L'ORA DEL PASTO. ALTAN, 80 ANNI DI PEDALATE NEL MAPPAMONDO QUOTIDIANO

COMPLEANNO | 29/09/2022 | 08:00
di Marco Pastonesi

Da solo, basco in testa, pantaloni tirati su, bici a mano: “La bici l’ho comprata, aspetto che mi dicano dove devo andare”.


In due, caschi in testa, in piedi sui pedali, in salita: il primo dice “La salita è bella perché dopo c’è la discesa”, il secondo precisa “Come la vita, che dopo c’è l’aldilà”.


In due, caschi in testa, in piedi sui pedali, ma in piano: il primo rivela “Guardo tutto con curiosità infantile”, il secondo ammette “Ci siamo dimenticati i pannoloni per il bambino che è in noi”.

E sì, è così. Perché in due, lei a piedi, foulard in testa, indice puntato, lo interroga “Dove vai?”, lui bici, con le borse a mano, casco in testa, si giustifica “A portare a spasso il bambino che è in me”.

Il bambino – quel bambino - compie, domani, ottant’anni, ed è in Francesco Tullio-Altan, semplicemente Altan, da scenografo e sceneggiatore a vignettista, umorista, autore, artista. E anche ciclista. Il papà del dio Trino, della cagnolina Pimpa, del metalmeccanico Cipputi, l’illustratore di Cristoforo Colombo e San Francesco, il commentatore dei nostri stati d’animo, anche quelli a pedali. Ironico, sarcastico, caustico. Secco, asciutto, diretto. Amaro, disarmante, folgorante. E certi suoi personaggi forse impotenti, ma sempre combattivi, mai rassegnati, comunque illuminanti. E certe sue atmosfere spesso leggere, sentimentali, poetiche. Pur in quei suoi ciclisti, cosce grosse e nasi forti, girovita abbondanti e occhi ittici, però irriducibili.

C’è l’Altan della “Pimpa in bicicletta” (Ediciclo, 2004), un cofanetto con 10 cartoline in cui compare la cagnolina che sembra indossare la maglia bianca a pois rossi del primo nella classifica dei gran premi della montagna al Tour de France (e con il commento di Giancarlo Pauletto). C’è l’Altan di “Tre uomini in bicicletta” (Feltrinelli, 2002), scritto da Paolo Rumiz, con le sue illustrazioni e le note tecniche di Emilio Rigatti, sono loro i “tre matti in mutande”, “la rispettabile maturità dei viaggiatori e le loro sacche da globe-trotter”, che lentamente affrontano duemila chilometri, fino a Istanbul, a forza di pedali. C’è l’Altan di “La strada per Istanbul” (Ediciclo, la prima edizione nel 2002, la nuova del 2022), il testo è di Rigatti, la copertina è sua. E ci sono anche le sue altre dieci copertine sempre per Ediciclo, da quel ciclista che non pedala, ma acrobaticamente volteggia, il piede sinistro sul perno centrale del manubrio, quello sinistro slanciato indietro, braccia danzanti, capelli al vento, nasone aerodinamico (da “Lo Zen e l’arte di andare in bicicletta” di Claude Marthaler, del 2010), fino a quei due, uno che recita “L’importante è partecipare” e l’altro che gli precisa “Sì, e che a tutti gli altri gli scoppino le gomme” (da “Il diario del gregario”, del 2004, modestamente mio).

Altan pedala nel mappamondo quotidiano. Considera, interpreta, commenta. E a parole, a immagini, a memoria, almeno per un attimo, lancia la fuga.

 

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il dramma di Davide Rebellin sembra non voler trovare una conclusione: l'autopsia, inizialmente fissata dalla Procura di Vicenza per il 13 dicembre, è stata infatti spostata a lunedì 19. Ad eseguirla è stato chiamato il medico legale Vito Cirielli. Lo...


Chi pedala per necessità in città lo sa bene, freddo e pioggia possono diventare una vera noia da affrontare negli spostamenti di tutti i giorni. Il commuter urbano avrebbe bisogno di una giacca versatile, calda, impermeabile, antivento e dotata anche...


È tutto finito. La B&B Hotels abbassa la saracinesca, non ci sarà una prossima stagione. Lo ha comunicato questa mattina Jerome Pineau, come riporta il quotidiano Le Telegramme. In una call conference durata due ore con tutti i corridori e...


Non era mai stato fermo così tanto tempo: Primoz Roglic ha ripreso a pedalare la settimana scorsa dopo uno stop di otto settimane a seguito dell'inervento chirurgico subito alla spalla, lesionata nella caduta della 16a tappa della Vuelta España. «L'intervento...


Nairo Quintana si è deciso al grande passo: dopo quattordici anni di vita in comune e due figli, il campione colombiano ha chiesto a Yeimy di sposarlo. E per farlo ha scelto di rispettare le tradizioni: proposta fatta in...


E’ nata il 6 dicembre Sofia Sangalli. E’ la primogenita di Giovanni Sangalli, il figlio dello storico cartografo delle corse rosa e altro ancora, Cesare Sangalli, i cui lavori sono distinti dalla celebre sigla “C.San.”, riconosciuto marchio di qualità, scomparso...


Non ha ancora un contratto per il 2023, ma da più di un mese Edward Ravasi è tornato ad allenarsi a buona intensità in vista della nuova stagione. Il 2022 è stata una di quelle annate da lasciarsi rapidamente alle...


Dopo i Beat Yesterday Awards di giovedì scorso, abbiamo raccolto qualche battuta da Filippo Ganna, reduce dall'intervento agli occhi che gli permetterà di affrontare il ritiro Ineos di Maiorca e tutto il resto della sua carriera e della sua vita...


La morte di Davide Rebellin approda al Parlamento Europeo. «Il 30 novembre scorso, l'ex campione di ciclismo Davide Rebellin, è morto investito da un camion durante un allenamento in bicicletta in provincia di Vicenza. Secondo le ricostruzioni della procura, l'investitore...


Gli olandesi Nki Terpstra e Yoeri Havik sono i primi leader della Sei Giorni di Rotterdam. Per i due tulipani ès tata una serata perfetta, la prima di gara, vistoc he hanno guadagnato un giro sugli avversari grazie ai 100...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach