Fanini: scandaloso se la Astana Wurth correrà

| 30/06/2006 | 00:00
Da anni in prima fila nella lotta al doping, Ivano fanini, patron della Amore&Vita, ha fatto sentire la sua voce anche oggi. «Lo scandalo spagnolo di “Operazione Puerto” ormai non mi meraviglia più di tanto. Tutti siamo al corrente di ciò che sta accadendo. A questo punto è un bene che finalmente i responsabili dei team con corridori coinvolti abbiano deciso di prendere decisioni di sospenderli fino a che non verrà fatta chiarezza. Credo comunque che avrebbero dovuto farlo prima e non a sole ventiquattr’ore dal via della gara più importante del mondo e perché costretti. A mio avviso la cosa inaccettabile sarà se l’ex Liberty Seguros di Saiz e Vinokourov verrà definitivamente ammessa domani al via della Grande Boucle. Qui infatti non si tratta di uno o più casi isolati di doping che purtroppo all’interno di un team possono accadere. Parliamo di doping di massa. La squadra attualmente denominata Astana Wurth infatti è stata colta con le mani nel sacco. L’intero team è da condannare visto che colui che vi era a capo è il protagonista assoluto di questo scandalo senza eguali. Spero soltanto che quanto sta accadendo serva per fermare e ripulire questo mondo definitivamente. Io credo infatti che questo sport possa tornare ad essere il più bello ed affascinante del mondo se solo sarà ricostruito sin dalle basi, a partire da un nuovo codice etico che punisca duramente senza remore chi cerca di barare. Inoltre, è inammissibile che personaggi e dirigenti al corrente del sistema doping continuino nonostante tutto a rimanere nell’omertà».
Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
DAVIDE REBELLIN ENNESIMA VITTIMA DI OMICIDIO STRADALE Art. 589 Bis Cod. Pen.   Il tragico evento che ha visto vittima il nostro amico Davide ha scosso tutto il mondo del ciclismo, ma non solo, poiché il fatto è stato talmente...


Il programma antidoping dell'UCI, uno dei più completi al mondo, è una priorità per l'UCI e per tutti gli stakeholder del ciclismo. Per aumentare l'indipendenza e la professionalizzazione del suo programma, l'UCI ha delegato tutti gli aspetti operativi antidoping all'ITA...


La carriera dei neoprofessionisti italiani parte dai banchi di scuola, nel ricordo di Davide Rebellin e di Ercole Baldini, presidente ACCPI per due stagioni. Un folto numero di ragazze e ragazzi hanno partecipato all'incontro formativo rivolto ai ciclisti neoprofessionisti e...


È stato individuato il camionista responsabile dell'investimento mortale dell'ex campione di ciclismo Davide Rebellin. Si tratterebbe di un cittadino tedesco di 62 anni, identificato grazie alla collaborazione tra carabinieri e polizia tedesca. Dopo l'incidente, avvenuto l'altro ieri, l'uomo aveva...


Gianni Savio, manager di lungo corso del ciclismo italiano, dedica parole colme di emozione al ricordo di Davide Rebellin: «Provo una tristezza infinita pensando a quanto è successo a Davide Rebellin. Di Davide ricordo il sorriso buono e i modi...


Da oggi è ufficialmente in vigore il nuovo statuto del CPA – Cyclistes Professionnels Associés e per tutti i ciclisti e le cicliste della massima categoria si prospettano novità importanti. Lo scorso 21 novembre l'associazione mondiale dei corridori ha...


Caro Direttore, per chi ama il Ciclismo non possono certo questi definirsi giorni felici. Prima l'omicidio stradale in danno di Davide Rebellin e, dopo poche ore, il Padreterno che si porta via Ercole Baldini. Ce n'è ben a sufficienza per...


48 ore dopo la tragica morte di Davide Rebellin, è ancora complicato farsene una ragione. E lo è ancora di più per chi, come Davide Formolo, ne era amico, collega e compagno di allenamenti. I due vivevano nei pressi di...


Lo staff tecnico azzurro del ciclismo ha reso omaggio alla memoria di Franco Ballerini al cimitero di Casalguidi in provincia di Pistoia, e quindi a casa di Alfredo Martini a Sesto Fiorentino presenti le figlie di Alfredo, Silvia e Milvia....


«Ridurre il numero di vittime della strada si può». Davide Cassani, già ciclista e ct della Nazionale, ha corso con Rebellin. Anche lui fa parte della categoria "mai senza bici": da ex, pedala regolarmente. Curiosamente, deve il suo ritiro dalle...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach