LE VOCI DEGLI ITALIANI. TRENTIN: «PECCATO PER LA MEDAGLIA, FORSE CON BETTIOL NEL GRUPPO DI REMCO...»

MONDIALI | 25/09/2022 | 09:00
di tuttobiciweb

Soddisfazione e un pizzico di rimpianto: sono questi i sentimenti che albergano nel cuore degli azzurri al termine del campionato mondiale 2022. A caldo, queste le considerazioni dei nostri rappresentanti.


Lorenzo Rota è stato protagonista di una bellissima corsa: «Nell’ultimo chilometro ci simao guardati troppo e alla fine ci hanno ripreso per andarsi a giocare la volata. Mi spiace perché avevo fatto una bella corsa, la squadra ha dimostrato di andare forte, ma purtroppo oggi era impossibile contenere un corridore come Evenepoel. Sembrava di essere dietro moto: ho chiuso una vola, ho chiuso due, alla terza non avevo le gambe per andare a prenderlo».


Alberto Bettiol: «Non potevamo fare molto di più, avevamo studiato una tattica per cui Rota doveva muoversi per entrare in un gruppo grande, io e Bagioli dovevamo curare i big. Abbiamo rischiato, ma non eravamo noi quelli che dovevano tirare. Direi che alla fine possiamo essere soddisfatti della nostra corsa».

Samuele Battistella ha lavorato a lungo e spiega: «Il mio compito oggi era quello di anticipare per tenere la squadra tranquilla, ho dato il massimo. Ho onorato la maglia e sono felice di averlo fatto dopo una stagione difficile nella quale ho avuto il merito di non mollare mai».

Matteo Trentin ha chiuso al quinto posto sfiorando il podio: «Mi rode proprio non essere sul podio, sull’ultimo zampellotto le gambe erano quelle che erano, ma nell’ultimo chilometro abbiamo ripreso tutti. Nel finale sono venuto su davvero forte, peccato non essere arrivati alla medaglia, avevo le gambe per fare podio. Siamo rimasti imbrigliati in tatticismi di altre squadre che francamente non mi spiego. Resta però la grande impresa di Remco; penso che da anni non si vedeva qualcosa di simile in un mondiale. Con il senno di poi, parlando dieci minuti dopo la corsa, forse avremmo potuto mettere Bettiol nel gruppo di Evenepoel, ma credo che Remco oggi avrebbe vinto lo stesso» Sono convinto che se anche la gara avesse preso un'altra piega, il belga si sarebbe inventato qualcosa. Quindi complimenti a lui. Sono veramente contento di come hanno corso i miei compagni, mostrando un'ottima capacità di padroneggiare le diverse situazioni nonostante l'età media molto bassa».

in aggiornamento

Copyright © TBW
COMMENTI
Suvvia,Rota...
25 settembre 2022 23:48 pickett
Non spostare il discorso su Evenepoel,sai benissimo che non é quello il nocciolo della questione.Nessuno pretendeva che battessi il belga,il tuo obbiettivo era una delle altre due medaglie.Invece hai voluto fare il Maspes,bravo.Occasioni come quella di oggi,per chi non é un campione,capitano una volta sola in una carriera,e non ripassano mai più.

Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il dramma di Davide Rebellin sembra non voler trovare una conclusione: l'autopsia, inizialmente fissata dalla Procura di Vicenza per il 13 dicembre, è stata infatti spostata a lunedì 19. Ad eseguirla è stato chiamato il medico legale Vito Cirielli. Lo...


Chi pedala per necessità in città lo sa bene, freddo e pioggia possono diventare una vera noia da affrontare negli spostamenti di tutti i giorni. Il commuter urbano avrebbe bisogno di una giacca versatile, calda, impermeabile, antivento e dotata anche...


È tutto finito. La B&B Hotels abbassa la saracinesca, non ci sarà una prossima stagione. Lo ha comunicato questa mattina Jerome Pineau, come riporta il quotidiano Le Telegramme. In una call conference durata due ore con tutti i corridori e...


Non era mai stato fermo così tanto tempo: Primoz Roglic ha ripreso a pedalare la settimana scorsa dopo uno stop di otto settimane a seguito dell'inervento chirurgico subito alla spalla, lesionata nella caduta della 16a tappa della Vuelta España. «L'intervento...


Nairo Quintana si è deciso al grande passo: dopo quattordici anni di vita in comune e due figli, il campione colombiano ha chiesto a Yeimy di sposarlo. E per farlo ha scelto di rispettare le tradizioni: proposta fatta in...


E’ nata il 6 dicembre Sofia Sangalli. E’ la primogenita di Giovanni Sangalli, il figlio dello storico cartografo delle corse rosa e altro ancora, Cesare Sangalli, i cui lavori sono distinti dalla celebre sigla “C.San.”, riconosciuto marchio di qualità, scomparso...


Non ha ancora un contratto per il 2023, ma da più di un mese Edward Ravasi è tornato ad allenarsi a buona intensità in vista della nuova stagione. Il 2022 è stata una di quelle annate da lasciarsi rapidamente alle...


Dopo i Beat Yesterday Awards di giovedì scorso, abbiamo raccolto qualche battuta da Filippo Ganna, reduce dall'intervento agli occhi che gli permetterà di affrontare il ritiro Ineos di Maiorca e tutto il resto della sua carriera e della sua vita...


La morte di Davide Rebellin approda al Parlamento Europeo. «Il 30 novembre scorso, l'ex campione di ciclismo Davide Rebellin, è morto investito da un camion durante un allenamento in bicicletta in provincia di Vicenza. Secondo le ricostruzioni della procura, l'investitore...


Gli olandesi Nki Terpstra e Yoeri Havik sono i primi leader della Sei Giorni di Rotterdam. Per i due tulipani ès tata una serata perfetta, la prima di gara, vistoc he hanno guadagnato un giro sugli avversari grazie ai 100...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Mental Coach