PAUL DOUBLE, UN INGLESE NELLE MARCHE: «OBIETTIVO PROFESSIONISMO NEL 2023»

INTERVISTA | 10/06/2022 | 08:11
di Carlo Malvestio

Fisico da scalatore purissimo, cordiale, sempre sorridente, viso da ragazzino, un accenno di baffetto e un motore mica male. Paul Double, inglese di Winchester, in maglia Mg K Vis-Color for Peace-VPM, ultimamente si sta facendo notare a furia di mettere il bastone tra le ruote alle squadre WorldTour e Professional: al Giro dell’Appennino ha chiuso 6° dopo aver attaccato in salita a più riprese e all’Adriatica Ionica Race si è portato a casa una Top 10 in classifica generale, con un 3° posto di tappa a Brisighella.


«La mia stagione non è iniziata benissimo, perché sono stato colpito da una macchina in allenamento e questo, più che fisicamente, mi ha creato qualche timore dal punto di vista mentale – ha detto Double a tuttobiciweb -. Dal GP di Larciano in poi, però, la gamba ha cominciato a girare, ho fatto bene al Giro di Sicilia e al Tour of Hellas, nonostante un percorso poco adatto alle mie caratteristiche, poi all'Appennino e ora all'Adriatica Ionica Race. Sono rimasto deluso dalla tappa del Monte Grappa, volevo davvero vincere, invece mi sono lasciato prendere dalla foga e mi sono gestito male. Ho pagato la poca esperienza in salite così lunghe, non mi capita spesso di farle. A Brisighella, però, mi sono riscattato con un bel 3° posto».


I suoi risultati, però, arrivano da lontano, perché la sua carriera non si è sviluppata nella maniera più tipica per un corridore britannico. Double si è fatto le ossa con la Holdsworth-Zappi di Flavio Zappi, una squadra unica nel suo genere, e poi si è spostato in Italia per trovare fortuna e provare a spiccare il volo verso il professionismo.

«L'esperienza in Zappi è stata fantastica, mi ha fatto crescere come uomo ma anche come corridore – spiega ancora Paul -. Nel 2019 sono andato in Colpack, una grande squadra, ma non è andata benissimo, non sapevo l'italiano come lo so ora, ambientarsi non è stato facile, ho avuto qualche problema fisico e non ho nemmeno avuto le chances per provare a dimostrare il mio valore. In Mg K Vis, invece, mi sto trovando bene, ho continuità e sono nella migliore condizione della mia vita».

Double vive a Porto Sant’Elpidio, nelle Marche, e il suo corridore preferito è Vincenzo Nibali. È un classe 1996, non più giovanissimo per i canoni del ciclismo moderno: «Sto invecchiando e sto facendo di tutto per passare professionista. Ho quasi 26 anni, ma ho la faccia da 18enne, forse è per quello che la mia maturazione è arrivata così tardi – ammette ridendo Paul che, come certifica il suo profilo Instagram, è anche un buon performer con voce e chitarra -. La corsa dei sogni? Probabilmente il Tour de France, ma credo che mi divertirei di più a correre il Giro d’Italia. Spero davvero che qualcuno possa darmi una possibilità tra i grandi nel 2023». 

(Foto: SprintCyclingAgency)

Copyright © TBW
COMMENTI
Hai dimenticato i tuoi dati, clicca qui.
Se non sei registrato clicca qui.
TBRADIO

00:00
00:00
Il messaggio che arriva dal Tour of the Alps, una volta di più, è diretto a chi la bici la pratica per diletto, per sport, per passione. Indossate il casco perché il casco può salvare la vita: come accaduto alla...


È una storia che viene scritta dal 1997 sulle strade della Francia e del mondo. Una storia di coesione, sudore, superamento di se stessi, aiuto reciproco ed emozioni forti. Da 27 anni, Cofidis è protagonista chiave nel ciclismo mondiale. Cofidis,...


Promosso in prima squadra e subito con una maglia da titolare per una delle corse più importanti del mondo. È la favola di Gerben Kuypers che entra con effetto immediato nel roster della Intermarché Wanty e domenica sarà schierato al...


Sarebbe bello proporre soluzioni avanzate ad un prezzo altamente accessibile, no? È così che prende l’abbrivio la vita di due nuovi prodotti per VISION, ovvero per le ruote SC45 e SC60. Il marchio non ne fa mistero e si propone con queste due...


Nei giorni scorsi Geraint Thomas ha deciso di prendere la parola per esprimere il suo sconcerto perché a suo avviso, nonostante i numerosi incidenti in corsa, nessuno realmente sta lavorando per diminuire i rischi. La sicurezza nel ciclismo è un tema...


L’ultima tappa del Tour of the Alps, interamente trentina, in Valsugana, con partenza e arrivo a Levico Terme, presenta un chilometraggio ridotto, 118, 6 Km, ma numerose asperità che possono rimescolare i valori in campo. E la classifica...


La figura di Andrew August non passa inosservata. Minuto, agile e dai lineamenti che non mascherano affatto la sua giovane età, quello della classe 2005 di Rochester è un profilo che non può non spiccare fra la silhouette imponente di...


Colnago annuncia la collaborazione con Pitti Immagine per un evento ciclistico a Firenze nei giorni precedenti il ​​111° Tour de France. Ospitato alla Stazione Leopolda, dal 26 al 28 giugno, l'evento si chiamerà Be Cycle e Colnago esibirà le proprie...


La puntata di Velò andata in onda ieri sera su TvSei è stata particolarmente interessante, si è parlato di classiche, di Giro d'Abruzzo professionisti e juniores e di tanto altro ancora con Luciano Rabottini, Riccardo Magrini e il presidente della Regione Abriuzzo Marco...


Ciclismo e arte convivono nei ritratti di Karl Kopinski, pittore inglese appassionatissimo di bici che a suo modo parteciperà al Giro d’Italia: in occasione dell’arrivo della quinta tappa, Lucca ospiterà una mostra dell’artista dedicata ai campioni del pedale. La rassegna,...


TBRADIO

-

00:00
00:00
VIDEO





DIGITAL EDITION
Prima Pagina Edizioni s.r.l. - Via Inama 7 - 20133 Milano - P.I. 11980460155




Editoriale Rapporti & Relazioni Gatti & Misfatti I Dubbi Scripta Manent Fisco così per Sport L'Ora del Pasto Le Storie del Figio ZEROSBATTI Capitani Coraggiosi