RITORNI. Yuri Metlushenko torna con l'Amore & Vita

| 30/08/2011 | 16:20
Non ha mai smesso di credere alle tante promesse che gli sono state fatte nel corso di tutti questi mesi, ne di sperare di indossare - in questa stagione - la maglia di un team world tour che gli potesse garantire (a 34 anni) di correre ancora un grande giro per mettersi così a confronto con i più forti sprinter del mondo. Considerate le belle vittorie ottenute ogni anno dal 2002 ad oggi se la sarebbe proprio meritato Yuriy Metlushenko.  Purtroppo invece, questa opportunità alla fine non è arrivata, nonostante un successo di rilievo in una corsa HC anche in questo 2011 (la 3° tappa del Tour Qinghai Lake ottenuto con la maglia della selezione nazionale). Ed è così che il velocista ucraino è tornato a vestire la maglia con la quale ha ottenuto più successi e soddisfazioni: quella di Amore & Vita.
“Per noi è una grande soddisfazione – spiega Cristian Fanini – lo avevamo lasciato libero alla fine di novembre, nonostante avessimo un accordo anche per questa stagione, perché ritenevo giusto che un atleta di questo livello potesse finalmente lottare per la vittoria in una tappa del Giro, Tour o Vuelta.
Lui sapeva della nostra disponibilità, quindi ho atteso la sua chiamata e appena è arrivata gli ho spalancato nuovamente le porte della nostra squadra” conclude Fanini.
Domani alla settimana lombarda il suo debutto, con l’obbiettivo di centrare immediatamente un risultato importante. Al suo fianco ci saranno i connazionali Bileka, Kaniuk e Kogut, il russo Borisov, il tedesco Mamos, il campione israeliano Libner, il campione messicano Colex e lo svedese Morèn.
Un team determinato, unito dalla voglia di riportare in alto ‘il Toro Scatenato’ di Radomishl (Raging Bull è il soprannome che gli è stato dato dalla stampa statunitense dopo le vittorie in America).
 “Sono prontissimo, emozionato e veramente ‘arrabbiato’ – esclama deciso Metlushenko – ho tante rivincite da prendermi e cercherò di farlo in queste prossime corse (Settimana Lombarda e Giro di Padania). La condizione è ottima anche perché mi sto preparando per i campionati del Mondo di Copenhagen, i miei compagni credono ciecamente in me, la famiglia Fanini altrettanto quindi non mi rimane che dimostrare a chi mi ha illuso che ha fatto un grosso errore”.



Settimana Lombarda: Amore & Vita brings back Yuriy Metlushenko.
He never stopped believing the many promises that were made during all these months, hoping to wear - this season - the jersey of a World Tour team that could guarantee him to take again part at a Grand Tour and compete against the strongest sprinters of the world.
Unfortunately  this opportunity has not come at the end, despite a major success in a H.C. race in this 2011 (the 3rd stage of the Tour Qinghai Lake obtained with the jersey of the national selection). So, at the end, he returned to wear the jersey with which he got more success and satisfaction: the Amore & Vita jersey.
"For us it is a great satisfaction - says Cristian Fanini - we had left him free at the end of November, although we had an agreement also for this season, because I felt right that an athlete of this level could finally fight for the victory in a stage of the Giro, Tour or Vuelta.
He knew of our availability, so I just waited for his call and when it came, I found our doors opened "concludes Fanini.
Tomorrow he will make its comeback at Settimana Lombarda (ITA 2.1) with the aim of immediately hit a major achievement. At his side will be lined up fellow countrymen Bileka, Kaniuk and Kogut, the Russian Borisov, German Mamos, Israeli champion Libner, the sample Colex Mexican and Swedish Moreno.
A team determined, united by the desire to return to top 'The Raging Bull' to Radomishl (Raging Bull is the nickname that was given by the U.S. press after victories in America).
 "I am more than ready, excited and very 'angry' - says Metlushenko decided - I have a lot to take revenge and try to do in these next few races (Week Tour of Lombardy and the Po Valley). The condition is very good because I am preparing for the World Championships in Copenhagen, my teammates believe in me blindly, just as the family Fanini so it remains for me to demonstrate to me the illusion that has made a big mistake. "

Copyright © TBW
COMMENTI
Grande Metlushenko!
30 agosto 2011 19:09 pietrogiuliani
Complimenti all'Amore & Vita per avergli dato un'altra possibilità dopo i problemi che ha avuto alla Lampre-ISD.
Secondo me Yuri ha talento da vendere e potrebbe vincere perfino il mondiale.

talento
30 agosto 2011 19:54 gelatoalcioccolato
Se il ragazzo ha così tanto talento perchè ogni anno è al vento e finisce sempre per correre da Fanini?

ATTENTI E' ARRABBIATO
30 agosto 2011 20:48 thered
NON PENSO DI AVER ESAGERATO CON IL TITOLO, SE YURIY SCATENA TUTTA LA SUA RABBIA E LA SUA DELUSIONE SUI PEDALI,HO PAURA CHE SIANO ...... AMARI PER TUTTI, QUALCUNO MAGARI PUO' ANCHE SORRIDERE, VA BENE PARLIAMONE DOPO IL 25 SETTEMBRE. MAGARI, VEDIAMO GIA' I RISULTATI ALLA SETTIMANA LOMBARDA!!!!! A PRESTO RAGAZZI

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Se progettiamo le città per le auto e il traffico, avremo come risultato auto e traffico; se progettiamo per le persone e gli spazi pubblici, avremo persone e spazi pubblici. Dalla citazione di Fred Kent, fondatore e presidente dell'organizzazione no...


E' Tran Tuan Kiet, portacolori della Dopagan Dong Thap, a firmare il successo nella decima tappa della HTV Cup, la prima corsa a tappe del dopo pandemia che si sta disputando sulle strade del Vietnam. Fuga a sette andata fino...


Reagisce con forza, Jonathan Vaughters, alle voci sulla possibile uscita di scena della EF e sulla chiusura della squadra, pubblicate questa mattina dal quotidiano L'Equipe. Affidandosi a messaggi su twitter, il team manager statunitense chiarisce: «EF Education First sarà ancora...


"Filippo Simeoni era convintissimo di vincere a Bergamo il tricolore 2008. Me lo disse già la sera precedente in camera, durante il massaggio. Volle farsi massaggiare per ultimo e mi chiese fare un buon lavoro, meglio ancora di quello che...


I lunghi mesi del lock down per la pandemia di Coronavirus hanno modificato la percezione che abbiamo della strada: l’assenza di traffico ha mostrato l’ampiezza delle carreggiate, vuote e senz’auto in transito, così come l’esiguità degli spazi riservati a chi...


Il gergo giornalistico e il bisogno di sensazionalismo possono portare ad abusare di termini ed epiteti. Pensiamo ad aggettivi come “incredibile” o “pazzesco”, a de­finizioni come “magia” e ad attributi come “eroe”, “guerriero” o “lottatore”. Ecco, concentriamoci su quest’ultima area...


Dal 9 al 31 maggio si sarebbe dovuto disputare il Giro d’Italia 2020. Tuttobiciweb lo corre comunque, giorno per giorno, con la forza della memoria. Oggi la diciannovesima tappa: Cristian Gasperoni ci racconta quella del 2003. “Davanti a noi un...


La cultura è uno dei settori che più sta soffrendo per le conseguenze dell’emergenza scatenata dal coronavirus. Nell’ultima puntata di BlaBlaBike ne abbiamo parlato con Luciana Rota, giornalista e autrice, che scrive di ciclismo, di storia del ciclismo, di vini...


"L’idea di una città in cui prevale la bicicletta non è pura fantasia”. Marc Augé aveva ragione: questo mezzo di trasporto ha due secoli alle spalle eppure non è mai stato tanto vivo. Forse perché la vita, su due ruote,...


Organizzazione della 23^ 6 Giorni delle Rose Internazionale e ripresa dell’attività giovanile: sono questi gli obiettivi ai quali sta lavorando lo staff del Velodromo “Attilio Pavesi” di Fiorenzuola d’Arda (Piacenza). La manifestazione di ciclismo su pista di Classe 1 è...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155