PETACCHI. «In bici mi diverto, ho tre proposte da vagliare»

PROFESSIONISTI | 15/10/2014 | 11:25
Squilla il telefono e Alessandro Petacchi risponde dall'aeroporto di Firenze dove per cinque minuti ha perso il volo che doveva portarlo in Giappone. «Cose che capitano, ho chiamato Annachiara che si è subito attivata e mi ha trovato un volo alle 20 di questa sera. Volo laggiù per disputare un criterium e la Japan Cup, saranno le ultime gare della mia stagione».

Ultime gare della stagione, non della carriera...
«Mi piacerebbe pedalare ancora un anno, perché in bicicletta mi diverto, mi sento bene, penso di avere ancora qualcosa da dare. So bene di non poter più competere - spiega Ale-Jet a tuttobiciweb - con i velocisti pèiù forti del mondo e non ho neanche più la voglia di buttarmi in certe mischie, ma sto bene e credo di poter essere utile per svolgere un certo tipo di lavoro, magari a favore di qualche sprinter emergente».

Un passo indietro: deluso dalla scelta della Omega Quick Step di non confermarti?
«Sicuramente molto dispiaciuto anche perché nella squadra belga mi sono trovato benissim. Inizialmente mi avevano parlato di una riconerma, poi evidentemente anche i miei 40 anni hanno pesato sulle loro scelte e in questo li posso capire».

Con che maglia ti vedremo, allora, nel 2015?
«Ho tre contatti interessanti, due con formazioni straniere e uno con un team italiano che hanno giovani velocisti ai quali la mia esperienz apuò essere utile. Al ritorno dal Giappone prenderò la mia decisione. In realtà ho ricevuto diverse proproste interessanti per restare nell'ambiente in ruoli diversi, ma quando salgo in bicicletta sento ancora emozioni e quindi vorrei continuare almeno per un anno ancora»
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

  Una serata piacevole nel salone polivalente della Parrocchia di Casale di Prato promossa dalla società calcistica C.F. 2001 con un bel campione di ciclismo come Andrea Tafi, che a 52 anni continua a pedalare, anche se il sogno di...


Cinque giorni di fuoco tra Emilia e Romagna attendono la Neri Sottoli - Selle Italia - KTM di Francesco Frassi e Luca Scinto che da domani dirigeranno la squadra per la Settimana Internazionale Coppi & Bartali. Cinque le frazioni in...


Non da oggi, e forse già da troppo tempo, diverse sono le province, regioni e comuni, che per concedere l’autorizzazione allo svolgimento delle gare ciclistiche, pretendono in cambio una liberatoria firmata dall’organizzatore dove, oltre a confermare di aver preso visione...


La Sanremo non è andata come aveva sognato, ma Elia Viviani si mantiene ampiamente al comando della classifica dell'Oscar tuttoBICI Gran Premio Vittoria. Il veronoese della Deceuninck Quick Step, che domenica andrà a caccia di rivincite nella Gand-Wevelgem, conserva un...


  Una bici per Raisi. Ne avevamo scritto 15 mesi fa proprio qui, su Tuttobiciweb. Una bici da corsa per un ruandese di Kigali – Raisi, appunto – appassionatissimo di ciclismo, di identità imprecisa, di età misteriosa, povero e senza...


Alla vigilia della “Classicissima”, una delle gare più emozionanti e spettacolari del calendario internazionale, primo grande appuntamento nella stagione delle due ruote, la grande famiglia del ciclismo si è ritrovata a Milano per un’occasione speciale, una di quelle circostanze in...


  Ieri, lunedì 25 marzo 2019, si sono svolti a Rozzano, grosso centro attaccato a Milano, nella zona sud, i funerali di Mario Radaelli, 84 anni, milanese nato in zona piazzale Loreto, scomparso nel fine settimana dopo breve malattia. Persona...


Se sull’arrivo di via Roma abbiamo assistito alla vittoria in volata di un grandissimo Julian Alaphilippe su un gruppo di attaccanti, un epilogo analogo si è consumato sull’arrivo virtuale della prima prova del Cyclissime Game. Nei panni di Alaphilippe, Martino...


Riceviamo e pubblichiamo questo comunicato della società organizzatrice del Giro della Valle d'Aosta e della Young Cup Gentili società, è con rammarico che vi comunichiamo che la terza edizione della Young Cup in programma domenica 16 giugno non si farà....


La bici gravel nasce per essere libera, o ancora meglio, per farvi correre liberi su qualsiasi terreno. Uscire in bici e passare dall’asfalto allo sterrato con tutta la sicurezza del mondo è davvero fantastico e vi permette di passare ore...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy