BRAMBILLA. «Mai stato così forte»

PROFESSIONISTI | 30/03/2016 | 08:24
Questa volta ce l’ha fatta a met­ter tutti nel sacco. Gra­zie a una fuga, come una di quelle che tante volte l’aveva visto poco fortunato protagonista, ha conquistato la sua vittoria più importante. Nella seconda giornata della Chal­lenge Maiorca, Gianluca Bram­bil­la ha anticipato la battaglia finale con una fuga iniziata sull’Alto de Galiela a 32 chilometri dall’arrivo e sul traguardo di Port de Andratx è riuscito a mettersi dietro di 2” il polacco Michal Kwiatkowski (iridato 2014 e suo ex compagno di squadra), al debutto con la maglia del team Sky, e il ceco Zde­nek Stybar, portacolori anch’egli della corazzata belga Etixx Quick Step.

Per il 28enne vicentino, professionista dal 2010, 13° al Giro 2012 e alla Vuelta 2015, è il secondo successo della carriera dopo il Gp Nobili Rubinetterie ad Arona nel 2010. Il “Brambi” ha così regalato all’Italia la prima vittoria europea della stagione. E lo ha fatto in un anno che per lui sarà eccezionale per una grande novità che arriverà ad arricchire la sua vita privata e, visti i presupposti, si prospetta un anno da ricordare anche a livello sportivo.

Non puoi che essere contento di come è iniziato questo 2016...
«Dici bene. Sono partito con il piede giusto, praticamente al primo giorno di gara è arrivata la prima vittoria. Nei giorni successivi a Maiorca mi sono confermato con i migliori e così è successo anche al Tour of Oman, dove ero partito in supporto a Daniel Martin e Bob Jungels, anche se poi la strada ha deciso che dovessi essere io l’uomo di punta della squadra. Tornando alla vittoria, è stato un giorno incredibile e a­nche molto duro, considerando che ho affrontato gli ultimi 20 chilometri da solo. Arrivare davanti a Kwiato, Can­cel­lara e Valverde mi ha reso molto or­goglioso. La dedica è per Pietro, il papà della mia compagna, che è mancato un anno fa. Era un mio grande tifoso, mi seguiva con passione, nell’ultimo periodo gliel’avevo promessa. Ap­pena tagliato il traguardo ho pensato a lui, le promesse vanno mantenute».

Si può dire che è stato il momento più bello finora della tua carriera?
«Sai, l’atto della vittoria è stupendo in sé ma custodisco tanti altri bei ricordi ugualmente preziosi. Penso all’aria che ho respirato alla partenza della Liegi o di altre corse storiche con un pubblico mozzafiato, oppure all’adrenalina del ritrovarsi nel finale di tappe dure di un grande giro a fianco di campioni che hai sempre stimato. Scattar loro in faccia, come si dice in gergo, è una soddisfazione che ripaga tutti i sacrifici af­frontati per arrivare fin qui. Vado fiero di me, negli ultimi anni sono sempre stato presente. Nel ciclismo moderno quando la squadra chiama bisogna es­sere pronti per lavorare per il capitano di turno o per fare la corsa in prima persona, per quanto possibile bisogna essere sempre al cento per cento».

Hai dichiarato di non esserti mai sentito così forte.
«Negli ultimi anni sono cresciuto, non solo in termini di prestazione, ma an­che di facilità nel trovare la forma. Do­po il Giro, per esempio, rispetto ad anni fa vedo che riesco a mantenere me­glio la condizione accumulata nelle tre settimane. Fisicamente sono più pronto e ho imparato a lavorare, non metto più su chili come mi poteva capitare in passato. Quest’inverno in particolar modo ho affrontato tante ri­nunce per arrivare al via della stagione con una buona gamba. Nelle ultime sta­gioni ci ho dato dentro, i sacrifici so­no stati ripagati dalla condizione e dai risultati. Nessuna rinuncia è impossibile secondo me, parlando di cibo cerco di non farmi mancare nulla e stare a dieta non mi pesa. Fa parte del mio lavoro. Come fatico a fare sei ore, ogni tanto posso rinunciare a una pizza».

Che corridore sei?
«Sono uno scalatore, ma posso fare be­ne anche negli arrivi di gruppetti ri­stretti. Mi gioco le mie carte ogni volta che è possibile, ma mi metto volentieri al servizio dei miei compagni più in forma. Da dilettante ho imparato a correre così, combattivo e generoso, anche perché non si può pretendere di essere competitivi tutto l’anno».

Hai un soprannome?
«Valgono le abbreviazioni Gian o Brambi?».

Un portafortuna?
«No, fortunatamente non sono scaramantico».

Tatuaggi?
«No, ma quando ero più piccolo avevo l’orecchino. L’avevo fatto a 7 anni, quando a mia sorella per la comunione avevano regalato un paio di orecchini, l’avevo accompagnata a “fare i buchi” e già che c’ero... Da dilettante però Lu­cia­no Rui, diesse della Zalf Desirèe Fior, mi ha obbligato a toglierlo».

Segno zodiacale?
«Leone».

Raccontaci da dove arrivi.
«Sono nato a Bellano (Lecco), ma da quando sono piccolo vivo a Tezze sul Brenta, in provincia di Vicenza, dove la mia famiglia si è trasferita per esigenze di lavoro. Fino a qualche tempo fa abitavo con mam­ma Pa­trizia, ca­­­salinga, pa­pà Ric­car­do, consulente fi­nanziario, e mia sorella Isa­­bel, che ha un anno in più di me. Ora lei vi­ve in Canada con il fidanzato, lui ha un’im­presa edile, lei lavora in ufficio. Non sono an­cora andato a trovarla, anche perché lì fa un freddo bec­co, poco tempo fa mi raccontava che il termometro segnava meno ven­ti... Non so come facciano a esistere corridori canadesi, come fanno ad andare in bici? (ride, ndr). È più facile che venga lei a casa mia. Io mi sono trasferito a Bas­sano del Grappa con Cristina. Stia­mo assieme da otto anni, abbiamo frequentato la stessa scuola e al termine degli studi ci siamo avvicinati senza più lasciarci. Nella prima metà di maggio nascerà la nostra primogenita. Non ab­biamo ancora deciso il nome, sarà lotta aperta fino all’ultimo (sorride, ndr)».

Cosa fai nella vita, a parte pedalare?
«Sono un ragazzo semplice, alla mano, che fa le cose che ama fare qualsiasi ragazzo della mia età. Mi piace stare con gli amici, giocare coi videogiochi, andare al cinema, portare a spasso il mio rottweiler Schwarz. Seguo altri sport, in particolare i motori. Adoro quel fenomeno di Valentino Rossi. Il calcio, invece, non lo reggo».

Cos’hai studiato?
«Sono diplomato in ragioneria. Mi sa­rebbe piaciuto proseguire gli stu­di, ma dopo le superiori li ho abbandonati per provare a far qualcosa di buo­no in bici. Da un lato è stato un peccato ri­nunciare all’università, sa­rebbe stato interessante frequentare una facoltà tipo fisioterapia o scienze mo­torie, qualcosa sempre legato allo sport per intenderci, ma il ciclismo mi sta dando tante soddisfazioni».

Come ti sei avvicinato al ciclismo?
«Ho iniziato a correre all’età di dieci anni, da G4 con l’UC Romano, quando decisi di smettere di correre dietro a un pallone e con una piccola biciclettina rossa trovata nella soffitta di un negozio di bici iniziai a pedalare. All’epoca ero così piccolo che mi dovettero fare un telaio su misura, che andasse bene con le ruote da 28 pollici. Facevo fatica a tenere le ruote degli altri bambini perché la differenza tra il mio fisico e quello dei miei coetanei era molta. Ero mingherlino, quindi penalizzato dai tipici percorsi lineari su cui ogni domenica i giovanissimi battagliano. Già allora però, quando la strada cominciava a salire avevo l’impressione che il ci­clismo non era poi così sbagliato per me».

Il tuo idolo sportivo quando eri un bambino?
«Marco Pantani. Quando scattava lui, io scattavo sul divano».

Un augurio per il ciclismo?
«A questo sport, che tanto sta facendo tanto per crescere e migliorarsi, auguro di riuscire a conquistare sempre maggiore credibilità. Per il movimento italiano in particolare ci vorrebbe maggiore tutela da parte delle istituzioni che dovrebbero avere a cuore lo sport a 360°: il ciclismo è uno sport importante e merita rispetto».

Ora cosa vuoi?
«Vincere di nuovo, subito (sorride, ndr). Bisogna battere il ferro finché è caldo, non si dice mica così? Sono uno che osa, spero la buona sorte mi faccia riprovare l’emozione di arrivare al traguardo a braccia al­zate presto. Ora mi aspettano il Giro dei Pae­si Baschi, Freccia Val­lone, Liegi-Bastogne-Liegi e Giro d’Italia. Per la corsa rosa non so ancora che squadra sa­rà schierata e che ruolo avrò. Il Giro quest’anno parte dall’O­lan­da, mi aspetto un’accoglienza calorosa. Per il re­sto vedremo co­me sa­­rà il me­teo e in qua­li tappe po­trò dire la mia. An­drò a caccia, so­prat­tut­to in quelle vicino casa. Ho già in men­te anche la de­dica. Per allora un nome io e Cristina lo dovremo aver scelto per forza».

Giulia De Maio, da tuttoBICI di marzo
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il Team DSM ha accettato di rescindere il contratto con Tiesj Benoot. Durante la loro stagione 2021 - scrive il Team DSM in un comunicato ufficiale - è parso evidente che Benoot non era in grado di mantenere i suoi...


Si è chiuso lo stage di 3 giorni di casa Colpack Ballan. La formazione orobica, del Presidente Beppe Colleoni, per il 2022 presenta l'inserimento di 2 nuovi atleti stranieri. Si tratta dell'irlandese Ronan O'Connor e dello spagnolo Ruben Sanchez. Tocca...


Le previsioni meteorologiche annunciamo per mercoledì 8 dicembre una giornata caratterizzata dall’arrivo delle neve a Brinzio, classica località che accoglie ogni anno l’8 dicembre la Pedala con i Campioni – Memorial Michele Scarponi. E’ per questo motivo che gli organizzatori...


Mark Cavendish vestirà la maglia della Deceuninck Quick Step per un'altra stagione. Dopo essere arrivato all'inizio del 2021 per quella che si è rivelata una stagione storica, Mark rimane a far parte del Wolfpack, squadra con cui è tornato a...


Ventidue biciclette rubate, due dovranno presentarsi venerdì prossimo al Tribunale penale di Lilla. «Marcq-en-Baroeul disterà una decina di chilometri scarsi – racconta oggi Ciro Scognamiglio sulla Gazzetta dello Sport - : è lì che nella notte tra il 22 e...


Sarà stato fortunato, ma sicuramente bravo. Lorenzo Fortunato riparte da dove in pratica è partito e si è palesato al mondo: dallo Zoncolan, dove sabato scorso si è ripresentato per l’inaugurazione della nuova seggiovia dedicata al Giro d’Italia. Oggi La...


Una vita interamente dedicata alla bicicletta, un dinamismo, una lucidità e un entusiasmo mostrati ad ogni uscita pubblica, fino a un paio di mesi fa. Giovanni Meazzo, morto domenica a 93 anni, era la memoria storica del ciclismo alessandrino. Era...


Faè di Oderzo sta per diventare, per la 19^ volta, la capitale del ciclocross italiano. I rinomati vitigni di Prosecco di Borgo Barattin, nel cuore della pianura trevigiana, faranno come sempre da cornice al Ciclocross Internazionale del Ponte, 4^...


La Federazione Ciclistica Italiana ha tagliato ieir il traguardo dei 136 anni di storia. Nel bel libro di Roberto Livraghi “Pista! Alessandria capitale ciclistica della Belle Epoque” si ricorda nel dettaglio la prima corsa di velocipedi...


Immaginate la scena: è la sera del 22 ottobre, Ashton Lambie ha appena realizzato il suo sogno di vincere il titolo mondiale dell'inseguimento su pista e rientra nel suo albergo a Roubaix. Ha ancora addosso la maglia iridata, deve ancora...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI