TOUR. Nieve: È la mia stagione migliore

PROFESSIONISTI | 24/07/2016 | 10:43
Mikel Nieve ha centrato uno degli obiettivi che si era posto approdando alla Sky: vincere il Tour con Chris Froome. Insieme a Poels, il basco è stato il più presente degli uomini che hanno affiancato il campione britannico e conferma: «Questa è la mia miglior stagione, visto che ho anche conquistato una tappa e la maglia di miglior scalatore al Giro d'Italia. E arrivare a Parigi con Chris in maglia gialla è un premio straordinario, la realizzazione di un obiettivo importante».

La Sky si è dimostrata fortissima.
«È vero, tutto ha funzionato alla perfezione e tutti hanno dato il massimo. Abbiamo sempre dovuto assumerci la responsabilità della corsa e non abbiamo mai perso un colpo di pedale. Sì, abbiamo disputato un grande Tour».

È soddisfatto del suo rendimento in montagna?
«Certamente. E a dire il vero sono andato meglio di quel che pensassi. Dopo il Giro, avevo qualche dubbio sul mio rendimento, in allenamento andavo bene ma non potevo sapere quale sarebbe stato il mio rendimento sulle tre settimane. E invece sono andato forte. Il Tour era nei miei programmi sin dall'inizio, poi strada facendo mi hanno chiesto di correre il Giro e devo dire che sono contento della mia stagione».

Anche Poels è stato bravissimo.
«Ognuno di noi ha avuto degli alti e bassi. Io per esempio venerdì ho vissuto una giornata difficile, ma la nostra forza è che se non c'era uno c'era l'altro. E tutti i giorni abbiamo dimostrato di essere la squadra più forte».

Froome ha mostrato di apprezzare il vostro lavoro.
«Lui ci ringrazia sempre, sin dal primo giorno lo ha sempre fatto. Lavorare per un leader come lui è una goduria».

Le pesa la mancata convocazione per i Giochi Olimpici?
«Questa era un'opportunità unica per essere andare ai Giochi. Ci speravo, soprattutto dopo aver visto il percorso. Ci credevo, ma il selezionatore ha pensato diversamente e io rispetto la sua decisione».

Adesso allora può riposare…
«Ho bisogno di riposare soprattutto dal punto di vista psicologico, perché arrivo da mesi molto intensi. Correrò a San Sebastian perché sono a casa mia, poi me la prenderò più tranquilla e non so se correrò ancora. Ho disputato la mia stagione migliore, mi è mancato solo un buon piazzamento in classifica generale, ma il mio livello di rendimento è stato decisamente alto.».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Gianni Bugno, presidente dell'Associazione Internazionale dei Corridori (CPA), ha voluto ringraziare pubblicamente l'Unione Ciclistica Internazionale (UCI) per il sostegno concreto che la federazione ha deliberato in favore del Fondo di transizione e del CPA Women, e Amaury Sport Organization (ASO),...


L’Emilia-Romagna non è esclusivamente la patria della Ferrari, della cucina tradizionale, della piadina e del Sangiovese, la terra di Marco Pantani e della movida in Riviera. E ancora: non è solo il luogo degli ultimi Mondiali di Ciclismo, della grande...


Se c’è qualcuno che ha voluto dimenticare il 2020 a tutti i costi quello è proprio Matteo Malucelli: l’anno scorso il ventisettenne di Forlì non si è fatto mancare proprio niente, nemmeno il temibile virus. Archiviata l’avventura biennale con la...


Massaggiatori, meccanici, chef, osteopati, nutrizionisti, autisti: sono davvero tante le mani d'oro italiane nel WorldTour. Abbiamo deciso di incontrare i proprietari di queste mani e di raccontarvi alcune delle loro storie. Uno per squadra e questa volta è il turno...


Matteo Ascari e Alessia Fantoni, Giudici emiliano-romagnoli hanno brillantemente superato l’esame conclusivo del Corso di Formazione per Giudici Nazionali. Matteo Ascari di Lugo, classe ’95, è atleta con la Baracca nelle categorie giovanili, Junior con la Calderara stm e giudice...


Ti ricordi la tua prima bicicletta, di quando eri piccola?, colore, marca, regalo, sensazioni, il primo momento in cui ha trovato l’equilibrio senza aiuti o rotelle? Ti ricordi la tua prima bicicletta da corsa?, e la tua prima corsa?, e...


Il vincitore dell’UAE Tour, Tadej Pogačar, sarà l’uomo di riferimento della formazione emiratina che prenderà parte alla Tirreno-Adriatico, breve corsa a tappe di categoria World Tour in programma dal 10 al 16 marzo che proporrà sette frazioni. Il Team Manager...


Il ciclismo giovanile italiano purtroppo sta affontando una evidente "esasperazione agonistica":  fin dalle categorie minori c’è pressione sui giovani atleti, portando ragazzi di 16/17 anni ad essere considerati già come professionisti. Nella disperata ricerca di un ricambio generazionale si creano...


Filippo Fiorelli ha rotto il ghiaccio tra i professionisti con la vittoria al Porec Trophy, in Croazia. Nonostante il suo essere arrivato tardi al professionismo, sta a suo modo bruciando le tappe e tutta la Bardiani CSF Faizanè lo supporta...


Protagonista mercoledì a Laigueglia, Mauri Vansevenant oggi ha fatto ancora meglio conquistando il successo nel GP Industria & Artigianato a Larciano.«Il mio team ha fatto un lavoro fantastico per me oggi e questo ha esaltato la mia fiducia. Vedere che...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155