Franco Chirio in gravi condizioni

DONNE | 30/05/2013 | 10:50
La grande famiglia del team Forno d’Asolo-Tre Colli vive giornate di attesa e angoscia per il suo fondatore e team manager Franco Chirio che sta lottando per la vita all’ospedale “Ss Antonio e Biagio e C.Arrigo” di Alessandria dov’è ricoverato da martedì.

L’imprenditore è tenuto in coma farmacologico dai medici dopo l’operazione alla testa per le gravi conseguenze (emorragia e ematoma al cervello) provocate da una banale caduta avvenuta con la bicicletta da corsa a Montechiaro d’Asti. Nel tardo pomeriggio di martedì Chirio non ha fatto in tempo a salire in bici che si è consumato il dramma. Chiuso il deposito di gelati l’imprenditore 60nne si è voluto dedicare attivamente alla sua grande passione. Ma il destino gli ha riservato un atroce agguato. Dopo pochi minuti infatti una buca presente sull’asfalto gli ha fatto perdere irrimediabilmente l’equilibrio. Chirio è stato catapultato rovinosamente a terra dove ha picchiato la testa che però non era protetta dal casco. Ad assistere alla scena una testimone che poi ha ricostruito la dinamica dell’incidente ai carabinieri giunti sul posto. Chirio, che inizialmente non ha perso conoscenza, è stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Alessandria dov’è stato operato d’urgenza nel tentativo di limitare i danni cerebrali provocati dalla caduta.

È rimasto sotto i ferri per circa tre ore. La tac effettuata ieri pomeriggio ha evidenziato che nelle 12 ore successive all’intervento chirurgico al cervello non è stato registrato alcun peggioramento e il fisico ha reagito al sedativo. Saranno quindi decisive le prossime ore.
«Martedì sera non c’era quasi speranza di riaverlo tra noi – dice affranta tra le lacrime la figlia Alessia –. Poi il quadro clinico è fortunatamente migliorato. C’è stato il miracolo. Papà è un uomo forte, sano. Ce la può fare. Ma i medici non si sbilanciano. Stava attraversando un periodo felice. Era soddisfatto per la squadra che nell’ultimo periodo aveva raccolto buoni risultati e non vedeva l’ora di portarla al Giro Rosa. Finito il lavoro, martedì verso le 19 ha deciso di pedalare un po’. Ci eravamo sentiti un quarto d’ora prima, le solite cose. Ma era contento di poter pedalare finalmente un po’ spensierato. Dopo due anni che non saliva in bici era la terza uscita quest’anno. Poi verso le 19 e 15 il maledetto incidente».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Ritorna anche questo Natale, per la'11° volta consecutiva, l’asta benefica Regala un sogno che accompagnerà, gli amanti del ciclismo e non solo, con oggetti prestigiosi provenienti dai campioni e campionesse del pedale. Testimonial di quest’anno è Vincenzo Nibali, portabandiera del ciclismo italiano...


La Scuola Tecnici della Federazione Ciclistica Italiana, in collaborazione con l’Associazione Corridori Ciclisti Professionisti Italiani e la Lega Ciclismo Professionistico, organizza un incontro formativo, rivolto ai ciclisti neoprofessionisti e alle atlete che nel 2023 entreranno, per la prima volta, a...


Una serata con due glorie del ciclismo bresciano che hanno alimentato entusiasmi a cavallo degli anni ’60 e ‘70 a raccontare e raccontarsi al pubblico di fans attraverso episodi e aneddoti biografici inediti o poco conosciuti al grande pubblico. Venerdì...


Chi pratica ciclismo e si allena duramente anche in inverno lo sa bene, quando si fatica servono capi dinamici in grado di isolare bene ma anche di dare respiro quando il ritmo sale. Veloplus, marchio che ha una enorme esperienza nel...


È stato presentato ieri sera a Nizza il percorso del Tour des Alpes-Maritimes et du Var 2023. La prima delle tre tappe in programma si correrà il prossimo 17 febbraio con partenza da Saint-Raphaël ed arrivo a Ramatuelle. La frazione...


Il tempo scorre, l’inverno avanza, e Sacha Modolo ancora non è riuscito a trovare una sistemazione per la stagione 2023. La Bardiani-CSF-Faizanè non gli ha rinnovato il contratto e il 35enne di Vazzola sta sempre più prendendo in considerazione l’ipotesi...


Edoardo Zardini ha deciso di chiudere la sua carriera agonistica. Complici anche le difficoltà della Drone Hopper Androni, il trentatreenne veronese ha preso la sua decisione: «Durante il Giro d’Italia ho cominciato a maturare questa decisione, anche perché penso di...


Fino a un anno fa, la Velocità  italiana su pista era praticamente morta, abbandonata a se stessa e a quei pochi coraggiosi corridori che si arrangiavano a fare praticamente tutto. Dal cemento, però, sta nascendo un fiore e l’ultimo mondiale...


Antonio Mario Molteni è nato a Eupilio il 28 giugno 1944, e tuttora residente nel medesimo comune nella zona di Erba, in provincia di Como, piacevole località alle pendici del monte Cornizzolo, altitudine m. 1241, luogo frequentatissimo dagli amanti del...


E allora vorremmo di novembre, d’altronde è più che naturale con il clima che stiamo vivendo, che il maggio del 2023 fosse ciclisticamente già qui. Con la ratifica appena promulgata di ben tre-tappe-tre in Campania del Giro d’ Italia, nella...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach