VAN DER POEL. «IERI CADUTA STUPIDA, OGGI VOGLIO ESSERE AL VIA»

CICLOCROSS | 04/12/2022 | 08:16
di Francesca Monzone

Ieri a Boom Pidcock e Van der Poel, già grandi protagonisti della corsa di sabato scorso, hanno subito dimostrato la loro superiorità, ma qualcosa non ha funzionato e l’olandese è finito a terra proprio in quel punto in cui la sua Alpecin- Deceuninck aveva individuato una curva pericolosa.


La paura è stata tanta perché Van der Poel è rimasto a terra dolorante e immediatamente si è pensato che potesse aver riportato conseguenze importanti. L’olandese si è poi rialzato e ha concluso la gara al tredicesimo posto, anche se sul suo viso, erano evidenti le smorfie di sofferenza.


In molti hanno pensato che oggi al via di Anversa Van der Poel potesse mancare, ma così non sarà e il pubblico, finalmente, potrà seguire la sfida tra i tre più grandi del ciclocross: Pidcock, Van Aert e Van der Poel. «È stata colpa mia – ha detto Van der Poel dopo la gara di ieri -: non ero abbastanza concentrato e sono finito a terra».

L’olandese è risalito in sella alla sua bici, ma ha tagliato il traguardo con tre minuti di ritardo dal vincitore Pidcock. In Alpecin- Deceuninck c’era preoccupazione per il proseguimento della corsa e pensavano che dopo un paio di giri dalla caduta, l’ex iridato si sarebbe ritirato. Così non è stato e Mathieu ha rassicurato tutti sul fatto che sarebbe andato in gara oggi.

«Se non mi fossi sentito bene avrei preso in considerazione l’ipotesi di ritirarmi, ma qualche volta è meglio continuare a correre dopo una caduta». Il più preoccupato in squadra è il manager Christoph Roodhooft, che appare un po’ meno ottimista per la tappa di Coppa del Mondo di oggi. «Ho visto Mathieu e si è fatto molto male. Spalla, ginocchio, gomito e tutto il fianco sinistro. E’ stato uno stupido incidente e ha preso una bella botta davvero».

La vera condizione di Van der Poel si capirà solo durante la corsa e il pensiero maggiore rimane per il suo ginocchio e per la schiena, che in passato hanno tenuto lontano dalle gare l’olandese per lunghi periodi. Ieri al termine della gara a Van der Poel era stato chiesto se fosse preoccupato per le conseguenze della caduta: «Spero di non avere troppi problemi in gara ad Anversa, anche se so già che capirò il mio stato quando mi alzerò la mattina».

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Alla presentazione degli eventi primaverili RCS la scorsa settimana c'era pure Moreno Moser, vincitore nel 2013 della Strade Bianche. Dalla corsa senese giovane ma già mitica, e rinnovata quest'anno con doppio circuito finale e distanza complessiva di 215 chilometri, parte...


Il mese di marzo è alle porte e si comincia a sentire profuno di primavera, almeno per quel che riguarda il ciclismo. E la primavera, come preambolo alle grandi classiche, porta con sé l'appuntameto con le prime gare a tappe...


Q36.5 introduce Elemental: la nuova collezione per la primavera e l’estate del 2024. La nuova collezione si compone di due linee capisaldo del marchio bolzanino: Dottore Pro e Gregarius Pro. Nei prodotti Dottore Pro, Q36.5 utilizza un tessuto tridimensionale caratterizzato da un tempo di asciugatura più...


La Coppa San Geo che si corre sabato 24 febbraio con partenza da Ponte San Marco e arrivo a San Felice del Benaco, fin dalla sua prima edizione è stata seguita, descritta, corteggiata e vinta da giornalisti e corridori che...


Il più giovane della squadra è il lucchese Pini che compirà 19 anni il 7 marzo prossimo; quello con la maggiore età invece Senesi classe 2002. E’ una squadra giovane, tutta di under 23 la lucchese Gragnano Sporting Club-La Seggiola,...


“Aspettando…… il Tour de France” che partirà da Firenze il 29 giugno, arriva sabato prossimo la Firenze-Empoli, la classica promossa dai compianti Paolo Marcucci e Renzo Maltinti nel 1988 e che da allora apre in Toscana la stagione dei dilettanti....


Oggi, 14 anni fa, morì Vanni Pettenella. Grazie al Comune di Milano, e in particolare al Municipio 9, ho dato parole e voce a questo podcast sulla vita e i miracoli di un pistard geniale e semplice. A ricordo di...


La tappa più dura del Tour du Rwanda arriva già al terzo giorno su otto: sette Gran Premi della Montagna in 140 chilometri a premiare il giusto mix di tenuta e potenza. Un tragitto da Huye a Rusizi che premia...


In un ciclismo amatoriale che oggi sembra trasformato, continua a crescere la passione per il Gravel, del resto è piuttosto evidente che i nuovi appassionati si moltiplichino alla velocità della luce e con loro le manifestazioni dedicate in tutta la...


Un vero e proprio festival della UAE Team Emirates nella seconda tappa dell'UAE Tour, la crono di 12 km disputata con partenza e arrivo ad Al Hudayriyat Island. Ad imporsi è stato Brandon McNulty che ha pedalato a 53, 978...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi