VISMA LEASE A BIKE. L'ORA X SI AVVICINA: CHI CORRERA' IL TOUR?

PROFESSIONISTI | 17/06/2024 | 08:58
di Guido La Marca

Il conto alla rovescia si sta ultimando e l’ora X si sta avvicinando rapidamente in casa Visma Lease a Bike. Mancano ormai 13 giorni al via del Tour de France e ancora meno al giorno dell’annuncio della formazione che affronterà la Grande Boucle.


Concluso ieri il Giro di Svizzera, il team olandese sposta tutte le sue attenzioni ora su Tignes dove da settimane è al lavoro Jonas Vingegaard con un numero di compagni sempre crescente.


Le domande che ruotano sono sempre quelle: Vingegaard correrà il Tour? E quali saranno i 7 corridori del team?

Nello scorso mese di dicembre, i tecnici avevano ipotizzato una squadra composta da Vingegaard con Sepp Kuss, Matteo Jorgenson, Steven Kruijswijk, Dylan van Baarle, Christophe Laporte, Jan Tratnik e Tiesj Benoot al suo fianco.

Ma a fine marzo è caduto Van Aert che è stato costretto ad accantonare il progetto Giro d’Italia, prima ancora era finito a terra Kelderman lui pure costretto a rinunciare al Giro, quindi ad inizio aprile la brutta caduta di Vingegaard e per finire il brutto incidente di Van Baarle e Kruijswijk, entrambi con fratture, costretti a rinunciare al Tour.

Non solo, ma c’è anche Tratnik - che fra l’altro il prossimo anno passerà alla Bora - che è stato dirottato al Giro e quindi ha già speso molte energie.

E Van Aert? Ha ripreso al Giro di Norvegia con  buoni piazzamenti, ha come obiettivo i Giochi Olimpici ma a Tignes ci dicono che sta lavorando molto bene.
Al momento della formazione inizialmente pensata sono arruolabili Sepp Kuss, Matteo Jorgenson, Christophe Laporte, Jan Tratnik e Tiesj Benoot. Al loro fianco dovrebbe trovare spazio Kelderman con Van Aert.

E resta il dubbio Vingegaard: più passano i giorni, più cresce la fiducia, anche se la sua è una vera e propria corsa contro il tempo. Una corsa da vincere prima ancora che scatti l’altra corsa, quella più importante di tutte, il Tour de France.

Copyright © TBW
COMMENTI
Va Aert
17 giugno 2024 11:42 Arrivo1991
Van Aert. Correggere

visma
17 giugno 2024 12:21 fransoli
la formazione inizialmete prevista era quasi più ingiocabile della UAE.... ora molto dipende dallo stato di salute di Vinge, perché anche Sepp al momento sembra la brutta copia dei quello visto alla Vuelta.. è spuntato fuori Jorgenson in modo clamoroso, ma qualche dubbio sulla tenuta sulle tre settimane per uno della sua stazza me lo tengo ancora

@Fransoli
17 giugno 2024 18:38 Frank46
Il dubbio sulla tenuta delle 3 settimane è lecito ma conta molto di meno se deve fare da gregario.
Un gregario può prendersi i suoi momenti di "riposo" perché non deve curare la classifica.
Se massaggiatori e tecnici si accorgono che non sta recuperando bene in qualche tappa di montagna invece che sfruttarlo come ultimo o penultimo uomo gli chiederanno di lavorare molto prima e senza esagerare visto che oltre ad affaticarsi troppo rischierebbe di fare staccare anche tutti gli altri gregari della squadra se andasse a tutta.

A volte la Sky dei tempi d' oro alternava i vari Thomas, Wiggins e Richie Porte e Poels nei loro ruoli in modo da preservarli meglio.
Inoltre anche durante le crono possono andare a spasso per recuperare se ce n'è bisogno.

Se un gregario ha una giornata no neanche te ne accorgi perché può sembrare una tattica del team quella di chiedergli di entrare in azione prima.
La Visma probabilmente avrà comunque Kuss, Van Aert e Kelderman e la condizione di alcuni corridori potrà migliorare prima dell' inizio del Tour e anche durante.
Per me la Visma non sarà inferiore alla UAE.
Per un capitano basta solo essere leggermente meno performante e tutti lo notano di brutto.

Ma la UAE
17 giugno 2024 20:51 JeanRobic
Se Pogacar fora o ha una crisi in un momento determinante chi si ferma ad aspettarlo? Ayuso? Almeida? Yates? Per me è una squadra senza senso, a Pogacar servono soltanto Yates e uno che faccia il lavoro di Majka che può essere che ne so l'austriaco o Del Toro se lo porteranno.

Vingegaaard
17 giugno 2024 20:56 JeanRobic
Non so dalle foto ha qualcosa di strano, sembra ingessato, che non può sollevare neanche le braccia? Non so o alimentano il mistero o effettivamente non è pronto per il Tour, nelle foto fatte circolare non lo vedo granché bene, speriamo mi smentisca.

JeanRobik
18 giugno 2024 00:31 Frank46
Se Pogacar fora o ha un problema di sicuro si ferma Ayuso e probabilmente pure Almeida.

Del toro
18 giugno 2024 05:51 fransoli
Ha firmato un prolungamento mai visto fino al 2029... Io non lo porterei per bruciargli il motore già ora per un lavoro da gregario nella corsa delle corse... Il primo gt di solito non è mai il tour.. poi sicuramente lo porteranno

Frank46
18 giugno 2024 18:07 JeanRobic
Non credo, quelli vogliono almeno la top 5, di lavorare per Pogi non gliene frega nulla, nn hanno mai fatto gregariato in vita loro.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Le lacrime e il lungo abbraccio con la moglie Trine: questa è l’immagine di Jonas Vingegaard dopo il traguardo a Isola 2000. Il danese che il Tour lo ha vinto già due volte, nella diciannovesima tappa si è arreso, ammettendo...


Qualcuno lo ha definito il nuovo Cannibale, perché non ha lasciato vittorie a nessuno. Lo sloveno domenica a Nizza salirà sul podio del vincitore e per lui questo sarà il terzo successo finale al Tour de France. «Quando Simon Yates,...


L'ultima tappa in linea della Grande Boucle numero 111 ha caratteristiche che ricordano quelle di ieri - chilometraggio contenuto e ben quattro gpm - anche se non si toccano i picchi altimetri del Vars e del Col de la Bonette....


Raffica di statistiche sulla diciannovesima tappa del Tour de France, redatte da Michele Merlino e dall'NTT Daily Stat. 15: POGACAR EGUAGLIA CAVENDISH E SUPERA MERCKX Con la 15ª vittoria di tappa, Tadej Pogacar raggiunge Freddy Maertens al 12º posto della...


Due ore dopo le donne, sabato 27 luglio sullo stesso identico percorso verranno assegnate le medaglie della crono individuale maschile. Ricordiamo che il tracciato misura 32, 4 chilometri, parte e termina nel cuore di Parigi ed è completamente pianeggiante, destinato...


Sarà la prima medaglia in assoluto per il ciclismo ai Giochi Olimpici di Parigi 2024: la cronometro su strada femminile aprirà la corsa all'oro per il mondo delle due ruote. L'appuntamento è fissato per sabato 27 luglio alle 14.30: per...


I prodotti fanno certamente la differenza, ma un servizio post vendita eccellente non è alla portata di tutte le aziende. In questo caso Miche centra perfettamente i due obiettivi mettendovi a disposizione prodotti raffinati e performanti e una estensione gratuita della garanzia...


Nella penultima giornata di gare al velodromo “Ottavio Bottecchia” di Pordenone va in scena l’Omnium UCI riservato agli Open Maschili. La prova dell’Omnium è ormai da anni l’ultima delle prove UCI che si disputano durante la 6 giorni pordenonese e,...


Chi pensava o sognava l’impresa impossibile, affermando che il Tour era ancora aperto è servito. Che oggi Tadej Pogacar arrivasse solo era una sentenza già scritta. Infermabile. Imbattibile. Però sentiamo se anche Mario Cipollini è dello stesso parere. Cipo, che...


La Status 2 di Specialized non è una bici comune. Anche se riceve lo stesso livello di ingegneria delle nostre Stumpjumper o Epic,  la differenza sta nella sua intenzione. Progettata per essere semplice e pronta a tutto, la Status 2 offre prestazioni eccezionali...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi