Mondiale: Cadel Evans porta l'Australia nella storia

| 27/09/2009 | 17:21
Cadel Evans è il nuovo campione del mondo, Cadel Evans porta l'Australia nella storia del campionato iridato. Il capitano della nazionale dei canguri, che vive proprio nel Canton Ticino, ha conquistato la vittoria più bella della sua carriera, al termine di una corsa ed esplosiva negli ultimi cento chilometri. Al termine di una stagione incredibile - nella quale ha completamente "ciccato" il Tour de France e ha probabilmente perso la Vuelta per una foratura a Sierra Nevada - Evans ha vissuto a Mendrisio una giornata eccezionale. La medaglia d'argento è andata al russo Kolobnev - già secondo a Stoccarda alle spalle di Bettini - e al terzo lo spagnolo Joaquim Rodriguez. Damiano Cunego, ottavo, è stato il migliore degli italiani.
Evans è stato braavissimo a cogliere l'opportunità che gli si è presentata a circa sette chilometri dal traguardo, quando si è avvantaggiato con Kolobnev e Rodriguez, staccandoli poi a sua volta sulla salita finale di Novazzano.
La corsa è stata caratterizzata prima da una fuga a dieci partita già dal primo giro, poi gli italiani sono stati protagonisti di una bella azione con Visconti e Scarponi a guidare un gruppetto di una trentina di uomini nel quale si erano inseriti anche Ballan e Paolini. Dietro hanno lavorato soprattutto Australia e Norvegia, poi anche la Spagna è andata in avanti a tirare, fino a quando l'Italia ha preso in mano le redini della corsa a tre giri dalla fine. Andatura sempre più alta degli azzurri che al penultimo giro si sono fatti sorprendere in discesa da Cancellara. Sull'ultima salita di Acquafresca è stato ancora Cancellara ad attaccare, portando via un gruppetto di dieci unità con il solo Cunego tra gli italiani e ben tre spagnoli, cioè Valverde, Sanchez e Rodriguez. Gli iberici una volta di più hanno giocato malissimo le loro carte, puntando sul cavallo sbagliato e lasciandosi sfuggire Evans. Da parte sua Cunego non ne aveva più sull'ultima salita ed ha chiuso mestamente all'ottavo posto, dopo aver tentato di chiudere il buco in pianura tra le due salite.

Ordine d'arrivo
1      Cadel Evans (Australia)      6:56:26       
2     Alexandr Kolobnev (Russian Federation)     0:00:27      
3     Joaquin Rodriguez Oliver (Spain)            
4     Samuel Sanchez Gonzalez (Spain)     0:00:30      
5     Fabian Cancellara (Switzerland)            
6     Philippe Gilbert (Belgium)     0:00:51      
7     Matti Breschel (Denmark)            
8     Damiano Cunego (Italy)            
9     Alejandro Valverde Belmonte (Spain)            
10     Simon Gerrans (Australia)     0:01:47      
11     Fabian Wegmann (Germany)            
12     Kurt-Asle Arvesen (Norway)            
13     Chris Sörensen (Denmark)     0:01:59      
14     Johnny Hoogerland (Netherlands)     0:02:02      
15     Oscar Freire Gomez (Spain)            
16     Ivan Basso (Italy)            
17     Andre Fernando S. Martins Cardoso (Portugal)     0:02:44      
18     Michael Barry (Canada)            
19     Serguei Ivanov (Russian Federation)            
20     Karsten Kroon (Netherlands)     0:02:50      
21     Filippo Pozzato (Italy)            
22     Leonardo Fabio Duque (Colombia)            
23     Koos Moerenhout (Netherlands)            
24     Sylvester Szmyd (Poland)            
25     Kevin De Weert (Belgium)            
26     Alexandre Vinokourov (Kazakhstan)            
27     Vasil Kiryienka (Belarus)            
28     Oliver Zaugg (Switzerland)            
29     Sylvain Chavanel (France)            
30     Ignatas Konovalovas (Lithuania)            
31     Alexandre Botcharov (Russian Federation)            
32     Tadej Valjavec (Slovenia)            
33     Thomas Lövkvist (Sweden)            
34     Sergio Miguel Moreira Paulinho (Portugal)            
35     Janez Brajkovic (Slovenia)            
36     Robert Gesink (Netherlands)     0:03:01      
37     Miguel Angel Rubiano Chavez (Colombia)     0:03:21      
38     Tom Boonen (Belgium)            
39     Bert De Waele (Belgium)            
40     Philip Deignan (Ireland)            
41     Alessandro Ballan (Italy)            
42     Daniel Moreno Fernandez (Spain)            
43     Jakob Fuglsang (Denmark)     0:03:45      
44     Greg Van Avermaet (Belgium)            
45     Kim Kirchen (Luxembourg)     0:04:20      
46     Pierrick Fedrigo (France)     0:04:29      
47     Marcus Ljungqvist (Sweden)     0:05:20      
48     Gorazd Stangelj (Slovenia)            
49     Jussi Veikkanen (Finland)            
50     José Rujano Guillen (Venezuela)            
51     Eduard Vorganov (Russian Federation)            
52     Steven Cummings (Great Britain)            
53     Andriy Grivko (Ukraine)            
54     Kristjan Fajt (Slovenia)            
55     Murilo Antonio Fischer (Brazil)            
56     Kanstantin Siutsou (Belarus)            
57     Fumiyuki Beppu (Japan)            
58     Assan Bazayev (Kazakhstan)            
59     Craig Lewis (United States Of America)            
60     Edvald Boasson Hagen (Norway)            
61     Christophe Riblon (France)            
62     Przemyslaw Niemiec (Poland)            
63     Nick Nuyens (Belgium)            
64     Matthew Lloyd (Australia)     0:06:07      
65     Luca Paolini (Italy)     0:07:43      
66     Dmitriy Fofonov (Kazakhstan)            
67     Thomas Voeckler (France)            
68     Daniel Martin (Ireland)     0:08:22      
69     Rui Alberto Rui Costa (Portugal)            
70     Vladimir Miholjevic (Croatia)     0:10:54      
71     Stefano Garzelli (Italy)            
72     Oleksandr Kvachuk (Ukraine)            
73     Bartosz Huzarski (Poland)            
74     Jose Rodolfo Serpa Perez (Colombia)            
75     Carlos José Ochoa (Venezuela)            
76     Hrvoje Miholjevic (Croatia)            
77     Aleksejs Saramotins (Latvia)            
78     Fredrik Kessiakoff (Sweden)            
79     Grischa Niermann (Germany)            
79     Timothy Duggan (United States Of America)            
81     Stian Remme (Norway)            
82     Michael Albasini (Switzerland)            
83     Franklin Chacon Colmenares (Venezuela)            
84     René Mandri (Estonia)            
85     Pavel Brutt (Russian Federation)            
86     Michal Golas (Poland)            
87     Gabriel Rasch (Norway)            
88     Maarten Wynants (Belgium)            
89     Maxime Monfort (Belgium)            
90     Martin Velits (Slovakia)            
91     Lars Boom (Netherlands)            
92     Roger Hammond (Great Britain)            
93     Christophe Le Mevel (France)            
94     Thomas Peterson (United States Of America)            
95     Dimitri Champion (France)            
96     Hayden Roulston (New Zealand)            
97     Maxim Iglinsky (Kazakhstan)            
98     Mccartney Jason (United States Of America)            
99     Johannes Fröhlinger (Germany)            
100     Peter Velits (Slovakia)            
101     Rigoberto Uran Uran (Colombia)            
102     Gerhard Trampusch (Austria)     0:14:03      
103     Paul Martens (Germany)            
104     Volodymyr Zagorodny (Ukraine)            
105     Vladimir Karpets (Russian Federation)            
106     Jan Barta (Czech Republic)            
107     Michael Rogers (Australia)            
108     Juan Carlos Lopez Marin (Colombia)            
DNF     Juan Jose Cobo Acebo (Spain)            
DNF     Thomas Danielson (United States Of America)            
DNF     Tony Martin (Germany)            
DNF     Marzio Bruseghin (Italy)            
DNF     Serhiy Honchar (Ukraine)            
DNF     Jacek Morajko (Poland)            
DNF     Juan Manuel Garate Cepa (Spain)            
DNF     Jackson Rodriguez (Venezuela)            
DNF     Sebastian Langeveld (Netherlands)            
DNF     Peter Kusztor (Hungary)            
DNF     Aliaksandr Kuchynski (Belarus)            
DNF     Christian Knees (Germany)            
DNF     Francis De Greef (Belgium)            
DNF     Manuel Eduardo Medina Marino (Venezuela)            
DNF     Giovanni Visconti (Italy)            
DNF     Rubens Bertogliati (Switzerland)            
DNF     Michele Scarponi (Italy)            
DNF     Carlos Barredo Llamazales (Spain)            
DNF     Ruben Plaza Molina (Spain)            
DNF     Anders Lund (Denmark)            
DNF     Christopher Froome (Great Britain)            
DNF     Tyler Farrar (United States Of America)            
DNF     Frank Hoj (Denmark)            
DNF     Maciej Paterski (Poland)            
DNF     Andrew Bajadali (United States Of America)            
DNF     Svein Tuft (Canada)            
DNF     Roman Kreuziger (Czech Republic)            
DNF     Daniel Lloyd (Great Britain)            
DNF     Grega Bole (Slovenia)            
DNF     Wesley Sulzberger (Australia)            
DNF     Volodymyr Starchyk (Ukraine)            
DNF     Yukiya Arashiro (Japan)            
DNF     Ben Swift (Great Britain)            
DNF     André Greipel (Germany)            
DNF     Mauricio Ardila Cano (Colombia)            
DNF     Fabricio Ferrari Barcelo (Uruguay)            
DNF     Geraint Thomas (Great Britain)            
DNF     Lars Ytting Bak (Denmark)            
DNF     Matija Kvasina (Croatia)            
DNF     Thor Hushovd (Norway)            
DNF     Laurent Didier (Luxembourg)            
DNF     Guama Byron (Ecuador)            
DNF     Andrey Kashechkin (Kazakhstan)            
DNF     Stuart O`Grady (Australia)            
DNF     David Millar (Great Britain)            
DNF     Mathew Hayman (Australia)            
DNF     Simon Clarke (Australia)            
DNF     Janek Tombak (Estonia)            
DNF     Brent Bookwalter (United States Of America)            
DNF     Andrey Amador Bikkazakova (Costa Rica)            
DNF     Roy Hegreberg (Norway)            
DNF     Martin Mares (Czech Republic)            
DNF     Rein Taaramae (Estonia)            
DNF     Freddy Vargas (Venezuela)            
DNF     Evgeny Popov (Russian Federation)            
DNF     Mathias Frank (Switzerland)            
DNF     Tiago Fiorilli (Brazil)            
DNF     Nicolas Roche (Ireland)            
DNF     Christoph Sokoll (Austria)            
DNF     Taiji Nishitani (Japan)            
DNF     Dan Craven (Namibia)            
DNF     Borut Bozic (Slovenia)            
DNF     Magno Prado Nazaret (Brazil)            
DNF     Guennadi Mikhailov (Russian Federation)            
DNF     Grégory Rast (Switzerland)            
DNF     Timothy Gudsell (New Zealand)            
DNF     Jan Valach (Slovakia)            
DNF     Jay Robert Thomson (South Africa)            
DNF     Frederik Wilman (Norway)            
DNF     Jeremy Vennell (New Zealand)            
DNF     Olegs Melehs (Latvia)            
DNF     Alexander Porsev (Russian Federation)            
DNF     Jean-Pierre Drucker (Luxembourg)            
DNF     Nebojsa Jovanovic (Serbia)            
DNF     Ian Stannard (Great Britain)            
DNF     Andy Schleck (Luxembourg)            
DNF     Martin Garrido Mayorga (Argentina)            
DNF     Ryder Hesjedal (Canada)            
DNF     Marcel Sieberg (Germany)            
DNF     Gerald Ciolek (Germany)            
DNF     Matias Medici (Argentina)            
DNF     Russell Downing (Great Britain)            
DNF     Haavard Nybö (Norway)            
DNF     Istvan Cziraki (Hungary)            
DNF     Lars Petter Nordhaug (Norway)            
DNF     Valentin Iglinskiy (Kazakhstan)            
DNF     Alfredo Orlando Lucero (Argentina)            
DNF     Allan Davis (Australia)            
DNF     Zolt Der (Serbia)            
DNF     Gergely Ivanics (Hungary)            
DNF     Esad Hasanovic (Serbia)            
DNF     Carlos Ivan Oyarzun Guiñez (Chile)            
DNF     Ruslan Pydgornyy (Ukraine)            
DNF     Peter Wrolich (Austria)

Copyright © TBW
COMMENTI
GRANDE CADEL!!!!!
27 settembre 2009 17:47 diabollyk
evvai!!!! sono contentissimo lo stesso!!!! serio professionista che si allena sulle strade di casa mia e che pedala la mia stessa micidiale bici!!!!!!
p.s. belaverde e caproni vari....L'AVETE PRESO IN C... AH! AH! AH!

La vittoria del ciclismo PULITO
27 settembre 2009 17:48 Bartoli64
Grazie Cadel!
Grazie perchè con te oggi ha vinto la professionalità, il talento, l'onestà, in poche parole oggi ha vinto il ciclismo vero, quello PULITO!

E con te questo Mondiale lo hanno vinto un tecnico ed un preparatore di valore assoluto che rispondono la nome di Roberto Damiani ed Aldo Sassi, gente che crede solo nella forza della ragione, nella conoscenza e nel lavoro.

Mai come oggi il ciclismo ha avuto testimonial migliori di Voi!

Un VERO appassionato vi dice........GRAZIE!!!

GRANDE......
27 settembre 2009 17:54 trentiguido
Complimenti Cadel hai fatto una gara perfetta, ti hanno un pò sottovalutato ma tu da grande proff che sei e hai dimostrato sempre da molti anni ti meriti questa maglia. Anche quest'anno ha vinto un corridore uscito bene dalla Vuelta!!! www.guidotrenti.it

Italia troppo sicura
27 settembre 2009 17:56 gemellina
L'Italia e Ballerini hanno sottovalutato gli avversari, si sono eleminati da soli, alla fine un Cunego non in giornata brillante e questo doveva far cambiare tattica, non ha potuto niente, il più forte in senso assoluto Cancellara e Kolobnev ma nel ciclismo non vince sempre il più forte. Tanto di capello a Evans che si merita la maglia per la serietà che ha dimostrato in cariera

EVANS SUPERBO!!
27 settembre 2009 18:10 ale63
BRAVO EVANS! COMUNQUE L'IMPORTANTE E' CHE "VALV" E GLI ALTRI "CAPRONES" L'ABBIANO PRESO IN k..O!!! ALE

Bartoli64....
27 settembre 2009 18:13 trentiguido
Però siamo d'accordo su qualcosa.....anche se dire che ha vinto il ciclismo pulito è un offesa per il secondo terzo e via dicendo......visto che lei sà chi è PULITO comunichi la lista all'UCI!!! www.guidotrenti.it

Complimenti CADEL
27 settembre 2009 18:19 raggi
Molto bravo e sono felicissimo per la vittoria di CADEL, è riuscito a sfruttare la rivalità di altre nazionali.
Cunego sicuramente ha pagato la responsabilità avuta, corre meglio con testa libera. Sicuramente con Damiani sull'ammiaraglia Lampre ( così dice radio scarpa ) nel 2010, avrà una dirazione migliore e professional di quella avuta quest'anno.....................

quella maglia...
27 settembre 2009 18:20 overend
quella maglia iridata che gli era sempre sfuggita quando correva in mtb...lui che in mtb ,dopo martinez era considerato il migliore al mondo...lui che aveva vinto la coppa del mondo in mtb...lui che il mondiale lo aveva sempre perso ,compreso Are 1999, dove giunse UNDER 23 secondo dietro a Marco Bui... Lui ch oggi, io credo ci metta tutti d'accordo. Io credo che siamo tutti contenti che abbia visto una persona cosi.
GRANDISSIMO CADEL.

basta
27 settembre 2009 18:37 claudino
basta ciclismo pulito o spoco ha vinto un gran corridore corsa bella e forse se quel meccanico non ci metteva piu di un minuto a cambiare la ruota vvinceva il g di spagna.bravo cadel

Evans
27 settembre 2009 19:09 rufus
Degnissimo vincitore di un campionato del mondo veramente impegnativo. Evans è stato bravissimo a cogliere l'attimo decisivo, e si porta a casa una maglia iridata che si merita ampiamente. La nostra nazionale ha corso bene, ma non benissimo; infatti, a mio parere, nella fuga decisiva oltre a Cunego ci doveva essere un' altro dei nostri, Basso o Pozzato. Grande sconfitta è comunque la Spagna, che con tre uomini nel gruppetto poteva fare ciò che voleva, salvo poi scoprire che quello che ne aveva di più era il meno pronosticato dei tre, cioè Rodriguez Oliver.
Flavio Gibertoni

Perfetto
27 settembre 2009 19:19 slooping
Degno vincitore.

Come perdere un'altra buona occasione per stare zitto.
27 settembre 2009 22:29 Bartoli64
Sig. Trenti,
Io ho detto che con Evans ed il suo staff tecnico (Sassi e Damiani) ha vinto il ciclismo PULITO e con questo NON ho detto che il 3°, il 4° il 10° oppure il 50° non lo fossero.

La professionalità di Evans e le sue posizioni a riguardo del doping non le scopro certo io.

Il mio voleva solo essere un tributo alla serietà di questo corridore mentre Lei, invece, ha perso un'altra buonissima occasione per stare zitto!

E quale lista, poi, dovrei fornire all'UCI? Stia pur tranquillo che l'UCI sa benissimo chi ha dei valori 'normali' oppure un pò troppo 'ballerini' (caso Dekker docet).

E contento così? Ma guarda un pò te che elemento!

Bartoli64
27 settembre 2009 23:05 trentiguido
Vede come è bello essere tirati in ballo?.....cmq anche se ha provato a rigirarla come crede lei si è capito benissimo che ha detto che ha vinto il ciclismo pulito.....beato lei che sa' sempre qualcosa in più!!!!! Mi fà ridere avrà internet ma la mentalità è rimasta all'età della pietra!!!!! Cmq ogni persona la pensa come vuole ed io dico grande Evans e Cancellara 5 all'Italia e 4 alla Spagna!!!! E non parlo di doping se non conosco niente di nessuno non sò lei come può permettersi di farlo!!!!! Ps l'occasione di star zitto no la perderò mai come lei non perderà mai l'occasione di dimostrarmi che non capisce un ca...volo!!!! www.guidotrenti.it

evans e italia
28 settembre 2009 07:40 cavallopazzo
Ha vinto un corridore che ieri ha voluto rispondere a tutto e tutti, con una grinta e una concentrazione incredibile. Può perdere Evans ma non fa tanti proclami, è un uomo serio, sincero, senza fronzoli. Per l'Italia, la tattica non mi è sembrata un granchè e tanti uomini non erano in grande forma, vedi Ballan ma anche Garzelli che corse da 260 km non le fa più da un pezzo. Sacrificare Basso e Pozzato in quel modo mi è sembrata una brutta mossa mentre l'Australia che dalla Rai veniva un po' presa in giro è stata quella che si è assunta più responsabilità, tirando per un sacco di chilometri.
La vera sconfitta è la Spagna che poteva vincere tranquillamente ma si sono corsi contro. Rodriguez è stato il più furbo. Ieri se avessero corso meglio avrebbe vinto Sanchez.

Il percorso era duro ma strano e quella discesa alla fine favoriva più i forti discesisti che la scalatrice perchè sulle salite di vera vera differenza non ne abbiamo vista.

ma io mi chiedo...
28 settembre 2009 09:21 overend
ma trenti lo fa apposta o ha dei problemi mentali?adesso se la prende con bartoli64 solo perche dice che ha vinto il ciclismo pulito.
trenti, x l ennesima volta, vai a scuola a recuperare gli anni che hai perso. sei troppo duro di comprensione.. bartoli64 non sta accusando nessuno, ha solo reso onore (come tutti) a cadel evans. ma tu non ci arrivi.

Neuroni cerebrali
28 settembre 2009 10:16 Bartoli64
Sig. Trenti,
alla Sua ennesima fandonia Le ha già risposto compiutamente l'amico Overend.

C'è bisogno che lo faccia anch'io, oppure posso sperare che nella sua (poca) materia grigia sia rimasto almeno qualche neurone funzionante?

Ridicolo!

belaverde! sei emigrato?
28 settembre 2009 18:44 diabollyk
perchè invece di litigare tra di noi non ci chiediamo una cosa?! ma dov'è finito belaverde che tanto scriveva "hasta la victoria...quasi siempre!"???!!!
Quello si che è ridicolo!!!!!
infatti ora sta zitto....

BALAVERDE
29 settembre 2009 01:04 ale63
DOVE SEI FINITO BALAVERDE? FORSE NN TI SENTI BENE DOPO CHE IL TUO BENIAMINO NON HA COMBINATO NULLA NEANCHE QUEST'ANNO?? TI CONSIGLIO UN BUON MEDICO DI FAMIGLIA, FUENTES.... AH AH AH AH... ALE

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.

Davvero un bell'inizio di stagione, quello delle ragazze che portano i colori della Trek Segafredo. Nella notte italiana, infatti, il team statunitense - con Elisa Longo Borghini in prima fila - ha vinto il Criterium del Great Ocean Road Race,...


Ad Antioquia sono in pieno svolgimento le attività che precedono la seconda edizione del Tour Colombia 2.1: saranno 28 le formazioni che si batteranno dal 12 al 17 febbraio. Team Sky, Movistar Team, Deceuninck Quick Step, Astana Pro Team, Education First...


Nel 2020 pedalare tra Torino e Milano sarà ancora più facile per tutti i cicloturisti. Lungo il Canale Cavour e per 82 chilometri sarà possibile andarsene sulla due ruote in tutta serenità... per leggere tutto l'articolo CLICCA QUI


Ultime battute in Coppa del Mondo per l’azzurro Davide Toneatti, che è stato convocato dal commissario tecnico della nazionale di ciclocross Fausto Scotti per la gara del prossimo week end a Hoogerheide in Olanda. Ma ormai tutte le attenzioni sono...


Factor, l’ultimo brand entrato nella galassia di RMS, è entrato nel cuore degli appassionati grazie alle due stagioni passate con il team francese AG2R-La Mondiale,  un biennio in cui queste fantastiche bici hanno raccolto importanti vittorie nelle più dure e severe competizioni...


Selle San Marco si appresta a vivere un’altra entusiasmante stagione. Ecco le squadre che anche quest’anno hanno scelto di affidarsi alla qualità dei prodotti Selle San Marco per equipaggiare le proprie biciclette. Dalla strada alla MTB, Selle San Marco sarà...


Autorevolezza, responsabilità e carisma sono le basi di ogni giudice di gara ma anche nel segno della passione dell’impegno e della professionalità a tenere banco nel Convegno annuale dei Giudici di Gara sotto l’egida del comitato regionale FCI Puglia svoltosi...


Il Comitato Provinciale di Pisa della Federciclismo presieduto da Roberto Spadoni festeggerà in maniera semplice e sobria, atleti, società, dirigenti, addetti ai lavori protagonisti della stagione 2018. La cerimonia è prevista domenica mattina presso l’Enoteca Le Melorie Fagnani in Viale...


Lodetto è il centro del mondo o almeno da qui il mondo prima o poi ci pas­sa. Soprattutto se il mondo è quello del ciclismo, e si ha la necessità di incontrare se almeno per un attimo Giu­sep­pe Martinelli, uno...


È ormai tutto pronto per il debutto fra i professionisti del Team Beltrami TSA - Hopplà - Petroli Firenze, che avverrà domenica (27 gennaio) in Argentina, alla Vuelta a San Juan, gara di sette tappe che si concluderà il 3...


VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155

[X] Il nostro sito web utilizza i cookies (piccoli file salvati sul tuo hard disk) per migliorare la navigazione, analizzare l'accesso alle pagine web e personalizzare i propri servizi. L'utente è consapevole che, se esplora il nostro sito web, accetta l'utilizzo dei cookies.
Per maggiori informazioni consulta la nostra privacy policy