore. Per questo va considerata una magìa.

Pier Augusto Stagi

Copyright © TBW

Doppietta per i colori della Delio Gallina Colosio Eurofeed in Puglia. Luca Rastelli si è imposto per distacco nella Targa Crocifisso di Polignano a Mare (Ba) dopo una bella azione solitaria di 12 chilometri. Alle sue spalle Edoardo Sali, secondo...


Davide Cassani ha fatto la sua prima scelta riguardo le riserve per il campionato mondiale: Kristian Sbaragli sarà una delle due riserve azzurre. «Una scelta l'ho fatta - ha detto il ct azzurro in diretta a RaiSport - e riguarda...


Comincia con un risultato pronosticato - trionfo dell'Olanda - e conla sfortuna azzurra il Mondiale dello Yorkshire. La staffetta mista ha visto infatti il successo della nazionale olandese che ha avuto la meglio sulla Germania e sulla Gran Bretagna. Maglia...


La 50^ edizione del Trofeo Gianfranco Bianchin, messa in cantiere dal Velo Club Gianfranco Bianchin, ha premiato il 22enne pescarese Francesco Di Felice (General Store) bravo ad imporsi allo sprint sul traguardo di Ponzano Veneto (Tv) al termine di una prova spettacolare ed...


Nuova vittoria per il tedesco Pascal Ackermann che si è imposto allo sprint nella Gooikse Pijl, classica autunnale che si disputa in Belgio. IL portacolori della Bora Hansgrohe ha preceduto l'azzurro Alberto Dainese della Seg Racing e il belga Timothy...


Matteo Trentin è pronto per guidare la squadra azzurra al Campionato del mondo nello Yorkshire. Il capitano azzurro oggi si è imposto nella 72a edizione del Trofeo Matteotti. Il 30enne trentino della Mitchelton Scott, oggi nella selezione azzurra schierata dal...


“Finalmente abbiamo interrotto quella che sembrava una maledizione…” E’ sollevato e contento Mirko Celestino dopo la conquista della medaglia di bronzo di Samule Porro ai Mondiali Marathon che si sono svolti a Grenchen, in Svizzera, e che hanno visto vincere Paez Leon, tra gli uomini, e Ferrand Prevot tra le donne....


Trionfo sulle strade del Milanese per la squadra Allievi della Ausonia Csi Pescantina. Vittoria di Matteo Consolini che allo sprint si aggiudica la 44sima edizione della Coppa città di Dairago svoltasi sulla distanza di chilometri 79. Terzo posto a...


Il vincitore della terza edizione dell'Ironman Italia, disputatosi ieri sulle strade di Cervia e della Romagna, è un volto noto nel mondo del ciclismo. Si tratta dell'australiano Cameron Wurf, buon passista e cronoman, che ha militato nella massima categoria per 11 stagioni dal...


Il ciclismo italiano femminile perde uno dei suoi talenti più interessanti. Lisa Morzenti ha deciso di appendere la bici al chiodo. La 21enne bergamasca nella sua giovane carriera ha indossato più occasioni la maglia azzurra, distinguendosi soprattutto nelle prove a...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy