CONTADOR. La sentenza slitta al 6 febbraio

| 30/01/2012 | 14:30
Che ci crediate o no, la sentenza sul caso Contador slitta ancora. Il Tas ha reso noto infatti che il Tribunale si pronuncerà sul caso solo lunedì 6 febbraio e non questa settimana, come era stato annunciato in un primo tempo.
Copyright © TBW
COMMENTI
sentenza
30 gennaio 2012 14:43 salseroby
ma pensano che siamo tuttti c.....?? qua si devono accordare economicamente.. CHE SCHIFO!!
PER I NOSTRI LE SENTENZE SONO IMMEDIATE ED ESEMPLARI... DI ROCCCCOOOOO CHE CI FAI LI SEDUTO??
FATTI RSIPETTARE O DIMETTITI!!!!

Di che anno??
30 gennaio 2012 14:44 mcipo
incredibile.............ma tutto vero!!

MAFIA
30 gennaio 2012 14:44 ale63
Incredibile cosa riesce a fare il potere delle banche e dunque dei soldi! Questa e' vera MAFIA, altro che Sicilia!!! Ale

30 gennaio 2012 14:48 foxmulder
Appunto: che ci crediate o no... Grottesco.

Ci siete o ci fate?
30 gennaio 2012 15:08 LampoJet
Tanto polverone per pochi picogrammi di clenbuterolo, imputabili solo ed esclusivamente a contaminazione ambientale. Questa faccenda serve solo per far lavorare strutture e giudici che, altrimenti, dovrebbero andare a lavorare veramente! Ragazzi ma credete che uno in maglia gialla, si fa una fiala (anzi 1/100 di fiala) di clenbuterolo tra una tappa e l'altra??!! Al massimo se proprio si vuole dare addosso a "Satana" Contador si può ipotizzare che abbia fatto una trasfusione con sangue contaminato da tracce (sempre ambientali) di clenbuterolo. Ma questa sarebbe solo un'ipotesi e difficilmente dimostrabile. Per dirla tutta il clenbuterolo si f(acev)a lontano dalle corse ed in fase di preparazione.
Poi ognuno è libero di "rinunciare a Satana e alle sue pompe" e di pensarla come meglio crede.
Saluti

quoto
30 gennaio 2012 17:52 cocco88
al 100 % d accordo con jet

vai col liscio
30 gennaio 2012 17:54 nikko
A pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca...............

Meglio parlare coi fatti
30 gennaio 2012 19:04 LampoJet
I detti della nonna si scontrano coi fatti e con la realtà. Vorrei controbbatteste a quello che ho scritto sopra, con opinioni e teorie contrapposte alle mie. Che analizzaste ogni singolo punto, portandomi una vostra visione contrastante. Al di là di superficiali critiche e ripicche verso uno o l'altro che sia. Io ho scritto come, per me stanno le cose, vorrei essere contraddetto sullo stesso piano. I detti nazionalpopolari si addicono poco ad una reale e costruttiva critica e sono solo giustificabili da carenza di argomenti veri.
Saluti

Si
30 gennaio 2012 19:07 Fra74
..scandaloso...l'iter...almeno questa procedura...
Francesco Conti.

30 gennaio 2012 19:18 skyrock95
Premesso che credo nell'innocenza di Contador, di questo passo emetteranno la sentenza quando lui si sarà già ritirato.

Per Francesco Conti
30 gennaio 2012 20:25 LampoJet
Vede, signor francesco conti, l'iter è scandaloso perchè si parte da una faccenda molto "labile" da principio. Come ho scritto e come è nella realtà, si tratta di una positività, dovuta a tracce minime, imputabile solo a contaminazione ambientale. E' normale quindi che ci si prenda tempo e sempre più tempo per decidere. E ci si accorga sempre più di aver alzato una caciara per nulla. Con questo non voglio passare ne per quello che difende tutti i corridori a prescindere, nè tantomeno per un giustificatore del doping. Anzi, io da tempo immemore mi batto perchè si dica la realtà e si guardino le medie delle corse e ci si faccia un'analisi di coscienza constatando almeno due cose: 1) O il doping non serviva e non serve a nulla; 2) Oppure il doping si fa e si continua a fare pure ora. Questo alla luce delle medie di corsa riscontrabili.
Però che ci si indigni e si punti il dito accusatore, per un caso come questo di Contador, mi fa solo ridere e mi fa pensare a quanta ignoranza regna in circolazione. Per dovere e rispetto nei Suoi confronti, mi firmo anch'io
Saluti
Aldo Scardovi

Sig. Aldo
31 gennaio 2012 09:40 Fra74
Buondì Sig. Aldo, prendo atto delle Sue considerazioni che non condivido del tutto ma rispetto.
Come Lei ben sapra', la giustizia, o meglio, la LEGGE E' UGUALE PER TUTTI: sarà vero?!? E' un dilemma che mi permetto di sollevare pur CREDENDO alla GIUSTIZIA, ma poi la realtà, pur non conoscendo a fondo tutto, i documenti ed altro, alle volte ci spiazza, almeno per quanto riguarda i tempi, l'iter procedurale....se non le sentenze.
Francesco Conti.

Per favore, buffoni, smettetela !
31 gennaio 2012 10:37 renzobarde
Al ridicolo, in questa vicenda, NON ci sono proprio limiti. Tutti sanno come andrà a finire. Ed allora non ci prendano per il c...., per favore. Avete già ucciso la crediblità del ciclismo : perchè perseverate ? Renzo Bardelli

D'accordo con tutti
31 gennaio 2012 13:37 filos71
mi associo con tutti commenti e rimango perplesso per due fatti:
a) il doping non serviva a nulla se oggi vanno più o meno come 10 anni fa quando era pratica comune e oggi dicono di essere puliti
b) non possibile che la giustizia(qualsiasi) abbia tempi così lunghi, a maggior ragione con prove quasi insignificanti

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

E’ il più veloce del mondo, quello che corre i quattro chilometri in pista, a duello, in 4'02"647. Ha ventitrè anni, è italiano, si chiama Filippo Ganna. Ganna come il corridore che vinse il primo Giro d’Italia, nel 1909,...


UAE Team Emirates ha delineato la selezione dei corridor che parteciperanno alle prime Classiche del Belgio, ovvero l’Omloop Het Nieuwsblad (1.UWT) (sabato 29 febbraio) e la Kuurne-Brussels-Kuurne (1.Pro) (domenica 1 marzo). Con 10 successi già all’attivo in questa prima...


  Stavolta dovrebbe farcela, almeno a partire: dopodomani, venerdì 28 febbraio, all’alba, pronti-via. Perché lo scorso 8 febbraio, urtato da un’auto mentre effettuava l’ultimo allenamento, scaraventato a terra, rialzatosi ma con costola incrinata, cranio traumatizzato e abrasioni sparse, aveva dovuto...


André Cardoso, corridore portoghese squalificato per quattro anni a causa di una positività all'EPO, continua a sostenere la sua innocenza e ha portato il suo caso di fronte a TAS. Nel corso di un'audizione pubblica presso il tribunale internazionale dello...


Un'intesa all'insegna del ciclismo, di un territorio che pedala e soprattutto della passione. Perché sono tante le persone, giovani e meno giovani, che viaggiano in sella a una bici, per hobby, per necessità, semplicemente per tenersi in forma. Malpensa24 -...


    Undici anni di un bel connubio siglato nel 2009 da Ponte Buggianese, Circolo Ricreativo Cintolese, Pol. Anchione che diedero vita al Team Valdinievole con l’aggiunta alla fine del 2018 anche del Pozzarello. Una sinergia per fronteggiare segnali di...


Diciotto vittorie, 16 secondi e 10 terzi piazzamenti costituiscono il positivo bilancio della stagione agonistica 2019-2020 legata al ciclocross fatto registrare dalla mitica Sorgente Pradipozzo. La compagine presieduta da Daniele Comacchio, che è tra le società benemerite della provincia...


Comincia domani il campionato mondiale sulla pista di Berlino e l’Italia metterà subito in campo alcune delle sue carte migliori. Nel torneo dell’inseguimento a squadre maschile, Marco Villa schiererà Michele Scartezzini, Simone Consonni, Filippo Ganna, Francesco Lamon. Decisa di comune...


La prima sentenza dell'UAE Tour, emessa dalla salita del Jebel Hafeet, parla di un Adam Yates capace di firmare una bellissima impresa. Il britannico della Mitchelton Scott è scattato a sei chilometri dalla conclusione, solo Lutsenko e Gaudu sono riusciti...


Ieri ci era andato vicino,  cogliendo il secondo posto. Oggi Jhonatan Restrepo al Tour du Rwanda ha centrato il bersaglio grosso andando a vincere la terza tappa (Huye-Rusizi di 142 chilometri). Il 25enne colombiano conferma così il suo grande stato...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155