Doping, due anni di squalifica per Davide Rebellin

| 29/09/2010 | 16:11
Due anni di squalifica per Davide Rebellin. La federazione monegasca di ciclismo, per la quale è tesserato, ha ufficialmente fermato il corridore italiano, che era risultato positivo all'Epo-Cera, nei controlli eseguiti sui campioni di Pechino 2008. Rebellin aveva vinto la medaglia d'argento nella prova in linea alle Olimpiadi cinesi, ma l'alloro è stato revocato dal Cio a seguito di questa positività.
La squalifica scadrà il 27 aprile 2011, visto che la positività di Rebellin era emersa solamente il 28 aprile 2009 e da quel momento non aveva più potuto gareggiare. Il giorno in cui scadrà lo stop, il ciclista italiano avrà 39 anni. La sentenza è stata emessa solo dopo il pronunciamento del Tas al quale il corridore veneto si era rivolto opponendosi alla decisione del Cio: il Tribunale di Losanna ha però dato torto a Rebellin dando così il via alle normali procedure di squalifica.
Copyright © TBW
COMMENTI
vergogna
29 settembre 2010 16:17 scatto
e' stata una vergogna doparsi alle OLIMPIADI dove si giura sportivita' assoluta dovrebbe essere RADIATO

VEDIAMO CHI LO FA' CORRERE
29 settembre 2010 17:50 barubici
CHI SARA' L'EROE CHE LO PRENDERA' IN SQUADRA????
SI ACCETTANO SCOMMESSE.....









Mumble...
29 settembre 2010 18:06 foxmulder
Queste squalifiche comminate a pena già praticamente scontata mi lasciano sempre un po' perplesso... Saranno anche tempi tecnici, ma mi pare che l'effetto deterrente della pena si diluisca un po' troppo... Senza contare il fatto che si creano situazioni quasi surreali per cui chi ha sbagliato passa per vittima del sistema che, in effetti, è colpevolmente pachidermico...

Vekkio
29 settembre 2010 20:35 fix1963
Lo vedo sovente allenarsi nei dintorni del Principato di Monaco con anonime tenute... Fossi in lui, arrivato al limite dei quarant'anni, penserei solo a smettere. La vita non e' solo la bici, sveglia!!!! Ale

SCATTO....
30 settembre 2010 12:29 stargate
Rebellin, al pari di altri, l'ha fatta grossa, giusta pertanto la squalifica. Detto ciò, non credo che si possa dire "dovrebbe essere radiato". A qualcuno sfugge che le pene vengono comminate sulla base delle norme esistenti, e per il caso in questione non è prevista la radiazione., Tutto qua. Ricordiamo che la legittimità è il fulcro del sistema giudiziario, sia esso penale, civile o sportivo. Vogliamo -e l'ipotesi potrebbe anche essere accettabile, pur se dura e severa- che l'atleta venga radiato anche se trovato positivo per la prima volta? Bene, esprimiamoci in maniera adeguiata, non in modo dipietrista. Sull'onda emotiva, potre dire che Rebellin dovrebbe essere addirittura lapidato per la stupidità: come ci si può far trovare positivo al CERA quando neanche un mese prima era esploso il caso Riccò, e con esso la consapevolezza che individuare quel tipo di doping era ormai alla portata dei laboratori di analisi? Ma l'amministrazione della giustizia è altra cosa.
Alberto Pionca - Cagliari

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Capita, in una splendida mattinata di sole. Capita di salire in bicicletta nonostante il freddo e di fare un incontro speciale. Come quello che sui social racconta Paolo Viberti, il quale siamo sicuri ci perdonerà quel "vecchio" nel titolo... «Non...


Fenomeno Van Aert: alla sua prima gara ufficiale di Ciclocross il talento belga domina la quinta prova del Superprestige che si è disputata a Boom, in Belgio. Una maschera di fango Van Aert che subito prende la testa della corsa...


Presente e futuro. La Drone Hopper Androni Giocattoli guarda sempre più al domani, proseguendo sul solco di un progetto giovani vincente. In questo quadro si inserisce l’ingaggio per il 2023 di Riccardo Ciuccarelli. 21enne scalatore di talento e prospettiva, Ciuccarelli...


Sarà un sabato sera all’insegna del grande ciclocross, della suspense e delle immagini spettacolari quello che le frequenze di Rai Sport regaleranno oggi agli appassionati delle due ruote. La trasmissione della quinta tappa del Giro d’Italia Ciclocross, il Gran Premio...


Non molla un colpo Lucinda Brand (Baloise Trek Lions) e si aggiudica anche la quinta prova del Superprestige di Ciclocross che oggi si è svolta a Boom, in Belgio. Su un terreno proibitivo reso durissimo dal fango e della pioggia,...


La nostra anticipazione di due giorni fa su Luna Rossa che cerca ciclisti per la prossima Coppa America è finita oggi anche sulla Gazzetta, che è un po’ come ricevere un attestato di stima e di buon lavoro. Ne scrive...


Non è uno che ama galleggiare, anche perché Wolfango Poggi non ha mai avuto un buon rapporto con l’acqua, diciamo pure che fino a poco tempo fa non sapeva nemmeno nuotare. “Wolf” non è tipo da prendere le cose alla...


«Molteni, storia di una famiglia e di una squadra» è un libro che mancava e che va a colmare una lacuna, riportando in auge i fasti di una delle formazioni più importanti nella storia del ciclismo tutto. È il racconto...


E' la regione Friuli Venezia Giulia a brindare in Coppa Italia. La rappresentativa regionale si è infatti aggiudicata la seconda prova che si è svolta a Fanano, nel Modenese. I ragazzi friulani l'hanno spuntata per un solo punto sulla Lombardia...


Lo scorso settembre avevamo lasciato Patrick Lefevere dubbioso sul tema di una possibile squadra femminile con la sua Quick-Step - Alpha Vinyl: con parole pungenti, il dirigente belga aveva parlato di un cattivo investimento quello del ciclismo in rosa. Oggi...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI