LE STORIE DEL FIGIO. DRIVER ZUCCHI. GALLERY

STORIA | 11/11/2016 | 07:40
La carriera ciclistica di Simone Zucchi, specialmente fra i professionisti, dura come una rosa ossia “ lo spazio di un mattino”.
Si è però, in un certo senso, riaperta, da poco, a quarantacinque anni, in altra veste. Naturalmente non è più in bicicletta ma al volante di una vettura, una vettura importante e indispensabile nello svolgimento delle corse, quella del medico di gara, in un contesto organizzativo di corse di primaria importanza come quello di RCS Sport.

Infatti, nel 2016, nell’équipe medico-sanitaria diretta dal prof. Giovanni Tredici, ha fatto il suo esordio alla guida della vettura del dott. Massimo Branca, medico di lunghissima militanza in corsa, quella che solitamente, anzi sempre, è immediatamente alle spalle del gruppo seguito dal presidente di giuria, davanti alla lunga colonna delle ammiraglie, come per oltre trent’anni ha fatto Tredici e ora continua, da qualche anno, Branca. L’automedica1 è quella che opera gli interventi in corsa, a fianco del corridore che richiedono assistenza oltre che essere, per solito, la prima a intervenire per i soccorsi in caso di cadute. E’ una posizione delicata, “calda”, sempre nel cuore della corsa, nel traffico – talvolta frenetico - delle ammiraglie. Com’è comprensibile la guida di questa vettura deve essere una guida sicura e conoscitrice delle speciali dinamiche e “logiche” (virgolette d’obbligo per logiche, almeno nel senso comune) proprie di una corsa ciclistica.

E Simone Zucchi, su indicazione del prof. Tredici e del dott. Branca, con l’avallo e la ratifica della direzione corsa di RCS Sport, opera la sua rentrée in gruppo, a distanza di quasi venti anni, in posizioni che, lo dice scherzando ma che sinceramente riconosce vere, non gli erano molto abituali quando pedalava in bicicletta. All’epoca, nel gruppo, era indicato come “il fagiano”, soprannome scherzoso con il quale era stato battezzato dai molti amici pedalatori della numerosa colonia varesina-varesotta con i quali Simone Zucchi è rimasto sempre, ed è tuttora, in costante contatto, in varie occasioni, in incontri e pedalate.

E’ stata buona la sua attività fra i dilettanti culminata nella Brunero-Bongioanni del d.s. di lungo corso Giuseppe Damilano, prima del passaggio fra i professionisti nel 1997 nell’Amore e Vita, poi nel 1999 alla Polti e la conclusione, nel 2000, alla polacca Atlas. Ha ottenuto sette vittorie comunque, seppure distribuite in corse disputate in Argentina, Cile, Portogallo e Slovenia. “Vittorie internazionali”, e sorride dicendolo, il “fagiano” che, conclusa l’attività di pedalatore, lavora nella vicina Svizzera ticinese e spiega che nella sua carriera non è mai stato protagonista di una “fagianata”, l’azione così definita quando un corridore, senza cercare di dare a vederlo, quasi con noncuranza, aumenta la sua andatura per avvantaggiarsi quasi di soppiatto.

E’ pleonastico scrivere della grande soddisfazione, dell’orgoglio e della riconoscenza che prova per chi ha reso possibile questo suo “ritorno in gruppo” in una posizione per lui non immaginabile, solo sognata, quando correva. E le corse hanno confermato che è stato un inserimento riuscito quello di Simone Zucchi, per capacità di guida e carattere, all’interno dell’affiatata ed efficiente squadra dell’équipe medica del Giro e delle altre corse rosa.

Giuseppe Figini
Copyright © TBW
COMMENTI
11 novembre 2016 17:47 SCOTT
Bravo SIMONE ti auguro un buon futuro nella tua nuova avventura ciclistica


Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Una delibera storica per più motivi. Intanto perché è la prima assegnazione di contributi pubblici stabilita dal cda di Sport e Salute e poi perché c’è la decisione di erogare 25 milioni al “sociale”. In linea con gli indirizzi del...


Seconda vittoria per il belga Quinten Hermans all'Ethias Cross. Dopo il trionfo di nella quarta prova di Beringen, il belga della Telenet Fidea Baloise, ha concesso il bis stamane a Essen, in Belgio, dominando la gara maschile della categoria Elite....


Battesimo di gran successo per Marianne Vos. La campionessa olandese, alla sua prima uscita stagionale nel Ciclocross, domina la scena dell'Ethias Cross che si è svolto a Essen in Belgio.Vos ha subito cambiato marcia fin dalla partenza scremando le sue...


L'Astana Women's Team è orgogliosa di annunciare che anche nel 2020 la cubana Arlenis Sierra difenderà i colori della squadra in quella che sarà la sua quarta stagione con la formazione italo-kazaka. Era stata proprio l'Astana ad aprire le porte del ciclismo femminile...


Nessuna medaglia ma buone prove per i colori azzurri nella penultima giornata della prova di Coppa del Mondo in svolgimento a Cambridge, in Nuova Zelanda. Le giovanissime Martina Fidanza e Vittoria Guazzini hanno colto il sesto posto nella madison vinta...


È sempre così, la festa dell'Andrea Vendrame Fans Club regala grandi emozioni. Sono stati davvero in tanti, ieri sera, a ritrovarsi presso il Mobilificio Granzotto a Santa Lucia di Piave con l'obiettivo di festeggiare il grande 2019 di Vendramix e...


Una piccola storia - quella del 2019 del ciclismo - in una grande storia come quella della bicicletta, che ha compiuto i suoi primi 200 anni. A raccontarci - attraverso le immagini e le parole - il 2019 del ciclismo,...


Ci sarà anche Marco Frigo a pedalare con la Deceuninck Quick Step in quel di Calpe, nel raduno che il team nuero uno del mondo sta per cominciare. A darne l'annuncio è stato lo stesso corridore vicentino in occasione della...


Laureando in Scienze Storiche dei Beni Culturali all'Università di Siena, Tommaso Fiaschi pedala verso la sua quinta stagione tra i dilettanti, la prima con la categoria degli Elite. Toscano di Poggibonsi, dove è nato Alberto Bettiol, vincitore quest'anno del Giro...


Un anno di incontri, appuntamenti, impegni. Un anno di caselli, chilometri, parcheggi. Un anno di ricordi, racconti, testimonianze. Un anno di emozioni, commozioni, malinconie. Un anno di microfoni, telefoni, messaggi. Un anno – coppiano - nel nome del padre. Faustino...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy