MOTTA. 50 ANNI DI GIRO. GALLERY

INIZIATIVE | 29/04/2016 | 20:45
Gianni Motta, cinquant'anni di Giro. Era il 1966 quando un giovanissimo Gianni Motta vinceva la corsa rosa ed entusiasmava gli appassionati di tutta Italia.
E questa sera la sua Cassano d'Adda ha voluto celebrare la ricorrenza e stringere il campione in un abbraccio speciale.
Ad organizzare la serata è stata sua figlia, Laura. A presentare, Alessandro Brambilla con il vice direttore della Gazzetta dello Sport Pier Bergonzi che ha guidato il talk show che ha fatto seguito alla proiezione di un filmato stotrico molto emozionante.
In sala, tra gli altri, Vittorio Seghezzi e i suoi 92 anni ben portati, che è stato diesse di Motta alla Faema, Ernesto Colnago, Ugo e Cristiano De Rosa, Pietro Rosino Santini, Valentino Campagnolo, Caterina e Amedeo Colombo, Fezzardi e Dancelli che hanno corso alla Molteni con Motta. E ancora il grande rivale Felice Gomondi, Francesco Moser, Maurizio Fondriest, Franco Cribiori, Giovanni Mazzola di Vittoria, Stefano Allocchio, Marino Vigna e il presidente facente funzioni del Comitato Regionale Lombardo Cordiano Dagnoni. Poi Dino Zandegù. Italo Zilioli, Alberto Della Torre, Riccardo Magrini, Walter Avogadri, Gianfranco Foresti, Franco Balmamion, Gianni Torriani, Marco Cattaneo ed Enrico Maggioni.

C'è il fratello di Gianni, Lino classe 1947 e soprattutto c'è la zia Emma, 105 anni, che lo ha cresciuto a Premeno, sul lago Maggiore, e che - lucidissima - racconta di come Gianni da bimbo facesse sempre finta di avere mal di gambre per farsiportare in spalla.

«Ho il magone - confessa il mitico Gianni Motta -, non mi aspettavo davvero una festa così bella. Cosa posso dire? Che mio padre lavorava alla Motta, mia madre lavorava alla Motta, sino sono messi assieme ed è nato un bel Mottarello...».

Curiosa anche la storia della data di nascita: «Sulla pagella c'è scritto 12 marzo, poi a 16 anni ho fatto la carta d'identità e hanno sbagliato scrivendo 13. Ma io sono nato il 12. Però se volete farmi auguri e regali, fatelo sia il 12 che il 13, così non sbagliate».

a cura della redazione di tuttobiciweb.it
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Perché la bicicletta va veloce ma mai di fretta. Perché la bicicletta è più libera di quel che ci si aspetta. Perché la bicicletta è forte e ti porta fin sulla vetta. Perché la bicicletta è umana, democratica, sostenibile e...


Uno scricchiolio, l'implosione improvvisa e tanta paura. Si è sfiorata la tragedia domenica sera a Oropa. La gigantesca bicicletta realizzata dall'artista Ivano Munarin è crollata su sé stessa travolgendo le persone che satavo posando per una foto ricordo. Tra loro...


Si conoscono i percorsi dei Campionati Italiani a cronometro organizzati dall’Unione Ciclistica Larcianese in programma a Grosseto il 19 e 20 giugno. Partenza ed arrivo in Viale della Repubblica e percorso interamente pianeggiante che tocca le zone di Principina a...


Tadej Pogačar ha vinto il Giro d’Italia ma ha stravinto anche il FantaGiro d’Italia. Il progetto lanciato da RCS Sport, a fronte di una poderosa promozione, ha riscosso notevole interesse, sfiorando gli 80 mila utenti iscritti e le 108 mila...


Il 16 giugno si avvicina e se molti di voi hanno messo nel mirino la quinta edizione della BERGHEM#molamia, sappiate che la presentazione ufficiale della manifestazione è stata fissata per venerdì 31 maggio alle ore 20:30 al Neuchatel 1928 di...


La bici con le sue emozioni e i suoi colori ha trasportato anche quest’anno gli istituti primari del comprensorio spoletino in occasione di “Pedalando nei Sogni: Bambini e Bicicletta…un Amore Infinito”. La seconda edizione del concorso di disegno tematico, promosso...


Il demone in bicicletta è un insegnante di Storia e Filosofia con la passione (necessità?, bisogno?, urgenza?, istinto?, ispirazione?) dello scrivere. Saggi, critiche, memorie. All’anagrafe risulta Luigi Antonio Pedretti, in copertina compare Pierluigi Pedretti, lui si firma Luigi Pedretti. Uno...


Pedalare è il modo migliore per scoprire le bellezze del nostro Paese e la Romagna è una delle zone che per prime ha creduto nel cicloturismo. In questo meraviglioso angolo d'Italia Ciao Bellezza ha selezionato l'Hotel Il Villino, che troneggia...


Dopo il Giro della Bolghera, salta anche il Trofeo Degasperi. Il ciclismo trentino ha perso le sue due grandi classiche nella stagione 2024, con la viva speranza di poterle riabbracciare nel 2025. Se a mettere in difficoltà la Bolghera sono...


JonnyMole, studio internazionale di design e comunicazione con sede a Cittadella (Padova),  ha celebrato il suo 25º anniversario lo scorso giovedì 23 maggio 2024, in occasione della tappa padovana del Giro d’Italia. Punto di riferimento per il design del settore ciclistico, Jonny...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi