LA MAMMA DI GINO MÄDER: «NESSUNO HA COLPE. QUANDO MI DISSERO CHE SAREBBE RIMASTO IN QUELLO STATO...»

NEWS | 07/09/2023 | 14:38
di Francesca Cazzaniga

A quasi tre mesi da quel 15 giugno in cui Gino Mäder trovò la fine della sua vita nella discesa dell'Albula, nel "suo" Giro di Svizzera, la madre Sandra ha rilasciato un'intervista al Südkurier. «Non ero presente in quella quinta tappa perché ero a un evento per lavoro - racconta la donna - e non so perché, avvertivo strane sensazioni. Pensate che quando qualcuno mi chiese se Gino avrebbe corso il Tour de France risposi "Non possiamo ancora dirlo con esattezza, in questo sport basta una caduta per stravolgere i piani." Già, dissi proprio così!»


La signora Sandra, detta affettuosamente "Heidi", ha affidato al giornale tedesco il racconto dei tragici momenti: «L'unico segno ben visibile era un taglio sopra la guancia, ma i danni cerebrali erano gravissimi e Gino non avrebbe potuto più respirare autonomamente. Quando il medico mi disse che mio figlio non sarebbe stato in grado nemmeno di dire "mamma" e che sarebbe rimasto in quello stato per sempre, senza poter né parlare né camminare, capii che io e mio marito Andreas dovevamo solo scegliere quando e se staccare le macchine che lo tenevano in vita... Se ci sono dei colpevoli? Non credo, purtroppo nel ciclismo certe cose possono succedere: il destino ha voluto che mio figlio morisse in quella circostanza.»


Copyright © TBW
COMMENTI
Parole di grande spessore umano...
7 settembre 2023 18:14 Osoistrac!
Nonostante lo straziante dolore che deve comportare la perdita di un figlio così giovane questa donna conserva una lucidità di pensiero e una capacità di analisi davvero encomiabile.
A lei va tutta la mia stima e vicinanza umana.

Un abbraccio signora
7 settembre 2023 18:54 Carbonio67
Le sue parole scaldano il cuore. Non si puo' che abbracciarla. Forza, la vita va avanti con Gino nel cuore

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il giorno dopo l’Amstel Gold Race il vento del nord porta con sé rumors di mercato che riguardano Demi Vollering. La campionessa nazionale dei Paesi Bassi, che nel 2023 ha messo la sua firma su 17 delle 62 vittorie della...


Per un attimo avevamo quasi pensato fosse un talento destinato a perdersi, invece Tobias Foss c’è ancora, eccome se c’è. Il norvegese classe 1997 ha vinto la prima tappa del Tour of the Alps 2024, imponendosi un po’ a sorpresa...


Mattia Bais è stato uno dei tre corridori a salire sul podio delle premiazioni al termine della prima tappa del Tour of the Alps 2024. Il trentino classe 1996 si è infatti guadagnato sul campo, dopo una giornata spesa quasi...


Gerben Thijssen ha ripreso ad allenarsi meno di due settimane dopo l'incidente di mercoledì 3 aprile nella Scheldeprijs, durante la quale ha riportato la rottura parziale dei legamenti della parte esterna della caviglia.Il 25enne corridore belga, vincitore del Trofeo Palma...


Tobias Foss e la Ineos Grenadiers mettono il sigillo sulla prima tappa del Tour of the Alps 2024, la Egna-Cortina Sulla Strada del Vino di 133 km. Il norvegese, già campione del mondo a cronometro nel 2022, ha regolato allo...


Lazer, azienda che progetta e realizza caschi da oltre 100 anni, ha da sempre come primo obiettivo quello di garantire più sicurezza ai ciclisti ma si dimostra lungimirante dedicando parte della sua grande attenzione all’ambiente. In quest’ottica il nuovo casco Verde...


Segnatelo in agenda con il circolino rosso: quello di domenica 21 in diretta su tuttobiciweb è un papuntamento di quelli da non mancare. Il clou della giornata dedicata al Bikefestival Lodigiano che si svolgerà a Graffignana sarà il 4° Memorial...


Una domenica a tutto ciclismo, quella che ci attende il 21 aprile con il Bikefestival Lodigiano che si svolgerà a Graffignana con la regia organizzativa del Pedale Casalese Armofer del presidente Mario Massimini e del general manager Luca Colombo che...


Le bici sono spaziali, i caschi formidabili, i body superaerodinamici… bello, tutto perfetto. Ma per ottenere una grande performance, come quella che sarà necessaria per puntare all’oro olimpico, quello che conta maggiormente è la “macchina umana”. A Parigi i quartetti,...


Perché cambiare se le cose sono andate bene? È quanto deve aver pensato Geraint Thomas nel programmare la sua stagione 2024, che prevede, così come nel 2023, il Tour of the Alps prima del Giro d’Italia. «Mi sento abbastanza bene...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi