Passaporto biologico: un italiano rischia il Giro d'Italia

| 02/05/2010 | 19:03
Passaporto biologico, ci siamo. Esattamente due mesi fa - era il 1° marzo - il presidente dell'Uci Pat McQuaid aveva annnunciato la presenza di alcuni casi sospetti in base ai dati del passaporto biologico. Tra poche ore - domani o martedì al massimo - conosceremo i nomi dei corridori fermati in base a questa procedura. E fra questi nomi, secondo indiscrezioni raccolte da tuttobiciweb in ambienti vicini all'Uci - ci sarebbe quello di un atleta italiano di alto livello, destinato ad un ruolo da protagonista al Giro d'Italia.
Perché sono stati necessari due mesi? Presto detto: i corridori sono stati avvisati delle anomalie riscontrate (solo i corridori, non le squadre) e hanno avuto un mese di tempo a disposizione per presentare una "giustificazione" giuridica e medica ai dati anomali. Questi rapporti sono stati vagliati da una commissione indipendente e i risultati sono ora in possesso dell'Uci che si prepara a renderli noti.
Poche ore ancora e sapremo...
Copyright © TBW
COMMENTI
PROCEDURA INECCEPIBILE MA.............
2 maggio 2010 19:46 renzobarde
Posta così, la procedura pare ineccepibile. Certo che mentre il Valverde continua a fare i propri comodi, protetto da quella UCI dove non si capisce ancora cosa ci stia a fare l'italiano Di ROCCO....,questo "evento" sembra, dalle premesse, destinato a suscitare scalpore e a farci ancora riflettere sulle sorti di questo ciclismo che NON VUOL SAPERNE DI CAMBIARE MARCIA. Ovvvio allora porci un interrogativo, netto e chiaro : QUANTI, tra tecnici, massaggiatori, "dirigenti" a vario titolo che operano nel ciclismo, LUCRANO DALLO SPACCIO DELLE SOSTANZE DOPANTI illudendo i corridori ? Occorre mirare con PIU' FORZA in queste direzioni. Sbaglio ? Renzo Bardelli

Caro Renzo...
2 maggio 2010 20:52 grillo222
Ma come mai della Lampre nn hai detto niente? Non ti ho sentito dire niente... Che furbetto dietro a certi poteri!!!

Interrogativi?
2 maggio 2010 21:09 Askatasuna
Puoi ponerti tutti gli interrogativi che vuoi, ma smettiamola di credere che tutti i corridori siano vittime, hanno smesso da un po' di ringraziare Mamma perchè sono arrivati uno!!! Sono tutti ragazzi intelligenti, ci sono anche laureati, che possono benissimo, se per caso qualcuno propone qualcosa di poco chiaro, rifiutare qualsiasi coinvolgimento.
Se il Grande Fratello non lo guardassero in 7 milioni, non lo farebbero più!!!

carissimo commentatore
2 maggio 2010 22:39 maxmari
penso tu abbia detto qualche sciocchezza alludendo a massaggiatori staf ecc.che anno tutto tranne che interesse a perdere il lavoro gli sponsor ecc.sono i corridori solo i corridori responsabili di tutto mettetevelo in testa tutti ..... sono loro che decidono se rischiare di far chiudere una squadra con 40/50 dipendenti, rischiano di smettere di fare questo mestiere che sicuro non e adatto a tutti , lasciamo stare la gente che ci lavora . valverde continua a correre? xche non dovrebbe ? mai positivo controllato a vista , passaporto a posto . e un talento e se non lo crediate ,il motivo e uno non capite di ciclismo. chi ha subito squalifiche dalle inchieste spagnole xche anno confessato di essersi comportati illecitamente ,

Maxmari
3 maggio 2010 00:06 marcuzgirardi
la sua conoscenza del ciclismo é direttamente proporzionale alla sua conoscenza della lingua italiana scritta.
Nel caso le fosse sfuggito qualche particolare le consiglio di documentarsi meglio riguardo al caso Valverde.

Marcuz
3 maggio 2010 10:55 maxmari
Accetto la predica italiano ma non si parla di quello credo. Se sa molto di più lei di Valverde lo fermi denunci . X quanto riguarda i dubbi su 5 anni di controlli se lei sa o pensa siano guidate scriva a riviste giornali autorità e veda quanti le rideranno dietro. La mia conoscenza sul ciclismo ? Lavoro dentro un team sono stato professionista e penso basti x sapere .

3 maggio 2010 12:13 Alocin
sono d'accordo con Askatasuna, da molto tempo ormai i ciclisti sono i veri colpevoli delle loro storie di doping. Basta con i piagnistei che sono i procuratori di sostanze i veri colpevoli. Se anche nell'ambiente non ci fossero più "stregoni" i corridori acquisterebbero in internet! Radiazione immediata!

MaxMari
3 maggio 2010 12:21 Alocin
Hai perfettamente ragione, qui non si tratta di italiano o no, qui si parla di corridori che mettono a repentaglio la serietà di tutto uno sport, movimento, sponsor, e il lavoro di decine e decine di persone. Valverde, come tanti altri beccati dal doping, è un fuoriclasse che per un pò di tempo ha fatto quello che prima facevano quasi tutti. Ora è un pò meglio, ma solo perchè ci si sta spostando verso altri prodotti... Propongo la radiazione a vita e immediata, forse solo così si salva capra e cavolo, e, beninteso, i risultati non cambieranno, saranno solo tutti più puliti.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Si parla di cerchi magici, ma viviamo tra gironi e cerchi dell’inferno. Tra lussuriosi e golosi, avari e iracondi. Sono i peccati del nostro tempo, che sanno più di zolfo che di zafferano. Per rimanere in ambito culinario, tempi grami...


Il 6 luglio, giorno in cui il Tour de France partirà da Bruxelles con la Grand Départ, Continental inizierà il suo primo anno in qualità di uno dei cinque Main Partner del Tour – insieme a LCL, E.Leclerc, Krys e...


Il "piccolo principe” Damiano Cunego, ciclista veronese classe 1981, ha saputo togliersi enormi soddisfazioni nel corso della sua carriera, aggiudicandosi oltre 50 corse tra i professionisti. Oggi, a meno di un anno dal suo ritiro, Damiano è sempre presente all’interno...


La Federazione Ciclistica Italiana insieme all’Agenzia per la Mobilità del Comune di Roma si impegna per una città migliore, più pulita, sicura e a misura di bicicletta e lo fa, come è suo stile, partendo dall’educazione nelle scuole. Firmato, presso...


In questi anni il ruolo dell’Ambassador è diventato un fenomeno molto diffuso visto e considerato il suo ruolo nei social network e nelle varie community. LOOK è un marchio molto attento a questi fattori e dopo essersi mosso benissimo a livello internazionale,...


È arrivata per ultima, con nobile distacco dalle colleghe e si è posta al centro dell’attenzione come una diva. È la nuova moto, a disposizione della Protezione Civile del Friuli Venezia Giulia, presentata nei giorni scorsi presso la sede di...


Parte dalla Sala Consiliare del Comune di Carmignano la nuova avventura della Big Hunter Beltrami TSA Seanese nel mondo del pedale per quella che sarà la stagione n. 46 della sua splendida storia iniziata nel 1973. Parte con gli auguri...


Anche per la formazione più giovane del Team Wilier Breganze è ufficialmente iniziata la preparazione su strada e, tra meno di due mesi, anche per loro si aprirà ufficialmente il calendario delle gare. L'organico del 2019 presenta ben dieci atlete....


Riparte nel segno dei giovani la stagione della Ciclistica San Miniato-S.Croce sull’Arno dopo il patto di collaborazione siglato con il gruppo sportivo Stabbia Ciclismo dal quale sono arrivati a San Miniato alla corte del presidente Franco Biagini un bel gruppo...


La Delio Gallina Colosio Eurofeed si sta comportando molto bene alla Boucles du Haut Var in Francia. Dobbiamo riconoscere che i ragazzi guidati da Cesare Turchetti hanno tanta qualità e voglia di fare. Tant'è che nelle prime due tappe, compresa...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy