Il Tas conferma: Rebellin positivo ai Giochi Olimpici di Pechino

| 30/07/2010 | 16:59
Ecco il comunicato emesso oggi dal Tas

Il Tas ha respinto il ricorso presentato da Davide Rebellin contro la decisione del Cio che ha squalificato il corridore veneto dai Giochi di Pechino 2008 e gli ha ritirato la medaglia d’argento.
Il 5 agosto 2008, alla vigilia dei Giochi, Davide Rebellin era stato sottoposto ad un controllo antidoping e quattro giorni più tardi aveva vinto l’argento nella prova su strada. Il seguente esame - volto a ricercare l’ormone della crescita - del campione “A” prelevato aveva dato esito negativo. Nel gennaio 2009 il Cio ha deciso di sottoporre i campioni prelevati nel corso dei Giochi a nuovi esami per cercare EPO CERA. Sostanza che è stata trovata nel campione “A” di Rebellin ad un primo esame (balayage). Una analisi completa del campione è stata poi effettuata dal laboratorio di Châtenay-Malabry e questa ha stabilito ufficialmente la presenza di Cera nel campione ematico del corridore, circostanza confermata dalle controanalisi del maggio 2009. Il 17 novembre 2009, su proposta della Commissione Disciplinare del Cio, il Comitato Esecutivo de Cio stesso ha squalificato Davide Rebellin dalla prova su strada e gli ha ritirato la medaglia d’argento, chiedendo all’Uci di riscrivere l’ordine d’arrivo della prova.
Il 30 novembre 2009, Davide Rebellin ha presentato appello al Tas contro questa decisione. Il giudizio è stato affidato ad una commissione del tas composta da Bernard Foucher (Francia) presidente, Madame Michele Bernasconi (Svizzera) e Ulrich Haas (Germania). Una udienza si è svolta il 17 giugno 2010, nel corso della quale le parti e numerosi esperti sono stati ascoltati.
Per la sua difesa, Davide Rebellin ha invocato numerosi vizi di forma sulla procedura di analisi dei campioni e ha contestato la validità del metodo adottato dal laboratorio di Châtenay-Malabry. La Commissione del Tas ha respinto tutte le argomentazioni del corridore e confermato che le procedure della catena di sicurezza sono state rispettate e che non c’è stato scarto rispetto agli standard internazionali dei Laboratori (SIL). Inoltre, la Commissione del TAS ha confermato che la presenza di Cera è stata validamente rintracciata nei campioni sanguigni del corridore e che il laboraorio di Chatenay-Malabry non ha fatto altro che applicare un metodo di rilevamento già esistente e già convalidato al momento dell’analisi.
Per questo, la decisione presa nel novembre 2009 dal Cio viene integralmente confermata.
Copyright © TBW
COMMENTI
30 luglio 2010 18:48 ciceinge
Ma come mai per Vania Rossi si sostiene che il Cera degrada rapidamente ed è per questo motivo che non è stato trovato nel suo campione B , mentre per Rebellin sarebbe trovato il Cera nel suo campione B anche dopo diversi anni dal prelievo?

ciceinge
30 luglio 2010 19:18 limatore
nelle urine si deteriora, mentre nei campioni ematici no...... uno c'è rimasto e forse l'altra l'ha fatta franca. Dico forse

...
30 luglio 2010 20:36 fulvio
Perchè degrada nel'urina (Vania Rossi...) ma non nel sangue (Dvide Rebellin...)...
Basterebbe leggere le informazioni in modo critico e analitico...

GLI SCENZIATI DIMENTICATI
30 luglio 2010 21:41 bric
Scenziati di tutto il mondo e legioni di avvocati sono stati azzerati dai novelli scenziati di questo blog....il TAS vi reclama!!!!!!credevo che su questo blog ci fossero solo GIUSTIZIALISTI ora anche scenziati...ma che pacchia!!!!!!

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.

Scatta con la tappa che porta da The Pointe a Dubai Silicon Oasis (148 km) la seconda edizione dell’UAE Tour, seconda corsa a tappe di WorldTour della stagione. Tanti i motivi di interesse legati ad un cast davvero importante, ma su...


Pochi giorni fa, di gennaio an­cora, era la Giornata della Memoria, a tenere ad ammonimento vivo lo sterminio antisemita e le sofferenze della Seconda Guer­ra Mondiale. Ma oggi, che siamo di febbraio, continua a stagliarsi ancora prima, come allora, la...


Dopo Arlenis Sierra e Olga Shekel, è Yareli Salazar la terza atleta dell'Astana Women's Team ad alzare le braccia al cielo in questo bellissimo inizio di 2020: la 23enne messicana si è imposta nella terza tappa della Setmana Ciclista Valenciana e per lei la gioia...


Il Cps Professional Team continua a stupire: oltre a cercare talenti nel territorio del centro sud Italia, il team campano rivolge la sua attenzione anche all'estero e ingaggia per questa stagione il francesino Luca Martin, che nella passata stagione in...


Il colombiano Miguel Angel Lopez ha colto il primo successo della stagione vincendo la quarta tappa della Volta ao Algarve. Sull'arrivo di Alto de Malhao, dopo aver percorso 169 chilometri dalla partenza di Albufeira, il corridore di Astana Pro Team,...


Il primo vincitore della stagione da applaudire è il ventunenne Leonardo Marchiori che con uno sprint capolavoro ha vinto la 33^ Firenze-Empoli, gara di apertura della stagione dilettanti Under 23 in Toscana, svoltasi in una luminosa giornata di sole che...


Tappa per uomini forti, quella di Granada della Vuelta a Andalucia, e gli uomini forti della classifica hanno imposto la loro legge. Volata a tre per assegnare la vittoria e successo di Jack Haig della Mitchelton Scott che ha superato...


Davvero un grande inizo di stagione per Nairo Quintana. Il colombiano della Arkea Samsic si è imposto oggi nella seconda tappa del Tour des Alpes-Maritimes et du Var, che si è conclusa al Col d'Eze. Alle sue spalle l'australiano Simon...


C'è la firma di Enrico Zanoncello, portacolori della Zalf Euromobil Fior, sull'edizione numero 96 della Coppa San Geo. Alle sue spalle, seconda posizione per Filippo Bertone della Iseo Serrature Rime Carnovali Sias e terza per Francesco Di Felice della Sangemini...


Egan Bernal ha sciolto le riserve e ha deciso di partecipare ai Giochi Olimpici di Tokyo 2020. La scelta operata dal Team Ineos, che ha optato per portare il colombiano al Tour anziché al Giro come inizialmente ipotizzato, ha finito...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155