STRADE BIANCHE. Trionfo di Zdenek Stybar. LIVE

PROFESSIONISTI | 07/03/2015 | 09:08
Buongiorno amici dalla splendida Toscana che ci ospita oggi per una delle corse più giovani del calendario mondiale ma allo stesso tempo dal fascino più antico: la Strade Bianche.
Temperatura molto fredda ma un bel sole ad incorniciare le operazioni di partenza a San Gimignano, la splendida città delle cento torri. Prima le ragazze - all'edizione inaugurale della corsa - e poi i professionisti.

CLICCANDO QUI potete consultare l'elenco dei partenti.

Alla partenza delle due corse abbiamo realizzato alcuni brevi servizi che vi proporremo tra poco, approfittando delle prime fasi della corsa.

Il gruppo si sta ormai per incolonnare, mancano pochi minuti alla partenza di questa gara che ci porterà fino al traguardo posto in Piazza del Campo a Siena.

Ricordiamo che sono 200 i chilometri da percorrere con dieci settori sterrati, il primo dei quali affronteremo dopo 32 km, l'ultimo si concluderà a 12 chilometri dal traguardo.

10.30 Il gruppo sta lasciando il bellissimo centro storico di San Gimignano per la sfilata che porta al km 0. Intanto la corsa femminile ha già affrontato il primo settore: la polvere bianca del ciclismo antico ha cominciato a colorare la Toscana.
Non prendono il via il numero 52 Gianluca Brambilla della Etixx e il numero 138 Ruben Zepunkte della Cannondale Garmin.

10.40 Ecco il via ufficiale: partiti.

10.48 Sulla strada verso Strove i primi attacchi portano in avanscoperta Stefano Pirazzi, Giacomo Berlato e Julian Arredondo.

10.55 Ai tre battistrada se ne aggiungono altri cinque: Koshevoy, Colli, Fonzi, Ovechkin e Lozano.

11.00 Otto uomini al comando con 1'05" di vantaggio quando siamo al bivio per Strone, 12 i chilometri percorsi fino ad ora. E tra 20 chilometri comincia il primo settore di Strade Bianche.

11.05 La fuga va bene al gruppo: in tre chilometri il vantaggio è già salito a 3'40".

11.15 Superata Strone, i battistrada si dirigono verso Monteriggioni con un vantaggio di 5'10".

11.16 Alessandro Tegner, prezioso responsabile delle comunicazioni della Etixx Quick Step, ci informa che Gianluca Brambilla ha accusato nella notte problemi intestinali e uno stato febbrile ed è stato costretto a rinunciare alla corsa.

11.25 Eccoci al primo tratto sterrato, sono 2,2 chilometri di strade bianche.

11.29 I battistrada conclusono il primo tratto ed il loro vantaggio è salito a 6'30". In testa al gruppo a fare l'andatura sono gli uomini della Movistar di Alejandro Valverde.

11.42 Anche il gruppo ha superato il primo dei dieci tratti di sterrato. Situazione invariata.

11.55 Stigliano, ecco il secondo tratto di sterrato: sono 2100 i metri di strada bianca da percorrere.

Mentre la corsa non è ancora entrata nel vivo, vi proponiamo alcune dichiarazioni raccolte stamane alla partenza. Cominciamo da Peter Sagan e dalla sua sete di vittoria.

Anche Fabian Cancellara reclama un posto tra i grandi favoriti.

Moreno Moser, unico italiano ad aver vinto questa classica, sogna il bis.

Seid Lizde e Simone Velasco raccontano le loro emozioni in maglia azzurra.

In maglia azzurra anche Nicholas Pettinà, il biker avventuroso.

Un applauso e un saluto a Vito Mulazzani, il regulateur che oggi chiude la sua lunghissima carriera.

12.13
Vanno forte i corridori: la testa della corsa ha superato già anche il terzo tratto di sterrato.

12.15.
Intanto complimenti a Elisa Longo Borghini che ha concluso al terzo posto la corsa femminile vinta da Megan Guarnier, autrice di un bellissimo numero in solitaria.

12.23. Anche il gruppo si è messo alle spalle il terzo tratto di sterrato, con il vantaggio dei battistrada che è arrivato a 7'30". Da segnalare il primo ritiro di giornata, quello di Nicola Ruffoni della Bardiani Csf.

12.25. Numerosi i corridori che in questa prima fase sono stati alle prese con guai meccanici, tra loro segnaliamo proprio Pettinà e Alessandro De Marchi. Bellissima da vedere, questa corsa è davvero durssima da affrontare.

12.25. Battistrada ormai in vista di Redi e del quarto settore, che misura 4,4 chilometri. Al termine del quinto settore ci sarà poi un tratto di una trentina di chilometri in asfalto lungo i quali, naturalmente, è posto anche il rifornimento.

12.28. Gruppo segnalato in rimonta: l'ultimo cronometraggio al km 67 di gara dice 6'35". In testa al plotone sempre gli uomini di Valverde e ora anche un paio di corridori della Katusha.

12.35. Maglie Androni Giocattoli in testa al gruppo in un tratto che sta creando parecchi problemi meccanici ai corridori. In difficoltà, tra gli altri, Brent Bookwalter della BMC.

12.44. Superato Vescovado, ecco i al bivio per Buonconvento dove comincia il quinto settore di sterrato, che misura ben 5500 metri.

12.45. Uno dei grandi problemi, per i corridori attardati, è che la scia delle ammiraglie sullo sterrato non slo non è utile, ma è deleteria, perché si viaggia costantemente immersi in una nuvola di polvere.

12.48. Cala ancora il vantaggio degli otto battistrada: 5'20". Ricordiamo che gli otto battistrada sono Koshevoy, Lozano, Fonzi, Berlato, Colli, Ovechkin, Pirazzi e Arredondo. Intanto radiocorsa comunica la media dellas seconda ora corsa: 35,600 kmh.

12.49. Al termine del quinto settore, si affronta la salita di Montalcino unica asperità di giornata (4 km – 5%). Scesa da Montalcino, la corsa si immette sulla ss.2 Cassia (rifornimento fisso km 105-108) per portarsi a San Quirico d’Orcia e quindi sfiorare Pienza per raggiungere il sesto segmento ed entrare in quella che sarà la fase decisiva della corsa.

12.49 Continua a soffiare un vento tra i 25 e i 30 kmh che, a lungo andare, può incidere sull'andamento della corsa. La temperatura sembra essersi stabilizzata su 9-10 gradi.

12.53 La rimonta del gruppo continua: 4'38" il ritardo all'uscita dal quinto settore. Problemi meccanici anche per Alejandro Valverde proprio al termine dello sterrato. Il ritorno sulle strade asfaltate offre anche ai noi l'occasione per accelerare in testa al gruppo e andare a caccia del nostro rifornimento.

13.20 Siamo al cartello dei 90 chilometri al traguardo e il vantaggio dei battistrada è sceso a 3'50". Tra meno di dieci chilometri si torna a correre sulle strade bianche.

13.40 Situazione stabilizzata, vantaggio dei battistrada a 3'50". da segnalare il ritiro di Francesco Manuel Bongiorno.

13.50 Comincia lo sterrato di Lucignano d'Asso. Lungo addirittura 9,2 chilometri.

14.00 Brutta caduta di Stefano Pirazzi che finisce pesantemente a terra. Assistito, il laziale resta a terra e sicuramente ha riportato qualche frattura. A terra finisce anche Berlato, che invece riparte.

14.05 Spira sempre più forte il vento, la corsa si fa sempre più dura.

14.07 In testa rimangono in quattro, mentre c'è da segnalare il ritiro di Simon Gerrans, coinvolto in una caduta: l'australiano era alla prima gara stagionale dopo la frattura della clavicola riportata a dicembre. Per lui, comunque, non dovrebbero esserci gravi conseguenze.

14.10 I quattro sono usciti dal sesto settore: Julian Arredondo, Daniele Colli, Giuseppe Fonzi e Artem Ovechkin.. Alle loro spalle, ci informano di un gruppo allungatissimo e di altre cadute.

14.11 Si forma un gruppetto interessante di inseguitori con Sagan, Valverde e Boom tra gli altri. Ci cono con loro Lozano, Stybar, Boom, Valverde, Visconti, Rosa, Bodnar e Sutterlin. A 30" il grosso del gruppo.

14.15 Stiamo pedalando verso Ascianon e il settore di Monte Sante Marie.

14.17 Prime notizie confortanti per Stefano Pirazzi: si parla di forte contusione alla spalla.

14.17 Intanto il gruppo riassorbe il plotoncino di Sagan e Valverde. Siamo a 66 chilometri dal traguardo. A chiudere il gruppo è stata la Sky che evidentemente crede molto in Ian Stannard. Il vantaggio dei battistrada è sceso a 1'40".

14.22 Sessanta-settanta corridori sono rimasti in gruppo. Meno di un minuto per i quattro fuggitivi.

14.25 Tra poco comincia il settimo settore, Monte Sante Marie, che misura più di undici chilometri. Facile prevedere che qui la corsa possa esplodere definitivamente.

14.30 L'avventura dei battistrada è destinata a finire nel breve volgere di pochi minuti.

14.32 Bmc in testa al gruppo, cominciano i movimenti in vista del tratto più atteso. Davanti Ovechkin, si rialza, ai suoi tre ex compagni restano solo 20 secondi di vantaggio. Siamo ad Asciano, all'ombra della splendida rocca. E mancano 55 km al traguardo.

14.37 Raggiunti Colli e Arredondo, solo Fonzi conserva qualche metrio di vantaggio, inizia il settimo settore e l'andatura in salita si alza subito con gli uomini della Astana: Diego Rosa sta facendo il forcing.

14.38 Esplode la corsa come da previsione. Comincia a selezionarsi il gruppo e davanti attentissimo Valverde e Sagan.

14.41 51 km al traguardo. Anche Nibali nelle prime posizioni.

14.42 Selezione importante in testa, se ne vanno in sette corridori, a guidare il plotoncino Sagan e Stybar. Media della corsa di 37,226 kmh.

14.44 Nibali non tiene il ritmo e perde le ruote dei primi. Sono 9 i corridori al comando. Valverde, Stybar, Vanmarcke, Van Avermaet, Sagan, Cancellara, Rosa, Haas e Nielsen.

14.47 C'è un solo uomo al loro inseguimento, poi il vuoto. Uno splendido testa a testa fra i big, nessuno ha più gregari. E siamo solo a metà del settimo settore.

14.48 Gran bel numero di Daniel Oss, è lui che rientra sulla testa del gruppo. E spariglia le carte perché affianca capitan Van Avermaet.

14.50 Sagan e Stybar all'ttcco in coppia. Valverde cerca di rispondere.

14.52 I tre allungano. Cerca di rientrare su di loro Diego Rosa. Più dietro Oss e Cancellara guidano l'inseguimento.

14.54 I biker della Nazionale italiana hanno pagato dazio quando la corsa è esplosa al settore numero sei: il cambio di ritmo è stato fatale per loro.

14.55 Venti secondi di vantaggio per i tre battistrada che stanno procedendo di buon accordo: i più scatenati sono Sagan e Stybar.

14.57 Nel gruppo, Nibali e Cunego allungano in discesa. Foratura per Marco Aurelio Fontana.

14.58 Grande lavoro di Daniel Oss che sta cercando di riportare il suo gruppetto sui primi e riesce a guadagnare qualche secondo: 14" il ritardo in questo momento.

14.58 Finisce ora lo sterrato del settimo settore. Ora ci sono 16 chilometri d'asfalto prima del prossimo settore.

15.00 Siamo a 41 km dal traguardo, risale sopra i 25 secondi il vantaggio dei 3.

15.04 Davvero bravissimo Oss che sta pilotando il trenino al ricongiungimento: nella sua scira tornano sotto Vanmarcke, Van Avermaet, Haas, Rosa e Cancellara.

15.05 Il gruppo guidato da Nibali e compagni ha un ritardo di 1'06" a 38 dal traguardo. Ovviamente nessuno tira a fondo, tutti hanno un uomo là davanti...

15.07 In questo momento, l'impressione è che tutti stiano cercando di recuperare le energie in vista degli ultimi tre settori che sono brevi ma molto impegnativi.

15.12 Situazione cristallizzata: siamo a 33 km da Siena e il vantaggio è di 1'16".

15.15 Tira la Orica e il gruppo recupera qualche secondo sulla strada che porta verso Montaperti.

15.22 Vanmarcke, Van Avermaet e Haas allungano, gli altri reagiscono. L'armonia si spacca. Il gruppo di Nibali si sta avvicinando e sono state fermate le ammiraglie.

15.23 Ci prova Daniel Oss e nessuno si porta nella sua scia.

15.24 Mancano 25 chilometri al traguardo.

15.25 Oss comincia il settore numero 8, quello di Montaperti, 800 metri ma con il 12% di pendenza.

15.26 Anche il gruppo di Nibali nel settore di sterrato.

15.27 Oss è già in discesa, mancano solo due settori. Dietro allunga ancora Vanmarcke.

15.28 Sagan in difficoltà. Il campione slovacco ha messo il rapportino e si stacca. Clamorosa resa, la sua. Cede anche Diego Rosa, purtroppo.

15.30 20 km al traguardo, restano in cinque: Vanmarcke, Van Avermaet, Camcellara, Stybar e Haas. Inizia il tratto numero 9, quello di Colle Pinzuto.

15.31 Sagan non è morto, cerca di gestirsi e reagire. Ma quando sale la strada si stacca ancora. E cede anche Cancellara.
Valverde fa il forcing.
Cancellara insegue con Daniel Oss, ma ormai è tagliato fuori.

15.33 Ogni volta che la strada sale, Valverde apre il tubo. Dietro intanto salta Nibali: il siciliano si accosta a destra e innesta il rapportino.

15.36 Mancano 17 chilometri e Cancellara insegue con Oss a 20" dai 4 battistrada.

15.38 Quindici chilometri al traguardo, Cancellara e Oss stanno rientrando e con loro c'è Diego Rosa.

15.40 Scatta Van Avermaet. proprio mentre stava per rientrare Cancellara.

15.41 Si muove Stybar, seguito da Valverde e Vanmarcke, che sembra il più affaticato di tutti.

15.42 Ultimo tratto di sterrato: Le Toffe. Stybar e Valverde tornano su Van Averamet, mentre Vanmarcke si imballa, non ha le gambe per rientrare.

15.47 I tre vanno: lo sterrato è finito, siamo a 10 dal traguardo. Siamo ormai alle porte di Siena. Si deciderà tutto a Fontebranda?

15.49 Cancellara a tutta sui viali del territorio di Siena, Oss lo marca a uomo, ma non hanno nessuna possibilità di rientrare.

15.52 Sette chilometri: Vanmarcke ha 10" di ritardo sui tre, alle sue spalle c'è Diego Rosa, mentre Cancellara e Oss hanno ormai più di un minuto di distacco.

15.53 Grosso rischio in ciurva per Valverde che rischia di investiure una signora un po' "frescona" con sacchetti della spesa.

15.54 Cancellara e Oss riprendono Rosa; comunque corsa da applausi per i due italiani.

15.56 4500 metri alla conclusione, Vanmarcke è a 30", il terzetto di Cancellara a 47".

15.58 Meno di tre all'arrivo.

16.00 Van Avermaet non dà più cambi da un paio di chilometri.

16.01 Ultimo chilometro. Ecco Fontebranda.
Vanmarcke si riavvicina. Nessuno attacca per ora. Anche Camncellara all'ultimo chilometro.
Lo strappo duro è qui e scatta Van Avermaet. Reagiscono gli altri.
Valverde si pianta. Stybar fa il vuoto con azione da ciclocrossista, Van Avermaet cede e si deve aconntetare del secondo posto.
Terzo Valverde con Vanmarcke arriva quarto. Quinto Rosa, davvero autore di una prestazione da applausi. E dietro di lui Gatto e Felline, che chiude ottavo.
Grandissimo numero di Zdenek Stybar, corridore che quest'anno - complice anche un infortunio - ha rinunciato ai mondiali di ciclocross nella sua Tabor e sta raccogliendo già adesso i frutti di questa sua scelta. L'abitudine di Stybar di lavorare sempre oltre la soglia, come accade nel ciclocross, si è rivelata decisiva per portarle il ceco al trionfo.

diretta a cura di Paolo Broggi

ORDINE D'ARRIVO

1. 55 STYBAR Zdenek CZE EQS ETIXX - QUICK-STEP 5.22'13" 0'00"
2. 41 VAN AVERMAET Greg BEL BMC BMC RACING TEAM 5.22'15" 0'02"
3. 71 VALVERDE BELMONTE Aleja ESP MOV MOVISTAR TEAM 5.22'31" 0'18"
4. 151 VANMARCKE Sep BEL TLJ TEAM LOTTO NL - JUMBO 5.22'59" 0'46"
5. 27 ROSA Diego ITA AST ASTANA PRO TEAM 5.23'09" 0'56"
6. 11 GATTO Oscar ITA AND ANDRONI GIOCATTOLI 5.23'12" 0'59"
7. 56 URAN URAN Rigoberto COL EQS ETIXX - QUICK-STEP 5.23'12" 0'59"
8. 193 FELLINE Fabio ITA TFR TREK FACTORY RACING 5.23'15" 1'02"
9. 65 NIEMIEC Przemyslaw POL LAM LAMPRE - MERIDA 5.23'16" 1'03"
10. 141 CARUSO Giampaolo ITA KAT TEAM KATUSHA 5.23'16" 1'03"
11. 186 KREUZIGER Roman CZE TCS TINKOFF SAXO 5.23'16" 1'03"
12. 147 VICIOSO ARCOS Angel ESP KAT TEAM KATUSHA 5.23'20" 1'07"
13. 176 PUCCIO Salvatore ITA SKY TEAM SKY 5.23'20" 1'07"
14. 57 VERMOTE Julien BEL EQS ETIXX - QUICK-STEP 5.23'23" 1'10"
15. 47 SANCHEZ GONZALEZ Samue ESP BMC BMC RACING TEAM 5.23'23" 1'10"
16. 91 CUNEGO Damiano ITA NIP NIPPO - VINI FANTINI 5.23'32" 1'19"
17. 103 DURBRIDGE Luke AUS OGE ORICA GREENEDGE 5.23'35" 1'22"
18. 45 OSS Daniel ITA BMC BMC RACING TEAM 5.23'39" 1'26"
19. 191 CANCELLARA Fabian SUI TFR TREK FACTORY RACING 5.23'39" 1'26"
20. 54 SERRY Pieter BEL EQS ETIXX - QUICK-STEP 5.23'39" 1'26"
21. 102 CHAVES RUBIO Johan Esteb COL OGE ORICA GREENEDGE 5.23'42" 1'29"
22. 24 GRIVKO Andriy UKR AST ASTANA PRO TEAM 5.24'09" 1'56"
23. 148 VORGANOV Eduard RUS KAT TEAM KATUSHA 5.24'10" 1'57"
24. 7 MONTAGUTI Matteo ITA ALM AG2R LA MONDIALE 5.24'14" 2'01"
25. 196 ROULSTON Hayden NZL TFR TREK FACTORY RACING 5.24'23" 2'10"
26. 133 HAAS Nathan AUS TCG TEAM CANNONDALE - GARMIN 5.24'32" 2'19"
27. 61 POZZATO Filippo ITA LAM LAMPRE - MERIDA 5.26'34" 4'21"
28. 185 JUUL JENSEN Christopher DEN TCS TINKOFF SAXO 5.26'43" 4'30"
29. 104 HAYMAN Mathew AUS OGE ORICA GREENEDGE 5.27'00" 4'47"
30. 78 VISCONTI Giovanni ITA MOV MOVISTAR TEAM 5.27'02" 4'49"
31. 181 SAGAN Peter SVK TCS TINKOFF SAXO 5.27'26" 5'13"
32. 184 BODNAR Maciej POL TCS TINKOFF SAXO 5.27'26" 5'13"
33. 123 FINETTO Mauro ITA SOU SOUTHEAST PRO CYCLING TEAM 5.27'53" 5'40"
34. 106 NIELSEN Magnus Cort DEN OGE ORICA GREENEDGE 5.28'47" 6'34"
35. 125 GAVAZZI Francesco ITA SOU SOUTHEAST PRO CYCLING TEAM 5.29'04" 6'51"
36. 122 FAVILLI Elia ITA SOU SOUTHEAST PRO CYCLING TEAM 5.29'48" 7'35"
37. 43 CARUSO Damiano ITA BMC BMC RACING TEAM 5.29'48" 7'35"
38. 183 BOARO Manuele ITA TCS TINKOFF SAXO 5.29'48" 7'35"
39. 146 TCATEVICH Aleksei RUS KAT TEAM KATUSHA 5.29'48" 7'35"
40. 21 NIBALI Vincenzo ITA AST ASTANA PRO TEAM 5.29'48" 7'35"
41. 46 QUINZIATO Manuel ITA BMC BMC RACING TEAM 5.29'48" 7'35"
42. 143 KOCHETKOV Pavel RUS KAT TEAM KATUSHA 5.29'48" 7'35"
43. 66 PIBERNIK Luka SLO LAM LAMPRE - MERIDA 5.29'48" 7'35"
44. 95 FILOSI Iuri ITA NIP NIPPO - VINI FANTINI 5.29'48" 7'35"
45. 68 SERPA PEREZ Jose Rodolfo COL LAM LAMPRE - MERIDA 5.29'48" 7'35"
46. 131 MOSER Moreno ITA TCG TEAM CANNONDALE - GARMIN 5.29'48" 7'35"
47. 178 ZANDIO ECHAIDE Xabier ESP SKY TEAM SKY 5.29'48" 7'35"
48. 81 FONTANA Marco Aurelio ITA ITA NAZIONALE ITALIANA 5.29'48" 7'35"
49. 144 KOZONCHUK Dmitry RUS KAT TEAM KATUSHA 5.29'48" 7'35"
50. 145 PORSEV Aleksandr RUS KAT TEAM KATUSHA 5.30'02" 7'49"
51. 44 DE MARCHI Alessandro ITA BMC BMC RACING TEAM 5.30'29" 8'16"
52. 118 SOLOMENNIKOV Andrei RUS RVL RUSVELO 5.33'31" 11'18"
53. 111 ARSLANOV Ildar RUS RVL RUSVELO 5.33'31" 11'18"
54. 26 LUTSENKO Alexey KAZ AST ASTANA PRO TEAM 5.33'31" 11'18"
55. 51 TERPSTRA Niki NED EQS ETIXX - QUICK-STEP 5.33'35" 11'22"
56. 31 COLBRELLI Sonny ITA BAR BARDIANI CSF 5.33'35" 11'22"
57. 155 MARTENS Paul GER TLJ TEAM LOTTO NL - JUMBO 5.34'25" 12'12"
58. 72 AMADOR BIKKAZAKOVA And CRC MOV MOVISTAR TEAM 5.40'44" 18'31"
59. 53 SABATINI Fabio ITA EQS ETIXX - QUICK-STEP 5.41'33" 19'20"
60. 28 TLEUBAYEV Ruslan KAZ AST ASTANA PRO TEAM 5.41'33" 19'20"
61. 182 BENNATI Daniele ITA TCS TINKOFF SAXO 5.41'33" 19'20"
62. 73 LASTRAS GARCIA Pablo ESP MOV MOVISTAR TEAM 5.41'33" 19'20"
63. 194 IRIZAR ARANBURU Markel ESP TFR TREK FACTORY RACING 5.41'33" 19'20"
64. 112 BALYKIN Ivan RUS RVL RUSVELO 5.41'33" 19'20"
65. 17 TVETCOV Serghei RO AND ANDRONI GIOCATTOLI 5.41'33" 19'20"
66. 58 VERONA QUINTANILLA Carlo ESP EQS ETIXX - QUICK-STEP 5.41'33" 19'20"
67. 135 KOREN Kristjan SLO TCG TEAM CANNONDALE - GARMIN 5.41'33" 19'20"
68. 115 MAIKIN Roman RUS RVL RUSVELO 5.41'33" 19'20"
69. 137 SKJERPING Kristoffer NO TCG TEAM CANNONDALE - GARMIN 5.41'33" 19'20"
70. 163 LOZANO RIBA David ESP TNN TEAM NOVO NORDISK 5.41'33" 19'20"
71. 12 APPOLLONIO Davide ITA AND ANDRONI GIOCATTOLI 5.41'33" 19'20"
72. 117 OVECHKIN Artem RUS RVL RUSVELO 5.41'33" 19'20"
73. 25 GRUZDEV Dmitriy KAZ AST ASTANA PRO TEAM 5.41'33" 19'20"
74. 32 BARBIN Enrico ITA BAR BARDIANI CSF 5.41'33" 19'20"
75. 134 HESJEDAL Ryder CAN TCG TEAM CANNONDALE - GARMIN 5.41'33" 19'20"
76. 76 SÜTTERLIN Jasha GER MOV MOVISTAR TEAM 5.41'33" 19'20"
77. 107 TUFT Svein CAN OGE ORICA GREENEDGE 5.41'33" 19'20"
78. 22 BOOM Lars NED AST ASTANA PRO TEAM 5.45'06" 22'53"
79. 6 MONDORY Lloyd FRA ALM AG2R LA MONDIALE 5.45'06" 22'53"
80. 1 NOCENTINI Rinaldo ITA ALM AG2R LA MONDIALE 5.45'06" 22'53"
81. 94 COLLI Daniele ITA NIP NIPPO - VINI FANTINI 5.45'06" 22'53"
82. 153 FLENS Rick NED TLJ TEAM LOTTO NL - JUMBO 5.45'06" 22'53"
83. 83 CANOLA Marco ITA ITA NAZIONALE ITALIANA 5.45'33" 23'20"
84. 172 FENN Andrew GBR SKY TEAM SKY 5.45'35" 23'22"
85. 97 ISHIBASHI Manabu JPN NIP NIPPO - VINI FANTINI 5.46'27" 24'14"
86. 38 ZARDINI Edoardo ITA BAR BARDIANI CSF 5.49'45" 27'32"
87. 86 VELASCO Simone ITA ITA NAZIONALE ITALIANA 5.51'33" 29'20"
88. 62 CONTI Valerio ITA LAM LAMPRE - MERIDA 5.51'37" 29'24"
89. 116 NYCH Artem RUS RVL RUSVELO 5.53'27" 31'14"
90. 82 BRAIDOT Luca ITA ITA NAZIONALE ITALIANA 5.55'04" 32'51"
Copyright © TBW
COMMENTI
7 marzo 2015 16:20 foxmulder
Fortissimo Stybar, ma come mi è piaciuto Diego Rosa! E casualmente due che vengono dalle ruote grasse: non tanto per la presenza dello sterrato, quanto per la capacità di rilanciare, giá ampiamente in acido, dopo l'ultimo micidiale strappo. Bravi!

uno scandalo
7 marzo 2015 21:39 rufus
E' uno scandalo che una corsa del genere non faccia ancora parte del World Tour, oggi c'era un parterre che certe corse se lo sognano, a un certo punto davanti c'erano Sagan, Van Avermaet, Valverde, Cancellara, Stybar, Vanmarcke con Nibali che inseguiva appena dietro! UCI sveglia!!
Flavio

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

  Immaginate di essere in un bar dello sport, fra vecchi della “parrocchia”, a raccontare storie di ciclismo. Qui, ritrovate nei miei cassetti, ce ne sono di meravigliose. “Quando trovava Eddy Merckx, Gino Bartali gli diceva: ‘Vieni qui, che ti...


Gabriel Fede è, nel suo genere, un corridore polivalente: forte su strada, ottimo nel ciclocross, bravo in pista. Diciasette anni tra pochi giorni (sabato 11 per la precisione, ndr), Gabriel è una giovane promessa che risiede nel cunese, a Santa...


Lo zampino dei pro serve sempre, soprattutto in casi come questo. È così che nasce Watt, la nuova sella per il triathlon di Selle Italia sviluppata insieme al campione Patrick Lange e al Team BMC-VIFIT. Ovviamente c’è il grande lavoro del reparto...


La Granfondo Squali - Trek di Cattolica e Gabicce Mare dà appuntamento a tutti al 14-15-16 maggio 2021. per leggere l'intero articolo vai su tuttobiciìtech.it


Le differenze non sono mai state un problema. Professionista o no, performance-oriented o meno, La Passione Cycling Couture ha creato le sue collezioni tenendo in considerazione tutte le possibili esigenze. Esperienza e ossessionata ricerca dell’innovazione a disposizione di qualsiasi tipologia...


Il Gc Michele Scarponi comunica l’annullamento definitivo dell’edizione 2020 della Granfondo Michele Scarponi - Strade Imbrecciate. per leggere l'intero articolo vai su tuttobicitech.it


Non solo dieci atlete Juniores pronte a dar battaglia nella categoria trampolino di lancio verso le “grandi” (Elite). Alle loro spalle, anagraficamente parlando, ci sono sedici “panterine” desiderose di crescere in sella e graffiare sui pedali in una stagione che...


  Marzo, aprile, maggio. Tre mesi di stop da parte della Federciclismo per l’emergenza sanitaria. Novanta giorni di sospensione e circa 120 le gare sotto l’egida della Federazione Ciclistica Italiana che sono saltate ed alle quali vanno poi aggiunte quelle...


Tutto fermo o quasi. Anche la Fondazione Michele Scarponi. «Abbiamo sospeso le attività, siamo attivi solo sui social – confida Marco, fratello del compianto campione filottranese di ciclismo, anima e segretario della Fondazione –. Stiamo vivendo un periodo tragico,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155