I CERCA CONTRATTO. Stefano Locatelli: «Vado a lavorare»

PROFESSIONISTI | 06/11/2014 | 07:55
C’è anche chi è senza contratto perché non lo vuole. Non lo sta cercando perché ha maturato in prima persona la scelta di smettere di correre. È il caso di Stefano Locatelli, scalatore bergamasco classe ’89, professionista dal 2012 al 2014 alla corte della famiglia Reverberi. Vincente da dilettante, passato nella massima categoria come una grande promessa, non è purtroppo riuscito ad esprimersi al meglio tra i big, a causa di numerosi infortuni e di un problema al nervo sciatico che lo ha portato a decidere di appendere la bici al chiodo.

Come stai, Stefano?
«Sto bene, sono a Berbenno. Niente vacanze quest’anno, ma un po’ di lavori per sistemare l’appartamento in cui andrò a vivere con Ramona, la mia dolce metà. La bici? Per ora è in garage. La squadra? Non la sto cercando, ho deciso che non gareggerò più».

Come mai?
«Ho solo 25 anni e mi dispiace appendere la bici al chiodo ma fisicamente non posso continuare. Già è difficile il mestiere del ciclista, se il tuo corpo non reagisce come dovrebbe, diventa impossibile. Ho preso questa decisione nei mesi scorsi, non ho chiesto alla Bardiani se avesse intenzione di tenermi né ho chiesto ad altre squadre di darmi un’opportunità. Mi sto trascinando fin da quando ero dilettante un dolore sciatico che incide evidentemente sulle mie prestazioni. Speravo di poterlo risolvere grazie all’osteopata, invece va sempre peggio. Le tante cadute e gli infortuni, tra le altre la frattura della mandibola e della punta del femore, di certo non hanno aiutato. Un conto è essere protagonista in corsa, cosa che il mio fisico non mi permette, tutt’altra navigare in coda al gruppo e tirare a campare. Questa seconda opzione non fa per me, mi sono ritrovato a dover scegliere e non ho avuto dubbi».

Non c’è nessun’altra ragione?
«No, non ho avuto nessuna pressione e in squadra mi sono sempre trovato bene. Non sono rimasto senza squadra, magari è vero avrei fatto fatica a staccare un contratto visti gli scarsi risultati, ma sinceramente non mi sono neanche dato da fare per cercarlo. Come detto, è stata una scelta maturata nel tempo. Sono realista: il livello nel professionismo è davvero molto alto, andare a risultato è già difficile di per sé, non potendo esprimermi al 100% è meglio lasciar perdere e inventarsi qualcos’altro che potrà darmi più soddisfazioni senza compromettere la salute».

Mi sembri molto sereno.
«Lo sono, la vita va avanti. Mi dispiace perché ho trascorso 13 anni in sella vivendo bellissimi momenti ma la vita mi regalerà tante altre opportunità. Rimpianti? Nessuno. Ho solo bei ricordi legati alla bici e sono soddisfatto per quanto fatto sinora. Sono felice e realista. Non ho più 15 anni, non posso campare solo di sogni ma devo guardare in faccia la realtà. La parentesi agonistica è finita, è ora di cercare un lavoro. Mi piacerebbe rimanere nell’ambiente del ciclismo, ho già preso contatti con alcuni negozi e ditte di ciclismo».

Cosa ti piacerebbe diventare?
«All’inizio qualsiasi ruolo in ambiente sportivo andrebbe bene. Il massimo sarebbe avere l’opportunità di entrare in una ditta e potermi occupare di tecnica, scelta dei materiali… Visti i tempi che corrono mi accontenterei del ruolo che serve all’azienda, dal meccanico al rappresentante, non avrei problemi a mettermi in gioco. Ho voglia di crescere insieme al marchio che mi darà fiducia (diplomato elettrotecnico, è in attesa di alcune risposte da aziende legate alle due ruote, ndr)».

Continuano a passare nella massima categoria tanti giovani ma le carriere si sono abbreviate tantissimo, come mai secondo te?

«In effetti è così. Solo negli ultimi anni in Bardiani penso a Paolo Locatelli, Andrea Di Corrado e altri amici… Il ciclismo non è matematica, succede che non tutto vada come sperato. Il salto dal dilettantismo al professionismo non è indifferente, sicuramente bisogna avere delle doti naturali e arrivarci pronti sia a livello mentale che fisico per non pagarlo. Non tutti ce la fanno, d’altronde non è un lavoro per tutti».

Giulia De Maio

I SENZA CONTRATTO
Valerio AGNOLI; Davide VIGANO'; Paolo LONGO BORGHINI; Francesco CHICCHI
Copyright © TBW
COMMENTI
Troppi giovani al macello
6 novembre 2014 11:49 venetacyclismo
Non mi piace questo , non c'è pazienza , due anni e a casa, sotto un altro , ogni anno oltre 40/50 atleti bruciati , speranze e sogni che svaniscono , il ciclismo Italiano che si indebolisce sempre più.
Tutto da rifare.....ma avanti così

6 novembre 2014 12:16 cannonball
quello che non ho mai capito, sono i corridori senza contratto o che vogliono terminare la loro carriera che dicono VADO A LAVORARE.

Ma allora fino a quel momento cosa hanno fatto, hanno perso tempo? Questo fa capire un pò cosa succede nel ciclismo moderno, con tanti che considerano il mestiere di corridore solo come un divertimento e non hanno la grinta necessaria che serve per emergere.

Dovrebbero dire VADO IN CERCA DI UN ALTRO LAVORO...ma forse il ciclismo non lo considerano un lavoro per 2 motivi:

1 spesso si paga per correre o si corre gratis

2 il mestiere di ciclista è considerato solo un passatempo per continuare a fare la bella vita

(NON MI STO RIFERENDO A LOCATELLI MA IN GENERALE)

cannomball........
6 novembre 2014 16:48 passion
…… non sono proprio del tutto concorde con il tuo ultimo commento….. ci saranno sicuramente casi di atleti che vengono alla fine respinti dal mondo professionistico per i due motivi che citi, ma la stragrande maggioranza delle volte è questo sport bellissimo, spietato e spesso ingiusto che impone la sua legge. Il caso di Locatelli nello specifico, come hai precisato anche tu, non può rientrare in alcuna critica, atteso che le motivazioni del suo stop sono dettate da cause che provocherebbero rabbia e rancore in chiunque soprattutto alla sua giovane età. Saprai benissimo che un ragazzo che corre in bici è da ammirare per spirito di sacrificio ed abnegazione e, quasi mai, considera il ciclismo un modo per evitare le altre fatiche della vita. Sono sicuro che sarai d’accordo con me a spezzare una lancia in favore di quei corridori (che sono certo siano la maggioranza), i quali, con o senza prospettive di contratto, smettono di correre semplicemente perché non possono fare altrimenti.

Tanto di cappello
6 novembre 2014 20:23 TorrazzaForever
Una bella intervista da ragazzo, uomo, maturo. Non ha rimpianti, non dice di essere stato troppo altruista. A me è piaciuta. Sicuramente ha più dignità lui che a 25 anni ha capito l'antifona anzichè chi si prende in giro sino a 40 anni.

troppi giovani al macello......
6 novembre 2014 20:53 SERMONETAN
Potevano sfruttarsi di meno nella categoria under 23 ,forse qualche briciolo di energia in piu' da professionisti la tiravano fuori,vedi anche gli ex.compagni che nomina gia' vincitori al 1 anno con molti piazzamenti ,tutti sanno che e' gia'difficile arrivare figuriami a vince.

peccato...
6 novembre 2014 23:53 lupin3
perché il talento c'era, ma già all'ultimo anno da dilettante stava calando... evidentemente non è stato gestito benissimo dai 16 ai 22 anni, come i citati compagni di squadra.

mi piacerebbe......
7 novembre 2014 11:19 buonsenso
mi piacerebbe per rispetto di tutto il lavoro svolto per questi ragazzi dai 16 ai 22 anni che fossero proprio loro a dare una risposta a chi commenta , cosi, giusto per dire qualcosa.......Trovo non sia giusto nei confronti di chi ha speso tempo, denaro, cuore e anima per dare la possibilità proprio a loro di raggiungere il loro sogno. Questo sogno o meglio obbiettivo è stato raggiunto cercando di tutelare al massimo sia l'atleta che l'uomo in primis e questo loro lo sanno benissimo e lo sentono anche oggi che li stiamo aiutando nell'inserimento del mondo del lavoro......mi piacciano le critiche quando sono costruttive e soprattutto quando rispecchiano la realtà, non mi piacciono le "stronzate" scritte a titolo gratuito ed è proprio per questo che mi sarei felice ma sorpresa che fossero proprio a loro a mettere una parola di rispetto verso a chi ha lavorato per loro. Non so se loro lo faranno ma una cosa certa la so e la ripeto da anni : è molto più difficile smettere di correre che correre in bici!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Un tempo pedalare durante l’inverno voleva dire vestirsi a strati, una bella rottura di scatole se pensiamo che oggi la tecnologia ci mette a disposizioni materiali e tessuti spettacolari che non molti anni fa potevano essere solo a disposizione degli...


Caro Direttore, l'ennesima notizia di un ciclista, una giovane e talentuosa promessa, vittima di un gravissimo incidente a mio avviso non può e non deve passare sottotraccia. Ad essere franco, in termini forse perentori e poco diplomatici, è da tempo...


«Tutti i giorni tutti noi dobbiamo avere un sogno da realizzare. L’importante è però saper trovare la motivazione per realizzarli». Le parole sono quelle di Ivan Basso e Alberto Contador, campioni di un recentissimo passato e oggi fonte di ispirazione...


L’argentino Gonzalo Najar, vincitore dell’ultima Vuelta a San Juan, è stato squalificato per quattro anni dall’UCI dopo essere risultato positivo al Cera proprio in occasione della corsa argentina, nella quale aveva preceduto Óscar Sevilla e Filippo Ganna.Squalificato ugualmente per quattro...


Il primo anno nella categoria élite è sempre particolarmente delicato ed impegnativo, anche per chi da juniores è riuscita a vincere il Campionato del Mondo sia a cronometro che su strada, ma Elena Pirrone è riuscita subito ad adattarsi molto...


Tre medaglie conquistate ai Campionati Mondiali (2 d'argento e 1 di bronzo); 16 a quelli Europei (10 di oro e 6 d'argento) e 83 ai Tricolori (40 di oro, 20 d'argento e 23 di bronzo). E' l'ottimo bilancio fatto registrare...


Continua la partnership tra SIDI e il Team KATUSHA ALPECIN. Venerdì sera a Koblenz in Germania, nel quartier generale Canyon, si è tenuta la presentazione ufficiale del team che si appresta ad affrontare la nuova stagione. Davanti a una nutrita...


Si può coniugare la passione per il ciclismo con la festa di Capodanno? Grazie al nuovo evento “Ride To Capodanno” organizzato da Witoor tutto questo è possibile.Dal 29 dicembre 2018 al 1 gennaio 2019,  Witoor organizza tre giorni di viaggio su un...


Così come accade da un paio di stagioni, anche nel 2019 l’Unione Sportiva Biassono porterà sui campi di gara una formazione di Allievi. A guidare dall’ammiraglia gli atleti di quindici e sedici anni ci sarà sempre l’esperto Paolo Brugali che,...


Si è svolta presso la Polisportiva Bellaria di Pontedera, la cena di chiusura della stagione sportiva 2018 della giovane società “Una Bici X Tutti”. Il sodalizio guidato da Claudio De Angeli ha portato a termine una stagione ricca di soddisfazioni...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy