LA SCELTA DI BARDET. «SARA' IL MIO ULTIMO TOUR. NEL 2025 GIRO, DELFINATO PER CHIUDERE E POI... GRAVEL»

PROFESSIONISTI | 21/06/2024 | 15:11

Quello che scatta sabato 29 da Firenze sarà un Tour speciale per un corridore speciale: Romain Bardet. Che affronterà la Grande Boucle per l'ultima volta ma proprio alla vigilia ha firmato un prolungamento di contratto con il Team dsm-firmenich PostNL: nel 2025 Bardet disputerà il Giro d'Italia e poi chiuderà la sua carriera agonistica con il Delfinato.


Originario di Brioude, Romain ha esordito tra i professionisti con l'AG2R La Mondiale nel 2012 e nel corso degli anni è diventato uno dei corridori più importanti e rispettati del gruppo, ma anche uno dei più amati dai tifosi di ogni Paese.


Grande speranza del ciclismo transalpino, nel suo palmares ci sono i podi al Tour nel 2016 e nel 2017, tre vittorie di tappa, una maglia a pois, un argento mondiale e tanti piazzamenti nelle classiche più prestigiose.

Da quando è entrato a far parte del Team dsm-firmenich PostNL nel 2021, ha assaporato il successo alla Vuelta a España con una vittoria di tappa, ottenuto la top ten in classifica generale al Giro d'Italia e al Tour de France e un bellisimo secondo posto quest'anno alla Liegi-Bastogne -Liegi.

Non solo, nel 2022 gli è stato assegnato il premio ⁠International Fair Play per la sua sportività mostrata nei confronti di Julian Alaphilippe quando, dopo una brutta caduta alla Liegi, si è fermato ad assistere l'amico rinunciando ai sogni di gloria.

Come detto, il prossimo anno Bardet concluderà la sua carriera al Critérium du Dauphiné, una gara che ha un significato personale per lui. Ma non si fermerà: continuerà infatti a difendere i colori della formazione olandese cimentandosi nel gravel. Romain prenderà parte a molte gare fuoristrada durante la seconda metà dell'anno e potrà nel contempo trascorrere più tempo con la sua giovane famiglia.

Parlando dei suoi piani per il prossimo anno Romain ha detto: «In questo team mi sono trovato benissimo ed è stata una scelta naturale quella di continuare: questo è il modo in cui sognavo di finire la mia carriera. Spero di ottenere ancora qualche grande vittoria con la squadra nel 2025, soprattutto al Giro, punto al successo di tappa che mi manca. Sento anche di voler restituire qualcosa alla squadra in questa gara dopo averla affrontata insieme tre volte. Continuerò anche a lavorare con i corridori più giovani della squadra e ad aiutarli a raggiungere i loro obiettivi. Il Delfinato sarà la mia ultima gara su strada, poiché è la mia gara preferita del calendario. È la mia gara di casa, sono le strade su cui mi allenavo molto, quindi non potrebbe esserci un posto migliore per chiudere la mia carriera su strada. Dopodiché affronterò con entusiasmo una nuova sfida; nel gravel: sarà una sorta di transizione per me, ma darò il massimo in alcune corse internazionali e spero di fare bene anche ai Mondiali di Nizza nel 2025».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Qualcuno lo ha definito il nuovo Cannibale, perché non ha lasciato vittorie a nessuno. Lo sloveno domenica a Nizza salirà sul podio del vincitore e per lui questo sarà il terzo successo finale al Tour de France. «Quando Simon Yates,...


L'ultima tappa in linea della Grande Boucle numero 111 ha caratteristiche che ricordano quelle di ieri - chilometraggio contenuto e ben quattro gpm - anche se non si toccano i picchi altimetri del Vars e del Col de la Bonette....


Raffica di statistiche sulla diciannovesima tappa del Tour de France, redatte da Michele Merlino e dall'NTT Daily Stat. 15: POGACAR EGUAGLIA CAVENDISH E SUPERA MERCKX Con la 15ª vittoria di tappa, Tadej Pogacar raggiunge Freddy Maertens al 12º posto della...


Due ore dopo le donne, sabato 27 luglio sullo stesso identico percorso verranno assegnate le medaglie della crono individuale maschile. Ricordiamo che il tracciato misura 32, 4 chilometri, parte e termina nel cuore di Parigi ed è completamente pianeggiante, destinato...


Sarà la prima medaglia in assoluto per il ciclismo ai Giochi Olimpici di Parigi 2024: la cronometro su strada femminile aprirà la corsa all'oro per il mondo delle due ruote. L'appuntamento è fissato per sabato 27 luglio alle 14.30: per...


Chi pensava o sognava l’impresa impossibile, affermando che il Tour era ancora aperto è servito. Che oggi Tadej Pogacar arrivasse solo era una sentenza già scritta. Infermabile. Imbattibile. Però sentiamo se anche Mario Cipollini è dello stesso parere. Cipo, che...


La Status 2 di Specialized non è una bici comune. Anche se riceve lo stesso livello di ingegneria delle nostre Stumpjumper o Epic,  la differenza sta nella sua intenzione. Progettata per essere semplice e pronta a tutto, la Status 2 offre prestazioni eccezionali...


Dopo il terzo posto conquistato ieri da Rachele Barbieri al termine della prima tappa in linea, le atlete italiane continuano ad essere protagoniste del Baloise Ladies Tour. Sul traguardo di Zulte, dove si è conclusa la tappa odierna, Sara Fiorin...


Matteo Jorgenson e Wilco Kelderman hanno avuto il via libera dalla squadra per andare a conquistare la tappa, ma di fronte ad uno straordinario Tadej Pogacar, i loro piani sono saltati nel finale. Lo statunitense della Visma-Lease a Bike fino...


Tadej POGACAR. 10 e lode. Incontenibile e impareggiabile Tadej. Luce abbacinante di un Tour e di un ciclismo sublime che lui sa sublimare come nessuno. Lassù dove osano le aquile, questo ragazzo con il ciuffetto e il sorriso di chi...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi